Il tuo browser non supporta JavaScript!

Enti locali e fiscalità nel '900

Enti locali e fiscalità nel '900
titolo Enti locali e fiscalità nel '900
sottotitolo I cattolici e l'autonomia disconosciuta
Autore
Collana Università/Storia/Ricerche
Editore Vita e pensiero
Formato Libro
Pagine 224
Pubblicazione 2010
ISBN 9788834319611
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
19,00
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni

Dall’Unità d’Italia, l’amministrazione finanziaria degli enti locali si è caratterizzata per il diverso grado di autonomia dal potere centrale. Il tratto comune è stata un’inefficienza nella raccolta delle risorse e un’inefficacia nell’allocazione delle stesse rispetto alla domanda con un allentamento della sussidiarietà tra le istituzioni e della solidarietà tra le aree. Tali circostanze hanno consolidato la deresponsabilizzazione degli amministratori locali per la spesa, il legame oneroso con le banche e, infine, il dissesto finanziario trasferito sul debito pubblico. L’azione dei cattolici, fautori delle autonomie in opposizione allo stato liberale sabaudo e, poi, come elemento istituzionale della Repubblica si è dimostrata esitante nel momento della responsabilità di governo tra la realizzazione di un principio della propria identità politica e la prospettiva di uno Stato unico attore in grado di modernizzare il paese e di armonizzare le diversità. Questa indeterminatezza ha riguardato primariamente la Dc ed è andata di pari passo all’ambivalente posizione delle sinistre con il sostegno al decentramento, quale espressione democratica, dipendente però dall’intervento dello Stato di fronte agli squilibri finanziari degli enti locali. Il progetto di Vanoni per una fiscalità degli enti locali compartecipata con lo Stato fu attenuato da scelte legislative ispirate alla 'tutela dell’interesse nazionale’ come premessa a un’iniziativa riformistica. Questa necessità ha portato a un’autonomia disconosciuta con effetti negativi sulla funzionalità dell’amministrazione accompagnata da una debolezza delle classi dirigenti locali nei confronti dei vari corporativismi.

 

Biografia dell'autore

Andrea Maria Locatelli insegna Storia economica alla facoltà di Economia dell’Università Cattolica del S. Cuore di Milano. Tra le sue pubblicazioni: Riforma fiscale e identità regionale, Vita e Pensiero, Milano 2003; La Banca delle imprese. Storia del Mediocredito Lombardo, II, Fonti per la ricostruzione storica, Roma-Bari 2003; Il credito per l’imprenditorialità diffusa, Milano 2006; La riforma fiscale di Ezio Vanoni nella stampa di partito, in D. Ivone (a cura di), Ezio Vanoni tra economia politica cultura e finanza, Napoli 2008.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookies policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookies.

Acconsento