Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di J. Gottlieb Fichte

Lo stato commerciale chiuso

di J. Gottlieb Fichte

editore: Accademia vivarium novum

25,00

Meditazioni personali sulla filosofia elementare. Testo tedesco a fronte

di J. Gottlieb Fichte

editore: Bompiani

pagine: 704

Le "Meditazioni personali sulla filosofia elementare" furono composte tra la fine del 1793 e l'inizio del 1794, e cadono perci
40,00

Lo stato secondo ragione o lo stato commerciale chiuso. Saggio di scienza del diritto e d'una politica del futuro

di Fichte J. Gottlieb

editore: La vita felice

pagine: 204

Pubblicato nel 1800, "Lo Stato secondo ragione o lo Stato commerciale chiuso" è, da sempre, uno dei testi più discussi della f
14,50

Lo Stato di tutto il popolo

di J. Gottlieb Fichte

editore: Editori Riuniti Univ. Press

pagine: 360

Questo volume raccoglie scritti politici che appartengono all'intero arco di attività di Johann Gottlieb Fichte (1762-1814), e
23,50

Machiavelli scrittore

di Fichte J. Gottlieb

editore: Castelvecchi

pagine: 128

Un uomo assennato e coerente, capace di scorgere la complessità dell'animo umano e di comprendere come la vita di una comunità
12,00

Missione del dotto

Testo tedesco a fronte

di Fichte J. Gottlieb

editore: Bompiani

pagine: 477

Frutto di cinque lezioni tenute a Jena nel 1794, la "Missione del dotto" di Fichte è la più straordinaria descrizione moderna
20,00

Lezioni sulla destinazione del dotto (1811)­La dottrina della scienza, esposta nel suo profilo generale (1810)

di Fichte J. Gottlieb

editore: Mimesis

pagine: 230

Le "Lezioni sulla destinazione del dotto" rappresentano la versione della "Sittenlehre für Gelehrte" tenuta da Fichte nel 1811
18,00

Sistema di etica

Testo tedesco a fronte

di Fichte J. Gottlieb

editore: Bompiani

Pubblicato nel 1798, al termine del suo soggiorno presso l'Università di Jena, il "Sistema di etica" venne concepito da Fichte
36,00

Discorsi alla nazione tedesca

di J. Gottlieb Fichte

editore: Laterza

pagine: 254

I temi dell'Europa, del suo assetto costituzionale, della sua forma di governo; il rapporto tra identità europea e identità nazionali, regionali, locali; il tema della cittadinanza e dei diritti a questa collegati; il tema dello straniero, dell'originario, dell'ospitalità: questi i nodi concettuali presenti nel volume. E' proprio attraverso il concetto di nazione che Fichte critica la concezione moderna del potere, centrata sul concetto di sovranità statale territoriale e ipotizza un assetto politico dell'Europa che tenga conto delle differenze linguistiche e culturali, irriducibili al modello statuale uscito dalla Rivoluzione francese.
20,00

Introduzione alla vita beata. Testo tedesco a fronte

di J. Gottlieb Fichte

editore: San Paolo Edizioni

pagine: 608

Un ciclo di conferenze tenute ogni domenica mattina dalle 12 alle 13 presso la sala dell'Accademia delle Scienze di Berlino, nel periodo gennaio-marzo 1806, è la matrice e insieme l'occasione di questa Introduzione alla vita beata, nella quale conosce un apice di grande bellezza la filosofia che Fichte proferì come ispirata da un'intensa meditazione sull'Evangelo di Giovanni. Il grande filosofo di Jena vi 'traduce' in realtà le riflessioni da poco versate nell'ennesima riformulazione della sua impervia "dottrina della scienza", divulgandole a un pubblico ampio ed eterogeneo. Completano il volume la Cronologia, una Nota bibliografica, le Note al testo, Note di commento, Indice dei luoghi biblici citati, Indice dei nomi. Johann Gottlieb Fichte (Rammenau, 1762 - Berlino, 1814) è il primo dei grandi idealisti tedeschi. A lui spettò il compito di unificare la filosofia kantiana, andando alla ricerca delle supreme condizioni di possibilità di ogni sapere. A partire dal trascendentalismo kantiano approdò alla scoperta della Wissenschaftslehre (dottrina della scienza), al cui sviluppo speculativo rimase fedele per tutta la vita.
45,00

Fondamento dell'intera dottrina della scienza. Testo tedesco a fronte

di J. Gottlieb Fichte

editore: Bompiani

pagine: 686

È lo scritto capitale di Fiche (1762-1814), che sta alla base di tutte le sue successive (ben 11) rielaborazioni e anche delle altre opere fichtiane. Esso vuole dare una fondazione teoretica di tutto il sapere, dedotto da un unico principio assoluto: l'Io. Questo Io non è però una semplice astrazione, ma raccoglie in sé anche l'ideale del dovere e si pone, quindi, come la sintesi della teoria e della prassi, come punto d'orientamento del pensare e dell'agire. In questa edizione, curata da Guido Boffi, il saggio introduttivo ricostruisce il contesto problematico e storico-concettuale della genesi dell'opera e le sue premesse nelle precedenti indagini fichtiane.
21,00

I fatti della coscienza 1810-1811

di Fichte J. Gottlieb

editore: Guerini e associati

pagine: 239

Per Fichte l'importanza di un'introduzione alla Dottrina della scienza vera e propria subisce, nel periodo berlinese, un progr
26,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.