Il tuo browser non supporta JavaScript!

Miti di ieri, storie di oggi. La tragedia greca racconta le passioni e il destino del nostro mondo

Miti di ieri, storie di oggi. La tragedia greca racconta le passioni e il destino del nostro mondo
titolo Miti di ieri, storie di oggi. La tragedia greca racconta le passioni e il destino del nostro mondo
Autore
Argomento Ragazzi Letteratura per ragazzi
Collana Feltrinelli Kids. Saggistica narrata
Editore Feltrinelli
Formato Libro
Pagine 144
Pubblicazione 2020
ISBN 9788807923289
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
13,00
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
Su uno scoglio esposto alle onde del mare è incatenata una bellissima ragazza. Arriva in volo un eroe. Lei gli rivela che sta per morire divorata da un mostro. A queste parole lui, perdutamente innamorato, si impegna a ucciderlo, e lei gli promette che diventerà sua moglie. Non è la trama di un film fantasy, è l'inizio dell'Andromeda di Euripide, una tragedia che fece scalpore ad Atene nel V secolo a.C.: per la prima volta venne messo in scena l'innamoramento tra un uomo e una donna, Perseo e Andromeda. Sono passati oltre due millenni da quando la tragedia è stata "inventata" in Grecia ma, come diceva Aristotele, la tragedia greca è più universale della storia: non esaurisce la sua forza nel giro di una o due generazioni, ma la conserva indefinitamente. Il filosofo Gorgia sosteneva che il teatro è un inganno, perché sul palcoscenico gli attori fingono di essere quello che non sono, ma aggiungeva che questo inganno è utile a chi si lascia ingannare. Il tragico - che Giuseppe Zanetto evoca e narra in queste pagine - non è solo dentro il mito rappresentato sul palcoscenico, ma anche nella mente e nel cuore di chi assiste. La tragedia, infatti, costringe gli spettatori a porsi le stesse domande che danno senso alla vicenda e alle nostre vite ancora oggi. Età di lettura: da 10 anni.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.