Il tuo browser non supporta JavaScript!

«Nessun dio è mai sceso quaggiù». La polemica anticristiana dei filosofi antichi

«Nessun dio è mai sceso quaggiù». La polemica anticristiana dei filosofi antichi
titolo «Nessun dio è mai sceso quaggiù». La polemica anticristiana dei filosofi antichi
Autore
Argomento Storia, Religione e Filosofia Religione
Collana Frecce, 277
Editore Carocci
Formato Libro
Pagine 550
Pubblicazione 2019
ISBN 9788843095858
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
46,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
L'espansione del cristianesimo nell'Impero romano, tra II e VI secolo, è stata accompagnata da un processo multiforme di selezione, interpretazione e appropriazione del patrimonio culturale greco-latino da parte di coloro che si erano convertiti alla nuova religione o erano nati in essa. Tale processo ha provocato la reazione, spesso diffidente o ostile, delle persone comuni, delle autorità e degli intellettuali. Il libro si occupa delle ragioni per le quali, nel corso dell'età imperiale, un buon numero di filosofi di tradizione platonica ha preso posizione contro i cristiani e composto anche scritti destinati a confutarne la dottrina. Contro la pretesa dei cristiani di essere anch'essi filosofi, anzi, gli unici, i platonici loro avversari obiettavano che il cristianesimo è per sua natura una dottrina non filosofica, sia perché fondato sulla fede (quindi irrazionale), sia perché i suoi contenuti sono contraddittori e, in ciò che hanno di vero, non fanno che copiare insegnamenti provenienti da tradizioni più antiche e autorevoli, mentre, in ciò che hanno di originale, sono del tutto falsi e insensati.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.