Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Accusato e accusatore. Le oscillazioni del diritto al confronto

Accusato e accusatore. Le oscillazioni del diritto al confronto
Titolo Accusato e accusatore. Le oscillazioni del diritto al confronto
Autore
Argomenti Diritto, Economia e Politica Diritto
Law
Collana Problemi attuali della giustizia penale
Editore Cedam
Formato
libro Libro
Pagine 550
Pubblicazione 2023
ISBN 9788813385002
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
58,00
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
Il metodo dialogico ha un doppio vantaggio: «consente l'approfondimento critico per il quale spesso è necessario contrapporsi al testimone, contestare la sua versione dei fatti, e garantisce trasparenza ed equilibrio agli inevitabili influssi che si esercitano sulla persona esaminata. Mentre le parti possono eccepire ogni abuso nella formulazione delle domande, il giudice valuta il dialogo, di cui è stato arbitro, con un distacco e una lucidità che gli sarebbero precluse se lui stesso ne fosse il protagonista. Il tutto alla luce del giorno, lontano da quelle pratiche persuasorie, lusinghe o intimidazioni, che incombono sui colloqui segreti dove, se alcuni riluttanti sono indotti a svelare ciò che sanno, altri finiscono per dire anche ciò che non sanno», mentre in alcune ipotesi tassativamente previste se ne può prescindere; ma, in ogni caso, non può essere affermata la colpevolezza dell'accusato sulla base delle dichiarazioni rese da chi si è deliberatamente sottratto al confronto dialettico con quest'ultimo. Epperò, attraverso l'approfondimento delle oscillazioni del diritto al confronto tra accusato e accusatore, ci si è resi conto che l'archetipo tradizionale del contraddittorio, può anche assumere i connotati del verbale particolareggiato. Non solo. Dalla lettura sistematica delle disposizioni riguardanti il cuore del right to confrontation, cioè la prova dichiarativa, si è evinto chiaramente che il d. lgs. 150/2022, ha ampliato la modulabilità del metodo dialogico attraverso la videoregistrazione dell'assunzione della prova (ai sensi dell'art. 495, comma 4-ter, c.p.p.) che, da un lato, ha valorizzato la terzietà del giudice che non può né sostituire né aggiungere la sua proposta argomentativa a quelle formulate e coltivate dalle parti, in considerazione del fatto che egli non persegue un proprio fine argomentativo e, dall'altro, ha posto dei paletti a garanzia della genuinità della prova assunta attraverso il descritto strumento della videoregistrazione. Quindi, questi strumenti, dunque, non sono dei limiti del contraddittorio poiché in essi è travasato, per renderlo fruibile nel processo, il dato analogico della testimonianza, mettendo in condizioni l'organo giudicante di realizzare il controllo falsificazionista sulle evidenze dell'avvenimento probatorio svoltosi in contraddittorio e così di decidere nel rispetto di tutti i principi del giusto processo, compreso il diritto al confronto, rafforzandolo, attraverso i poteri d'ufficio.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.