Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

L'iniziativa parlamentare delle leggi

L'iniziativa parlamentare delle leggi
Titolo L'iniziativa parlamentare delle leggi
Autore
Argomenti Diritto, Economia e Politica Diritto
Law
Editore Giappichelli
Formato
libro Libro
Pagine 272
Pubblicazione 2023
ISBN 9788892146198
 
Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
38,00
L'unico studio monografico dedicato, nell'Italia repubblicana, all'iniziativa parlamentare delle leggi è quello di Pier Giorgio Lucifredi e risale al 1966. Basterebbe far notare che è passato più di mezzo secolo per giustificare l'intento del contributo che qui si presenta, avente il medesimo oggetto. Naturalmente non è questa l'unica ragione, ma può essere utile muovere proprio dall'impostazione dello scritto di Lucifredi per illustrarne delle altre. Il volume del 1966, dopo l'introduzione, è diviso in quattro parti. La prima concerne la titolarità del potere di iniziativa (in larga misura, ospita profili storici e di diritto comparato) . La seconda parte è volta a esaminare le "funzioni" dell'iniziativa parlamentare, a classificare le iniziative dei parlamentari di maggioranza e di opposizione (secondo il modo in cui esse si atteggiano in rapporto al Governo e agli elettori), a mettere in risalto - al contempo - "vitalità" e "necessità" dell'iniziativa parlamentare. Così Lucifredi delinea la cornice entro la quale situare, in modo equilibrato, il tema degli "abusi" dell'iniziativa parlamentare e degli inconvenienti che ne derivano. In effetti, è proprio questo argomento che sembra - e ciò traspare fin dall'inizio del volume - centrale per l'Autore. Esso viene sviluppato nella parte terza, dedicata ai "limiti dell'iniziativa parlamentare". Questi vengono distinti in due categorie. Dapprima, vengono indicati i limiti "nascenti dai principi". Ad esempio, argomenta Lucifredi, l'iniziativa parlamentare deve considerarsi esclusa per tutte le leggi di approvazione e di autorizzazione . Dipoi, sono enumerati i limiti "nascenti dal diritto positivo", come quelli scaturenti dalla "preclusione" o dall'iniziativa ad altri riservata. A questi l'Autore accosta i limiti posti dalla disciplina di partito o di gruppo. Dopodiché, nella quarta e ultima parte, Lucifredi si sofferma sulle "prospettive di riforma", tutte volte - ciò che corrobora la chiave di lettura proposta - a limitare ulteriormente l'iniziativa parlamentare.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.