Il tuo browser non supporta JavaScript!

La ferita di Chirone

La ferita di Chirone
titolo La ferita di Chirone
sottotitolo Itinerari di antropologia ed etica in medicina
Presentazione di Carmelo Vigna
autore
collana Università/Filosofia/Filosofia morale
editore Vita e pensiero
formato Libro
pagine 304
pubblicazione 2006
ISBN 9788834313176
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
18,00
In modo paradossale, si può affermare che oggi la medicina non gode di ottima salute. Secondo l’espressione del medico e filosofo statunitense E.D. Pellegrino, essa «soffre per l’abbondanza di mezzi e la povertà di fini». Più potente di fronte alla malattia, persino capace di produrre la vita, appare tuttavia più debole e sprovveduta di fronte ai significati stessi del dolore e della cura, intesi come esperienza personale e come relazione intersoggettiva.
Questa strutturale fragilità della medicina non era sfuggita agli antichi, quando ne avevano rappresentato il fondatore nel centauro Chirone, maestro di Asclepio e portatore di una ferita incurabile. A tale figura mitologica è significativamente intitolato questo saggio di Maria Teresa Russo volto a indagare il rapporto tra antropologia, etica e medicina. Guaritore ferito, infatti, è chi, proprio perché si sa malato, ossia sperimenta il limite nella propria natura, è capace di prendersi cura senza peccare di hýbris, senza pretendere di gestire i segreti della vita e della morte.
La cosiddetta
medicina umanistica spagnola offre un significativo esempio di questo binomio, complesso e necessario, di medicina e filosofia, éthos e téchne del curare. Con chiarezza e competenza, Maria Teresa Russo ricostruisce i percorsi e le vicende speculative di questa importante tradizione, mettendo in luce, in particolare, due notevoli figure novecentesche: Juan Rof Carballo e Pedro Laín Entralgo. Medici umanisti, che hanno unito alla competenza la riflessione filosofica sul significato e le implicazioni del gesto di cura. Medici che alla filosofia hanno offerto la possibilità di evitare il rischio dell’astrattezza o della polemica antiscientifica, e alla propria professione hanno saputo restituire il significato del ‘curare a misura d’uomo’, perché riferito a un orizzonte dove le domande di senso poste dalla medicina sono, se non sempre risolte, almeno accolte e comprese.
 

Biografia dell'autore

Maria Teresa Russo è docente di Antropologia ed Etica all’Università Campus Bio-medico di Roma e svolge attività di ricerca presso la cattedra di Filosofia morale dell’Università Roma Tre. Ha pubblicato lavori nell’ambito della filosofia spagnola contemporanea (Maria Zambrano, la filosofia come nostalgia e speranza, Roma 2001), della filosofia della medicina e dell’antropologia della salute (Corpo, salute, cura. Linee di antropologia biomedica, Soveria Mannelli 2004).

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento