Il tuo browser non supporta JavaScript!

Visioni musicali

Visioni musicali
titolo Visioni musicali
sottotitolo Rapporti tra musica e arti visive nel Novecento
autore
curatore
collana Università/Storia dell'arte
editore Vita e pensiero
formato Libro
pagine 200
pubblicazione 2010
ISBN 9788834318614
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
18,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
Il volume raccoglie gli atti del convegno: «Visioni musicali». Rapporti tra musica e arti visive nel Novecento (Università Cattolica di Milano, 12 maggio 2006) e alcuni contributi connessi al tema di quell’incontro. Nei diversi interventi sono trattate molte delle infinite declinazioni del tema, vasto e sfaccettato, del confronto tra l’espressione visiva e quella sonora. Si spazia da saggi di carattere storico, a firma di studiosi della materia, a testimonianze provenienti dal fronte creativo: di artisti che guardano alle possibili implicazioni della propria ricerca con il mondo della musica, anche sotto l’aspetto procedurale, e di compositori che si ispirano o cercano di ipotizzare contaminazioni tra il linguaggio dei suoni e quello dei colori e delle forme. Corrispondenze, scambi, ibridazioni: queste le direttrici principali di un dialogo che ha conosciuto, dalla fine del XIX secolo a oggi, molteplici linee di sviluppo. Dall’età simbolista alla stagione delle avanguardie storiche, dai fermenti novatori degli anni Sessanta e Settanta fino alle manifestazioni più recenti delle due discipline, musica e arti visive non hanno mai cessato di scrutarsi, confrontarsi, influenzarsi. Una relazione tormentata ed entusiasmante, di cui questo libro tenta di dar conto con la vivacità di un’esperienza vissuta.
 

Biografia dell'autore

Francesco Tedeschi (Milano, 1962) è professore associato di Storia dell’arte contemporanea nell’Università Cattolica di Milano. Le sue ricerche spaziano dall’Ottocento al Novecento, con contributi sulle avanguardie storiche e su singoli protagonisti dell’arte contemporanea. I suoi interessi sono andati orientandosi verso lo studio dei fenomeni dell’arte visiva in rapporto con le discipline umanistiche contemporanee. Per Vita e Pensiero ha pubblicato La Scuola di New York. Origini, vicende, protagonisti (2004). Il presente volume scaturisce dall’argomento di un corso universitario tenuto nell’anno accademico 2005-2006. Paolo Bolpagni (Brescia, 1979). Dopo aver compiuto studi musicali, si è laureato e specializzato in Storia dell’arte contemporanea nell’Università Cattolica di Milano. È autore di pubblicazioni sull’illustrazione d’inizio Novecento, l’astrattismo in Italia, il rapporto tra suono e colore nella cultura europea dal XVIII secolo a oggi, le ‘partiture visive’ delle neoavanguardie. Attualmente è impegnato in una ricerca inerente all’influenza del wagnerismo sulle arti nel nostro Paese. Dirige la Collezione Paolo VI - arte contemporanea di Brescia - Concesio.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento