Il tuo browser non supporta JavaScript!

Il superficiale il profondo

Il superficiale il profondo
titolo Il superficiale il profondo
sottotitolo Saggi di antropologia pedagogica
Autore
Collana Università/Pedagogia e scienze dell'educazione/Ricerche
Editore Vita e pensiero
Formato Libro
Pagine 368
Pubblicazione 2006
ISBN 9788834313091
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
23,00
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
Questo libro prospetta, attraverso undici percorsi tematici, l’idea di paideia empatica. Più che di una specifica categoria pedagogica, si tratta di un modo nuovo di vedere e pensare l’uomo e l’educazione nel nostro tempo: nella luce intellegibile della forma personale, ‘scoperta’ per l’amore di predilezione.
È una proposta assai attuale, in un momento storico in cui la difficoltà a comunicare si accentua in modo iperbolico, favorendo ‘cattive’ forme di solitudine. E soprattutto i più giovani sono segnati dall’insostenibile pesantezza di un male di vivere, innanzitutto e per lo più connesso con la condizione umana nel tempo del nichilismo compiuto, che genera spesso vite spente, esistenze fratte e un sentimento opaco d’indifferenza.
I capitoli di questo volume disegnano un’antropologia pedagogica «ultra-moderna»: mentre sceglie d’assumere la ‘verità’ del nichilismo, essa intende oltrepassarlo – non vuole accettarlo come ‘destino’ ineluttabile dell’Occidente. Per un verso, è suo impegno prioritario pensare l’educazione e la formazione dell’universo personale, facendo segno anche sull’esperienza dello scacco, alla quale il nichilismo ci ha resi sensibili. Per un altro verso, va oltre la prospettiva dell’«uomo superficiale», enfatizzata dal pensiero debole: essa vede e interpreta la superficie come superficie della profondità. Nessun fenomeno determinato di una realtà ne è manifestazione adeguata e nessuna esperienza educativa esprime tutte le potenzialità dell’educazione. è necessario, piuttosto, seguire le tracce, ricostruire i frammenti che consentano d’intendere, attraverso / oltre l’esperienza, la prefigurazione di un autentico poter essere.
L’antropologia pedagogica di stile empatico, da ultimo, ha il suo orizzonte adeguato in una visione filosofica della vita e del mondo come anamorfosi personale dell’essere. L’universo è forse un immenso congegno pedagogico che può preparare l’avvento della forma più alta d’esistenza. Questa è prefigurata dall’«amore pedagogico» di un educatore autentico: egli sa offrirsi, donarsi e dirsi, senza nulla voler trattenere per sé.
 

Biografia dell'autore

Antonio Bellingreri è professore ordinario di Pedagogia generale all’Università degli Studi di Palermo. Con Vita e Pensiero ha pubblicato Per una pedagogia dell’empatia (2005).

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookies policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookies.

Acconsento