Libri di Enrico Testa

Sofocle, la solitudine di Filottete

Sofocle, la solitudine di Filottete

di Enrico Testa

editore: Il mulino

pagine: 184

Irti scogli, anfratti sul mare, animali dei monti allora siete voi la mia sola famiglia, e le pietraie scoscese le sole a cui
14,00
Bulgaro. Storia di una parola malfamata

Bulgaro. Storia di una parola malfamata

di Enrico Testa

editore: Il mulino

pagine: 142

Maggioranza bulgara, pista bulgara, editto bulgaro
12,00
Cairn

Cairn

di Enrico Testa

editore: Einaudi

pagine: 125

Cairn è una parola di origine gaelica che significa «mucchio di pietre» in due diverse accezioni: da una parte mucchi di pietr
11,00
Eroi e figuranti. Il personaggio nel romanzo

Eroi e figuranti. Il personaggio nel romanzo

di Enrico Testa

editore: Einaudi

pagine: 118

Interi scaffali di libri sono dedicati al personaggio romanzesco, e particolarmente intricata è la sua tipologia. Questo saggio di Enrico Testa si fonda invece su una scelta semplice e radicale: l'analisi di due soli grandi attori che, affrontandosi sulla scena del romanzo, ne determinano modalità e sviluppo. A partire da essi, "eroi" dal profilo assoluto in perenne dissidio con il mondo e "figuranti" che si misurano con la realtà e i suoi compromessi, il libro passa in rassegna gli argomenti del vero, del bene e del male; la riflessione sul linguaggio; il problema della costruzione o debilitazione dell'identità; il rapporto con il nichilismo, invadente presenza di un intero secolo. Muovendo da un'ipotesi critica che della letteratura si avvale per affrontare più ampie questioni etiche e antropologiche, Enrico Testa offre cosi al lettore sia un'originale interpretazione del romanzo novecentesco, sia un sintetico panorama delle sue figure più recenti e interessanti: da De Lillo ad Auster, da Saramago a Marìas, da Roth a Sebald.
15,50
Ablativo

Ablativo

di Testa Enrico

editore: Einaudi

pagine: 115

L'ablativo è un caso latino che non indica l'"io" né il possesso, non marca le attese né le esclamazioni, ma sintetizza un all
12,50
Pasqua di neve

Pasqua di neve

di Enrico Testa

editore: Einaudi

pagine: 126

Con la sua nuova raccolta Enrico Testa sembra togliere, fin dal titolo, le ultime speranze di resurrezione. Le mitologie poetiche erette a contrastare la caduta dei legami di senso sembrano non reggere più: il culto delle radici diventa "la delusione dell'origine", il dialogo con i morti diventa "la mancata intercessione dell'ombra", il dolore della condizione umana è "finta bellezza". Resta, in questi versi, un'attesa senza conforto, una separazione radicale senza prospettive di congiungimento. Questa condizione accomuna le voci diverse che si alternano nel libro, accostandosi e confondendosi con quella del poeta. Una fraternità di fantasmi senza illusioni di riscatto.
11,00
La sostituzione

La sostituzione

di Testa Enrico

editore: Einaudi

pagine: 106

Un inquieto colloquio fra vivi e morti, fra il senso di colpa di chi è sopravvissuto e la ricerca di silenzio di chi viene evo
8,26
Montale

Montale

Con videocassetta

di Testa Enrico

editore: Einaudi

pagine: 121

Le poesie di Montale sono state qualcosa che ha accompagnato i giovani degli anni Trenta e Quaranta come un talismano, il segn
15,24
Lo stile semplice

Lo stile semplice

Discorso e romanzo

di Testa Enrico

editore: Einaudi

pagine: 392

30,00
In controtempo

In controtempo

di Testa Enrico

editore: Einaudi

pagine: 90

Enrico Testa ha la capacità di plasmare sentimenti in sensazioni e viceversa
7,75