Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Dagli abissi oscuri alla mirabile visione. Letture bibliche al crocevia: simbolo poesia e vita

titolo Dagli abissi oscuri alla mirabile visione. Letture bibliche al crocevia: simbolo poesia e vita
Autore
Argomento Storia, Religione e Filosofia Religione
Collana Dabar, 17
Editore Marietti 1820
Formato
libro Libro
Pagine 504
Pubblicazione 2008
ISBN 9788821168284
 
Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
35,00
Il saggio è dedicato a quattro "arazzi" biblici di straordinaria intensità e bellezza: Giona, il Cantico dei Cantici, il libro di Giobbe e Genesi 22, con Abramo che alza il coltello sul figlio Isacco, per immolarlo. I testi scelti sono "esperienze-racconto" profonde, capaci di interpellarci e coinvolgerci ad ogni livello. I personaggi fanno esperienza della vita, in tutto il suo "fascinoso e tremendo". Può essere l'esplodere dell'amore, il morso del dolore o una richiesta divina che sfiora l'assurdo. Ed eccoli allora, gli uomini biblici, precipitare nel fondo, scendere negli abissi oscuri dell'esistenza, dove angoscia, non-senso, oscurità sembrano prevalere. Eppure nella Bibbia qualcosa sempre i personaggi vedono: può essere la mirabile visione di Giobbe, il perdersi e ritrovarsi incessante degli amanti del Cantico o solo uno spiraglio, come Giona finalmente fuori dal ventre del grande pesce. L'esperienza biblica è esperienza umana: nessuno se ne può dire estraneo, perché di amore, di dolore, di ricerca incessante di se stessi, di Dio, della realtà intera si parla. I racconti biblici sono viaggi iniziatici e di divinizzazione: narrano iniziazioni e chiamano il lettore a viverne, perché scenda dentro se stesso, visiti la sua interiorità, si apra alla realtà tutta e la scopra trinitaria, umana, divina e cosmica insieme, "cosmoteandrica".
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.