Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Porfirio

Mathematikos. Testo greco a fronte

di Porfirio

editore: Bompiani

pagine: 768

Il filo rosso che collega gli scritti raccolti in questo volume è la scienza matematica
35,00

Essere vegetariani nell'antica Grecia

editore: Il Nuovo Melangolo

pagine: 70

L'abitudine di non mangiare carne affonda le sue radici nel mondo antico, e nella Grecia classica fu spesso legata a pratiche
7,00

Sull'animazione degli embrioni

di Porfirio

editore: Il Nuovo Melangolo

pagine: 91

Il trattato "Sull'animazione degli embrioni", inizialmente attribuito al medico Galeno, è oggi riconosciuto come opera del fil
7,00

Sui simulacri

di Porfirio

editore: Adelphi

pagine: 287

Porfirio di Tiro, allievo prediletto di Plotino, fu il filosofo più temuto dai Padri della Chiesa per la svettante intelligenz
17,00

Sentenze. Testo greco a fronte

di Porfirio

editore: Garzanti

pagine: 231

Le "Sentenze" sono una delle testimonianze speculativamente più rilevanti del rapporto tra Plotino e Porfirio
8,90

Filosofia rivelata dagli oracoli. Con tutti i frammenti di magia, stregoneria, teosofia e teurgia. Testi greci e latini a fronte

di Porfirio

editore: Bompiani

pagine: 727

Prima traduzione italiana di tutte le opere in cui Porfirio, filosofo neoplatonico allievo di Plotino, si cimentò nell'edificazione di una filosofia religiosa pagana alternativa al Cristianesimo, con l'esplicito intento di conferire una valenza mistica agli antichi responsi oracolari e alle pratiche magico-astrologiche, e di dare una valenza simbolica alle statue degli dèi; nella "Filosofia degli oracoli" troviamo la prima interpretazione allegorica degli Oracoli caldaici presentati come una rivelazione divina tipica dello zoroastrismo ellenizzato; nel trattato "Sul ritorno dell'anima" troviamo la spiegazione di come la "teurgia", una versione pagana della "grazia", possa agire sulla parte irrazionale dell'anima per purificarla e prepararla all'unione con il divino; nel trattato "Sulle immagini degli dèi" troviamo una simbologia filosofica applicata alle statue delle divinità greche, che in tal modo da "idoli" possono diventare autentiche "icone"; nella "Lettera ad Anebo" troviamo l'esposizione della precisa valenza della magia e della teurgia, in contrapposizione al suo allievo Giamblico. Se la "teurgia" serve solo per la parte inferiore dell'anima, e la "teologia" per la parte intellettuale, il punto di arrivo finale per Porfirio è la "teosofia", la piena e compiuta sapienza divina che riempie di sé l'anima ormai purificata e pronta alla henosis con il Principio.
30,00

Contro i cristiani. Testo latino, greco e tedesco a fronte

di Porfirio

editore: Bompiani

pagine: 615

Verso la fine del III secolo, al tempo di Diocleziano, il filosofo neoplatonico Porfirio scrisse un trattato "Contro i Cristiani" in cui prendeva di mira la nuova fede con un accurato esame storico, filologico, filosofico e teologico dell'Antico e del Nuovo Testamento. Già nel secolo precedente, al tempo di Marco Aurelio, il medioplatonico Gelso aveva scritto un'analoga opera anticristiana, per dimostrare che Gesù Cristo non può essere né il Logos dei filosofi greci né il Messia dei profeti ebrei, una tesi poi confutata da Origene di Alessandria. Porfirio non si limitò a riprendere gli argomenti di Gelso, ma si preoccupò di andare oltre e di rispondere a Origene sia sulla possibilità di conciliare la filosofia greca con il cristianesimo, sia sulla correttezza dell'uso ermeneutico dell'allegoria per interpretare le Scritture. L'opera fu proscritta da Costantino poco prima del Concilio di Nicea (325 d.C.), e definitivamente data alla fiamme in ogni sua copia nel 448 d.C. per ordine congiunto di Teodosio II e Valentiniano III, i due nipoti di Teodosio che regnavano rispettivamente sull'Impero d'Oriente e d'Occidente. Se ne persero così le tracce. Nel 1916, il teologo tedesco Adolf von Harnack ne raccolse i frammenti superstiti, attingendo ai Padri della Chiesa che si cimentarono in confutazioni delle tesi porfiriane (in particolare Eusebio di Cesarea, Macario di Magnesia, Girolamo e Agostino), e nei decenni successivi furono scoperti ulteriori frammenti in altri autori e in nuovi papiri.
20,00

Sullo Stige. Testo greco a fronte

di Porfirio

editore: Bompiani

pagine: 485

Questo è uno scritto allegorico, pervenuto in frammenti, in cui il filosofo neoplatonico del IV secolo d
15,00

Vangelo di un pagano

Testo greco a fronte

di Porfirio

editore: Bompiani

Fedele interprete e diffusore della filosofia di Plotino, Porfirio (233-305 ca
24,00

L'antro delle ninfe

Testo greco a fronte

di Porfirio

editore: Adelphi

pagine: 285

La letteratura classica nasconde alcune gemme che, per circostanze varie, non sono conosciute in maniera adeguata
15,00

Astinenza dagli animali

Testo greco a fronte

di Porfirio

editore: Bompiani

pagine: 564

Si tratta del principale testo filosofico dell'antichità che propone e giustifica la dieta vegetariana, del resto già praticat
27,00

Isagoge. Testo greco a fronte

di Porfirio

editore: Bompiani

pagine: 212

Isagoge è una breve introduzione alle Categorie di Aristotele, in cui Porfirio (233-305 ca
12,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.