Il tuo browser non supporta JavaScript!

Lupetti: Comunicazione Teorie E Tecniche

Diversamente il Novecento. I diversi volti del moderno

di Eleonora Fiorani

editore: Lupetti

pagine: 247

L'oggetto di analisi è il Novecento non come secolo, ma come periodo decisivo per interrogarsi sui valori della modernità, sulla loro trasformazione o crisi. È la modernità a essere in questione, ieri rispetto all'idea di progresso e di nuovo e oggi nel dibattito che contrappone moderno e postmoderno. Il testo si concentra su alcuni aspetti che sono sembrati decisivi del Novecento, in grado di far emergere la sua diversità e l'eredità che ci ha lasciata; pone l'accento sulle sue rotture con due aspetti diversi e complementari: il primo aspetto è il mutamento della produzione e delle tecnologie, il secondo riguarda il rinnovamento dei linguaggi nell'arte, nelle scienze, nella storia, nel sociale, nella comunicazione. Una serie di saggi che analizzano veri temi, quali la produzione e la cultura industriale, i mutamenti dei saperi, la rivoluzione tecnico-scientifica e quella dei linguaggi artistici, le nuove arti meccaniche, la società di massa, i mutamenti della cultura materiale, la vita e il nuovo senso del corpo e l'attuale trasformazione in corso.
18,00

Il category management dello yogurt nella Grande Distribuzione

di David Pizzonia

editore: Lupetti

pagine: 143

Questo libro di David Pizzonia, uno dei maggiori esperti di marketing nella Grande Distribuzione, rappresenta uno strumento utile, rivolto agli uomini del marketing ma anche ai consumatori. Per conoscere il mondo dello yogurt e comprendere i comportamenti di acquisto dei consumatori. Il "Category management dello yogurt", dopo una breve introduzione al marketing e ai prodotti freschi in genere, spazia dalle osservazioni sui comportamenti di acquisto dei consumatori ai pensieri di category dei principali produttori, fino ad arrivare alla proposta finale di un display di reparto nei Supermercati che soddisfi sia il distributore che il cliente, contrapponendosi per questo ai tradizionali orientamenti per marca, pur utilizzati dalle più grandi insegne della distribuzione. Il libro è inoltre arricchito da tabelle con le varie quote di mercato suddivise per categoria, schemi e fotografie.
15,00

La fabbrica degli spot. Il making of del film pubblicitario

editore: Lupetti

pagine: 367

Una guida per conoscere le tecniche e le dinamiche della fabbrica degli spot in Italia e all'estero. Pensata per i manager del marketing e i creativi d¹agenzia, ma anche per gli studenti di cinema, comunicazione e marketing. Utile per tutti gli spettatori consapevoli, interessati a decifrare i codici della pubblicità televisiva. Non manca un'analisi del mercato degli spot: numeri, dinamiche e protagonisti, advertiser, brand, agenzie, registi, case di produzione, centri-media, concessionarie, emittenti. Raccoglie le indicazioni per realizzare spot step by step e con qualsiasi budget. Teoria e pratica della produzione, ricavate da esperienze sul campo, raccontate in modo chiaro e corredate da un elenco completo e illustrato di documenti di produzione: script, storyboard, break-down, ppm report, shot-list. I professionisti del settore: tutti i mestieri e le nuove professioni per fare spot in tv e su internet. I mezzi tecnici di ultima generazione. In appendice, il glossario degli spot: 900 termini tecnici e acronimi spiegati in modo chiaro e sintetico.
20,00

Leggere le tendenze. Nuovi percorsi di ricerca per il marketing

editore: Lupetti

pagine: 159

L'analisi qualitativa ha assunto un ruolo importante nello studio del comportamento di consumo; in particolare, il settore dei beni ad alto valore simbolico e sociale, come la moda e il design, manifesta un vitale interesse nella conoscenza e nella previsione delle tendenze e dei concetti sul teatro globale. Il volume raccoglie le testimonianze di noti ricercatori e consulenti nel settore dell'analisi qualitativa e nello studio delle tendenze, che espongono i loro metodi e riportano alcuni dei casi che hanno seguito. Un testo per lo studio della moda, del design e per l'analisi avanzata dei media.
14,00

Innovazione e Brand Experience. Sensitive Space System: comunicazione multisensoriale nel punto vendita

editore: Lupetti

pagine: 122

Questo libro illustra il percorso di idee e le fasi di realizzazione di un progetto inedito: il Sensitive Space System, ovvero uno "spazio sensibile" all'interno del quale il consum-attore diviene protagonista della sua relazione con il punto vendita, il processo di acquisto e un determinato marchio aziendale. Lo Spazio Sensibile è il nuovo "Tempio del Brand", nel quale è possibile sperimentare e riprodurre l'esperienza memorabile attraverso un utilizzo mirato delle tecnologie multisensoriali e l'approccio avveniristico della Interazione Naturale. Nell'attuale panorama della cultura di marketing, il testo rappresenta un esempio di multimedialità espressiva, poiché disegna la struttura di una nuova modalità di approccio al mondo dei consumi mediante una pluralità di voci e una visione trasversale che stimola a esplorare una ricca molteplicità di informazioni.
15,00

