Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Per chi suona la banana. Il suicidio dell'Unione Brancaleone e l'eterno ritorno di Al Tappone

titolo Per chi suona la banana. Il suicidio dell'Unione Brancaleone e l'eterno ritorno di Al Tappone
Autore
Collana Saggi
Editore Garzanti
Formato
libro Libro
Pagine 523
Pubblicazione 2008
ISBN 9788811740971
 
Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
16,60
Si parte dal marzo del 2007, quando ancora la rubrica di Marco Travaglio sull'"Unità" si chiamava Uliwood Party, governava, traballando, Romano Prodi. Si arriva al settembre del 2008: la rubrica si chiama Ora d'aria e sgoverna, anzi risgoverna Silvio Berlusconi, riesumato e rianimato dagli errori del centrosinistra. "Per chi suona la banana" racconta i dodici mesi finali dell'Unione Brancaleone e i primi sei del Berlusconi III. Con cadenza pressoché quotidiana, Travaglio registra fatti e dichiarazioni del teatrino politico-mediatico, richiama i suoi protagonisti alle loro dichiarazioni, denuncia storture e stupidaggini. È la pratica di un giornalismo che ha come linee guida la libertà e l'indipendenza - e infatti gli strali colpiscono imparzialmente a destra e a sinistra. Si tratta in primo luogo di informare, riportando alla memoria il passato e creando nessi illuminanti tra fatti e frasi in apparenza distanti. "Per chi suona la banana", finisce per portare alla luce alcune delle dinamiche profonde - e a volte desolanti - della recente storia patria. Solo da qui, tuttavia, solo acquisendo consapevolezza di difetti e storture, è possibile iniziare a cambiare, immaginare un paese e una politica diversi.
 

Biografia dell'autore

Marco Travaglio

Marco Travaglio (Torino, 1964) ha iniziato la sua carriera nel settimanale torinese «Il Nostro Tempo» e poi con Indro Montanelli, prima al «Giornale» e successivamente alla «Voce». Ha collaborato con diverse testate, fra cui «Sette», «Cuore», «Il Messaggero», «Il Giorno», «L'Indipendente», «Il Borghese», «Repubblica» e «l'Unità». Oggi, oltre a collaborare con «L'Espresso», «MicroMega» e «A» è vicedirettore e editorialista de «Il Fatto Quotidiano», che ha contribuito a fondare nel 2009. È autore di numerosi saggi tra i quali Il processo (con Paolo Griseri e Massimo Novelli, 1997), L'odore dei soldi (con Elio Veltri, 2001), La Repubblica delle Banane (con Peter Gomez, 2001), Mani Pulite (con Gianni Barbacetto e Peter Gomez, 2002, n. ed. 2012), Bravi ragazzi (con Peter Gomez, 2003), Lo chiamavano Impunità (con Peter Gomez, 2003), Regime (con Peter Gomez, 2004), Intoccabili (con Saverio Lodato, 2005), Inciucio (con Peter Gomez, 2005), La scomparsa dei fatti (2006), Onorevoli wanted (2006), Le mille balle blu (con Peter Gomez, 2006), Mani sporche (con Gianni Barbacetto e Peter Gomez, 2007), Se li conosci li eviti (con Peter Gomez, 2008), Bavaglio (con Peter Gomez e Marco Lillo, 2008), Italia Anno Zero (con Vauro e Beatrice Borromeo, 2009), Papi (con Peter Gomez e Marco Lillo, 2009), Ad personam (2010) e Silenzio, si ruba (2011). Con Garzanti ha pubblicato Il manuale del perfetto impunito (2000), Bananas (2003), Montanelli e il Cavaliere (2004, nuova edizione ampliata 2009), Berluscomiche (2005), Uliwood Party (2007), Per chi suona la banana (2008) e Colti sul Fatto (2010). Tiene un blog, www.voglioscendere.it, a sei mani con Pino Corrias e Peter Gomez. Ha realizzato anche due spettacoli teatrali che hanno riempito le sale in tutta Italia: Promemoria e Anestesia totale (con Isabella Ferrari).

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.