Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Elfriede Jelinek

Le amanti

di Elfriede Jelinek

editore: La nave di teseo

pagine: 224

In un villaggio delle Alpi austriache due giovani donne, Brigitte e Paula, lavorano come operaie in una fabbrica di biancheria
19,00

Gli esclusi

di Elfriede Jelinek

editore: La nave di teseo

pagine: 314

Vienna, fine degli anni Cinquanta
20,00

Jackie

di Elfriede Jelinek

editore: La nave di teseo

pagine: 87

"Scritto nel 2002, il monologo]ackie, pur avendo una forte autonomia estetica e concettuale, è la quarta parte di una pentalog
9,00

Loro non come loro

di Elfriede Jelinek

editore: Effigie

pagine: 80

Due testi - un monologo e una pièce teatrale - che hanno per protagonisti (in forma di maschere, fantocci o chimere) tre figure centrali della cultura del Novecento. In lui non come lui la Jelinek segue le orme di Robert Walser sul sentiero malsicuro della scrittura poetica che scompone e scardina, fino a svelare, per frammenti, il punto in cui il linguaggio funge da ponte tra la follia e la poesia. Totenauberg invece mette in scena un allucinato incontro tra Heidegger e la sua allieva-amante Hanna Arendt. Sullo sfondo di quel Todtnauberg, già evocato da Celan e da Thomas Bernhard, dove Heidegger trascorse gli ultimi anni di vita, incuranti di una natura ormai corrotta, di un mondo che va in rovina, i due testimoni pronunciano i loro monologhi portando a collisione i rispettivi linguaggi, del restare e del partire: la patria e l'emigrante, l'ovvio e la precarietà.
12,00

Jackie

di Jelinek Elfriede

editore: Forum Edizioni

pagine: 80

In un monologo virtuoso e incalzante, gli episodi più celebri della vita di Jacqueline Kennedy scorrono sulla scena come le st
8,50

La pianista

di Elfriede Jelinek

editore: Einaudi

pagine: 294

La ricerca spasmodica e frustrante della vita e di un'identità sessuale, fra autolesionismo e voyerismo, spingono una quarantenne insegnante di pianoforte negli squallidi peep-show della periferia viennese, nei cinema a luci rosse o tra le siepi del Prater, prima di rientrare a casa, sotto le lenzuola del letto che condivide con la tirannica madre. Al centro della narrazione il tormentato rapporto di forza tra le due che trasformerà in catastrofe sadomasochistica il tentativo della donna di legarsi a un suo allievo. "La pianista" è il romanzo più conosciuto di Elfriede Jelinek, premio Nobel per la letteratura nel 2004.
12,50

Bambiland

di Elfriede Jelinek

editore: Einaudi

pagine: 72

In "Bambiland" si parla dell'intervento americano in Irak, si parla di come giunge a noi veicolato dai mezzi di comunicazione, si parla, infine e soprattutto, dei meccanismi con cui il conflitto, tutti i conflitti, agiscono nelle nostre teste. In questa opera destinata al teatro - per la quale è difficile trovare una definizione precisa - Elfriede Jelinek combina "I persiani" di Eschilo (il più antico dramma sul tema della guerra) a reportage trasmessi dalla televisione americana, in particolare la Cnn, informazioni sugli armamenti Usa e propri commenti. Con continui cambi di prospettiva, il premio Nobel mescola Eschilo con la lingua di tutti i giorni, impiegando ora l'ironia ora il sarcasmo.
8,50

L'addio. La giornata di delirio di un leader populista

di Jelinek Elfriede

editore: Castelvecchi

pagine: 65

Un Haider ormai ubriacato dall'amaro calice del potere è davanti ai fanciulli (rampolli o bambini?) del suo partito
6,00

La pianista

di Elfriede Jelinek

editore: Es

pagine: 312

19,00

Nuvole. Casa

di Elfriede Jelinek

editore: Se

pagine: 72

10,00

La pianista

di Jelinek Elfriede

editore: Einaudi

pagine: 277

16,53

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.