La fine della televisione

di Jean-Louis Missika

editore: Lupetti

pagine: 111

La televisione, così come la si è conosciuta, sta per scomparire anche se in pochi se ne sono accorti, affondando in un oceano di schermi, terminali, reti, portatili, che diffondono una quantità sterminata di immagini, suoni e parole da poter consumare a qualunque ora e dovunque. Questo significa che il ruolo di forum sociale che il mezzo televisivo ha svolto per decenni, lungo quelle che Missika chiama le sue età (paleo-, neo- e post-televisione), si va esaurendo. Ciò comporta che il servizio pubblico sarà sempre più sfasato rispetto ai ritmi imposti dalle innovazioni tecnologiche a costi decrescenti, e alle nuove generazioni che ne sono le consumatrici più accanite. La televisione d'antan potrebbe diventare allora un medium rivolto soprattutto alla terza e quarta età, con evidenti ricadute anche sulla raccolta pubblicitaria. D'altra parte, grazie alla diffusione di tecnologie facilmente utilizzabili (video-telefonino) si verifica un processo di de-specializzazione che investe le professionalità tradizionalmente attive nel mondo dell'audio-visivo, per cui si assisterà a un'offerta televisiva sempre più orizzontale e sempre meno verticale. "La televisione sta per diventare una sorta di juke-box" scrive Missika, lo stesso concetto di rete o canale sarà obsoleto, il pubblico si rivolgerà direttamente a chi organizza lo spettacolo o l'evento by-passando qualsiasi mediazione.
13,00

La pubblicità come lingua sovranazionale

di Helen Kelly-Holmes

editore: Lupetti

pagine: 247

La pubblicità, tradizionalmente, ha comunicato i suoi messaggi ai consumatori con forti identità locali e nazionali. Oggi, prodotti e produttori, agenzie pubblicitarie e media, sono ormai internazionalizzati. Nello sviluppo delle strategie che si rivolgono a un certo tipo di consumatore cosmopolita, il linguaggio pubblicitario prende nuove forme multilingue. Helen Kelly-Holmes esamina proprio la relazione schizofrenica che la pubblicità ha con il multilinguaggio e le implicazioni per le scelte linguistiche operate dal mercato. Da una parte, la pubblicità e altri settori del marketing, accentuano le differenze linguistiche per poter meglio vendere i prodotti e i servizi a diversi paesi o regioni. Dall'altra, al contrario, la pubblicità risponde a certe situazioni che sono di natura bilingue o multilingue cercando riferimenti linguistici comuni che si adattino alle diverse realtà.
20,00

I panorami del contemporaneo

di Eleonora Fiorani

editore: Lupetti

pagine: 235

Lo sguardo rivolto al corpo del territorio urbano, al modo in cui si offre alla visione, al tatto, all'olfatto, interrogando l'architettura e il design, mostra l'emergere degli "iperspazi", e dei nuovi tipi di "spazi del sé" e della comunicazione, del transito e della sosta, del consumo, della festa, del temporaneo, del margine e dell'assenza. È nei vissuti che emerge la città polifonica dalle molte lingue e identità, attraversata dalle diaspore, e si rendono visibili le tante città che abitano la città - con finale sconcertante sui mondi altri. È questo il tema centrale del libro di Eleonora Fiorani, teorica delle nuove scienze, che indaga qui le forme e i motivi del complesso mutamento del vivere che interessa tutti noi.
18,50

Note sulla postmodernità

di Michel Maffesoli

editore: Lupetti

pagine: 132

Cosa sta accadendo ai baluardi del moderno? Allo stesso modo della sua declinazione architettonica, la postmodernità è quindi una costruzione plurale fatta di "pezzi" differenti. Il testo tenta di chiarire le caratteristiche di questo mosaico insistendo su alcuni aspetti: la critica della doxa individualista; l'importanza del ludico e della funzione archetipale; la necessità di mettere in gioco, contro il razionalismo dominante, la "ragione sensibile"; l'aspetto essenziale dello spazio, ovvero il fatto che, in misura sempre maggiore, il luogo è il legame.
12,00

Manuale pratico di management

di Gianni Cottardo

editore: Lupetti

pagine: 130

Il libro è scritto in una forma didattica ed è corredato da oltre quaranta case histories, tecnica che è conosciuta ed apprezzata alla Harvard School of Business Administration. In questo modo si riescono a dare concretezza e realismo alle cognizioni che vengono trasmesse al lettore. Un indice analitico molto dettagliato sugli argomenti e i loro protagonisti facilita il loro reperimento sia agli operatori, agli studiosi che ai docenti. Un capitolo è riservato ai giovani, dove si trasmette una serie di consigli utili per facilitare la carriera, in un ambiente che oggi offre meno opportunità.
14,00

Le relazioni pubbliche nelle organizzazioni complesse

di Toni Muzi Falconi

editore: Lupetti

pagine: 250

Questo libro testimonia un intenso, lungo e appassionato percorso per consolidare anche in Italia un corpo di conoscenze sulle relazioni pubbliche che contribuiscono alla crescita sociale, culturale ed economica del Paese. Migliaia di giovani guardano oggi alle relazioni pubbliche come professione possibile e desiderabile, ma vengono anche scoraggiati dalla sua discutibile identità percepita. Il libro racconta dall'interno una professione che oggi viene praticata da almeno settantamila italiani, produce un indotto di oltre 10 miliardi di euro l'anno e che si propone di aiutare le organizzazioni a governare i sistemi di relazione con i loro pubblici influenti con modalità interattive e tendenzialmente simmetriche.
18,00

L'altra pubblicità. Dal neorealismo pubblicitario alla «Video on the road»: nuove formule e strategie per fare comunicazione

editore: Lupetti

pagine: 145

Questo libro presenta e documenta nuove idee e strategie per fare comunicazione
15,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.