Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Libri di Pia Pera

Nina e Macchia e altre storie di alberi e giardini

di Pia Pera

editore: Salani

pagine: 80

Dall'autrice di "Al giardino ancora non l'ho detto" la ricchezza della natura, l'importanza di prendersene cura, e la meravigl
18,00

L'arcipelago di Longo maï. Un esperimento di vita comunitaria

di Pia Pera

editore: Ponte alle Grazie

pagine: 304

«Longo maï», in lingua occitana, significa «per molto tempo ancora»
18,00

La virtù dell'orto. Coltivando la terra si coltiva anche la felicità

di Pia Pera

editore: Tea

pagine: 144

Due passi in giardino, cesoie alla cintola
10,00

Apprendista di felicità. Una vita in giardino

di Pia Pera

editore: Ponte alle Grazie

pagine: 244

Dal 2006 al 2016, Pia Pera ha tenuto una rubrica per Gardenia, la più importante rivista italiana sui giardini
16,00

Al giardino ancora non l'ho detto

di Pia Pera

editore: Ponte alle Grazie

pagine: 224

"Per molti versi, avrei preferito non dover pubblicare questo libro, che non esisterebbe se una delle mie scrittrici preferite
14,00

Diario di Lo

di Pia Pera

editore: Ponte alle Grazie

pagine: 432

Ci sono personaggi, nei romanzi, che non parlano mai, sono raccontati da altri, visti dall'esterno
18,00

La virtù dell'orto. Coltivando la terra si coltiva anche la felicità

di Pia Pera

editore: Tea

pagine: 135

Due passi in giardino, cesoie alla cintola
9,00

La bellezza dell'asino e altri racconti

di Pia Pera

editore: Ponte alle Grazie

pagine: 251

Lo stato di natura ha sempre abitato tra le pagine di Pia Pera: è il luogo in cui ci si mette a nudo e ci si muove con dolce d
16,00

La virtù dell'orto. Coltivando la terra si coltiva anche la felicità

di Pia Pera

editore: Ponte alle Grazie

pagine: 135

Due passi in giardino, cesoie alla cintola
13,50

Al giardino ancora non l'ho detto

di Pia Pera

editore: Ponte alle Grazie

pagine: 215

"Per molti versi, avrei preferito non dover pubblicare questo libro, che non esisterebbe se una delle mie scrittrici preferite - non posso nemmeno incominciare a spiegare l'importanza che ha avuto nella mia vita, professionale ma soprattutto personale, il suo 'Orto di un perdigiorno' - non si trovasse in condizioni di salute che non lasciano campo alla speranza. Eppure. 'L'orto di un perdigiorno' si chiudeva con una frase che mi è sempre sembrata un modello di vita, un obiettivo da raggiungere: "Ho la dispensa piena". Oggi questa dispensa, forse proprio grazie alla sua malattia, Pia ha trovato modo di aprircela, anzi di spalancarcela. E la scopriamo davvero piena di bellezza, di serenità, di quelle che James Herriot ha chiamato cose sagge e meravigliose, di un'altra speranza. È davvero un dono meraviglioso quello che in primo luogo Pia Pera ha fatto a se stessa e che poi, per nostra fortuna, dopo lunga riflessione ha deciso di condividere con i suoi lettori. Non posso aggiungere molto, se non raccomandare con tutto il mio cuore la lettura di un libro che, come pochi altri, ci aiuta a comprendere la straordinaria avventura di stare al mondo." (Luigi Spagnol)
15,00

L'orto di un perdigiorno. Confessioni di un apprendista ortolano

di Pia Pera

editore: Tea

pagine: 208

Un orto o un giardino fuori casa sono capaci di donare un grande senso di pace e di pienezza. È quella beatitudine che fa assaporare il vento, le nuvole nel cielo, il pendio di una collina, uno scroscio di pioggia. In questo libro Pia Pera trasmette il senso di questa felicità descrivendo il suo apprendistato nei campi, la sua nuova vita in un podere della campagna toscana dove ha cercato di riannodare il legame spezzato con la terra. E suggerisce anche che invertire il senso di marcia di un'economia che sta distruggendo il nostro pianeta è possibile.
10,00

Il giardino che vorrei

di Pia Pera

editore: Ponte alle Grazie

pagine: 165

"'Il giardino che vorrei' mi sarebbe piaciuto leggerlo all'inizio, quando ho avuto a mia disposizione un podere: ero piena d'amore e d'entusiasmo, ma le mie idee erano quanto mai vaghe. Adesso sarei pronta a ricominciare da capo, non fosse che - nel frattempo - mi sono affezionata al mio, seppure imperfetto, giardino". Così Pia Pera racconta cosa l'ha spinta a scrivere queste pagine: accompagnare chi intraprende l'avventura con la terra considerando nove scenari possibili: acqua, sole, ombra, mare, pianura, collina, montagna, città e orto. A ciascuna evocazione di queste nove "scene primarie" segue un "dietro le quinte" dove si suggerisce come realizzare i nostri desideri botanici: che piante scegliere, come ospitarle al meglio. Sono i consigli e i punti di vista di una scrittrice che trafficando all'aria aperta ha trovato serenità e saggezza, desiderio e appagamento, spiritualità e concretezza. E l'ispirazione più potente per la sua straordinaria e sensuale produzione letteraria.
13,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.