Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Yona Friedman

Come vivere con gli altri senza essere né servi né padroni

di Yona Friedman

editore: Eleuthera

pagine: 183

Con il suo linguaggio visivo semplice e asciutto, Friedman compila questo piccolo manuale dell'utopista concreto che con stile
15,00

Alternative energetiche

Breviario dell'autosufficienza locale

di Friedman Yona

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 193

La nostra civiltà industriale consuma molta energia
17,00

a Hai un cane? È lui che ti ha scelto

di Yona Friedman

editore: Quodlibet

pagine: 92

"So che ci sono molti libri sull'addestramento dei cani, sui loro rapporti con i padroni e sul modo in cui dovremmo comportarci con loro. Ma so, per esperienza personale, quant'è difficile addestrare il proprio padrone. Ho quindi pensato che un manuale di buone maniere dedicato ai nostri padroni fosse davvero utile". Questo libro ha la forma di un fumetto scritto e disegnato da un cane e dal suo padrone. È un manuale di educazione per tutti coloro che vivono con animali domestici o con altri esseri viventi. Spiega, con semplicità e humour, "come vivere con gli altri senza essere né padroni né schiavi".
9,00

L'ordine complicato. Come costruire un'immagine

di Yona Friedman

editore: Quodlibet

pagine: 171

"Noi pensiamo allo stesso tempo per parole e per immagini
16,00

L'architettura di sopravvivenza. Una filosofia della povertà

di Yona Friedman

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 167

A chi spetta il diritto di decidere in materia di architettura? Come assicurare questo diritto alle persone cui esso spetta? Come farlo in un mondo che va verso una povertà crescente? Come sopravvivere in tale mondo? Sono queste le domande a cui Yona Friedman cerca di rispondere nel presente libro, che non vuole lanciare l'ennesimo attacco all'architettura moderna, ma tentare di proporre soluzioni che rispettino le condizioni di sopravvivenza della specie umana. Di fronte agli attuali problemi di impoverimento e di esaurimento delle risorse diventa indispensabile un'architettura "povera" che riscopra i valori naturali e le tecniche compatibili con un modo di vita più sobrio. Risponde a queste esigenze l'architettura di sopravvivenza. Essa, a differenza dell'architettura classica che mira a cambiare il mondo per renderlo favorevole all'uomo, cerca di limitare le trasformazioni, conservando solo quelle necessarie a migliorare e rendere abitabili gli ecosistemi esistenti. In altre parole, l'architettura classica trasforma le cose per adeguarle all'uso umano, mentre l'architettura di sopravvivenza prova a modificare il modo in cui l'uomo si serve delle cose.
16,00

Utopie realizzabili

di Yona Friedman

editore: Quodlibet

pagine: 238

16,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.