Il tuo browser non supporta JavaScript!

Debito pubblico. Come ci siamo arrivati e come sopravvivergli

Debito pubblico. Come ci siamo arrivati e come sopravvivergli
titolo Debito pubblico. Come ci siamo arrivati e come sopravvivergli
Autori ,
Argomento Adozioni Scienze Bancarie, Finanziarie e Assicurative
Editore Vita e pensiero
Formato Libro
Pagine 264
Pubblicazione 2022
ISBN 9788834343609
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
17,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
Dopo due anni di pandemia, l'Italia si ritrova con un debito pubblico di oltre 2.700 miliardi di euro, il 155% del PIL, il livello più alto in periodo di pace mai accumulato dal Paese. Sono più di 45.000 euro a testa per italiano, infanti compresi. Come ci siamo arrivati? Che conseguenze ha un debito così alto sul funzionamento dell'economia? Dobbiamo preoccuparcene? E soprattutto, come possiamo uscirne? Per rispondere bisogna anzitutto capire cos'è davvero il debito pubblico, a cosa serve, cosa ne garantisce la sostenibilità nel tempo. E per farlo occorre anche chiarire come siamo arrivati a questo punto, tra la visione corta dei governanti e la furbizia sciocca dei governati, aggravate dalle inefficienti dinamiche politico-istituzionali. Dopo aver discusso criticamente le soluzioni facili e apparentemente indolori al problema, così popolari sui social (a cominciare dal ripudio del debito, la sua ristrutturazione, l'uscita dall'euro e le possibili patrimoniali, per finire con il sogno della monetizzazione perpetua, l'equivalente moderno dalla manna biblica), nel saggio Debito pubblico Massimo Bordignon e Gilberto Turati suggeriscono una via d'uscita per il futuro. Perché se è vero che il mostro è brutto, non è però imbattibile. Sempre che si voglia batterlo. Viviamo in un mondo strutturalmente diverso dal passato e i tassi di interesse resteranno bassi per lungo tempo. Questo offre la possibilità di ridurre significativamente il peso del debito italiano a costi limitati. Ma va ritrovata la strada della crescita, sfruttando gli spazi offerti dalle nuove politiche europee e avviando la realizzazione delle molte riforme di cui il Paese necessita da tempo. Un'opportunità unica che sarebbe imperdonabile non cogliere.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.