Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Lo spazio dello scrivere

Lo spazio dello scrivere
Titolo Lo spazio dello scrivere
Sottotitolo Computer, ipertesto e la ri-mediazione della stampa
Autore
Collana Università/Media spettacolo e processi culturali/Ricerche
Editore Vita e pensiero
Formato
libro Libro
Pagine 250
Pubblicazione 2002
ISBN 9788834307410
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
22,00
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
«Lo spazio dello scrivere» costituisce ormai un classico della letteratura scientifica sulle nuove tecnologie della comunicazione. Uscito originariamente nel 1991, il principale lavoro di Bolter viene qui ripresentato in seconda edizione, completamente riveduta e aggiornata. Il libro non si limita a passare in rassegna i nuovi mezzi, alla luce dei processi di digitalizzazione e dell'esplosione del world wide web, ma ne indaga le radici culturali, portando alla luce i debiti che le tecniche più avanzate hanno contratto con l'intera riflessione filosofica sul significato della scrittura, della memoria e dell'arte. Linguistica e semiotica, sociologia e antropologia offrono all'autore una serie di strumenti interpretativi, di cui la ricerca si avvale in un percorso complesso e denso di suggestioni. Il mondo di meraviglie di bit e silicio in cui Bolter ci guida è presentato in una prospettiva pienamente umanistica, in cui tutto ciò che l'uomo crea (anche quanto sembra allontanarsi per vivere di vita propria) svela qualcosa del suo pensiero e della sua sensibilità.
 

Biografia dell'autore

Jay David Bolter, docente di New Media nella Scuola di Letteratura, comunicazione e cultura del Georgia Institute of Technology, ha lavorato a lungo presso il Dipartimento di «Computer Science» della Yale University. Fra le sue opere ricordiamo, tradotta in italiano, L'uomo di Turing. La cultura occidentale nell'età del computer, Parma 1985.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.