Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Paesaggio politico

Paesaggio politico
Titolo Paesaggio politico
Sottotitolo Per una storia delle trasformazioni sociali della natura
Autore
Collana Arti e Scritture
Editore Vita e pensiero
Formato
libro Libro
Pagine 188
Pubblicazione 1996
ISBN 9788834326664
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
17,00
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
L'espressione «paesaggio politico» che dà il titolo al libro, non ha il significato comune di panorama, quadro politico, bensì la valenza letterale di natura plasmata e utilizzata in prospettiva ideologica e politica. In questo senso il paesaggio europeo, recando infinite tracce di «passaggi» storico-politici, è ben lungi dal configurarsi come «innocente». È precisamente su tale aspetto di risignificazione della natura (anche nella sua rappresentazione artistica) che Warnke appunta il suo sguardo. Così, muovendo dall'immagine emblematica riportata in sovracoperta, l'Autore tratta delle demarcazioni di confine che dividono le potenze private da quelle regionali e nazionali, le autorità temporali da quelle spirituali: i confini diventano elementi costitutivi di un paesaggio fissato al punto da divenire «ritualizzato». Inoltre, le fortificazioni e i castelli eretti sulle montagne non hanno risposto solo a esigenze strategiche e difensive, ma hanno anche reso visibile la potenza del signore: il modo in cui il castello si rapporta al territorio circostante indica il modo in cui il signore si rapporta ai sudditi. Altre ancora sono le suggestive utilizzazioni del repertorio simbolico offerto dalla natura che qui vengono indagate: tutte concorrono a offrire uno sguardo più consapevole sulla natura e sull'arte che la ritrae. Con il suo metaforico il paesaggio viene ad essere straniato e strumentalizzato, ma, proprio attraverso tale impiego, esso è riconosciuto nella sua forza evocatrice. Questo equilibrio viene meno con il tramonto della modernità, quando lo sfruttamento indiscriminato della natura ne nega l'autonoma funzione simbolica, compromettendola irrimediabilmente.
 

Biografia dell'autore

Martin Warnke insegna Storia dell'arte all'università di Amburgo. Prima di questo lavoro ha pubblicato, col titolo Hof-Kunstler, una storia sociale dell'artista moderno (Colonia 1985).

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.