Il tuo browser non supporta JavaScript!

Immortali. Economia per nuovi highlander

Immortali. Economia per nuovi highlander
titolo Immortali. Economia per nuovi highlander
Autore
Argomento Diritto, Economia e Politica Economia
Collana Cultura e società
Editore Egea
Formato Libro
Pubblicazione 2019
ISBN 9788823837232
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
21,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
Perché Gillette ha deciso di lanciare un rasoio per gli uomini che non si possono radere da soli? E come mai Allure ha scelto di bandire la parola «anti-age» dal proprio magazine rischiando di perdere gli investitori pubblicitari del settore beauty? A chi ammiccano le nuove sfarzose residenze nel centro della City londinese, dotate di servizi sanitari da far invidia alle migliori cliniche del pianeta? Qual è l'età media del più numeroso cluster di clienti Apple? E dei clienti di Tesla? Sono forse i primi, isolati, segnali che qualcosa sta succedendo al concetto di vecchiaia per come l'abbiamo da sempre interpretato e narrato? E, se così è, quali conseguenze ha tutto questo sul sistema economico e finanziario globale? Di fronte a noi si apre uno scenario in cui i consumatori avranno desideri da realizzare (e una capacità di spesa) che non avremmo mai pensato di associare agli over 70 e che forse, come una nascente industria nata dalla fusione di life science e tecnologia lascia intuire, potrebbero esistere in eterno. Solo pochi brand iniziano timidamente a mostrare il loro interesse per questo target ricco ma lo fanno mascherandolo, perché temono di danneggiare la propria immagine, fermamente convinti di doversi mantenere «freschi» e quindi connessi ai giovani. E quelli che nel passato hanno creato prodotti ad hoc sono caduti nella trappola degli stereotipi, dell'analisi dei bisogni anziché dei desideri, accecati da una narrativa centrata sulla patologia e la sua cura anziché, per esempio, sul piacere e la sua soddisfazione. Come se si trattasse di scommettere su un futuro il cui rendimento è tutto da dimostrare invece che su una miniera d'oro a cielo aperto che non chiede altro di essere esplorata.
 

Biografia dell'autore

Nicola Palmarini

Nicola Palmarini, dopo la laurea in Scienze politiche alla Cattolica di Milano e corsi in Comunicazione di massa e società alla University of Washington di Seattle, ha lavorato per oltre dieci anni nella comunicazione, ricoprendo diversi ruoli, dal copywriting alla direzione creativa, alla regia. Profondo conoscitore del mondo dei servizi ICT, ha lavorato al lancio del brand Tin.it dal 1997 e si è occupato dell’intero panorama di comunicazione di Microsoft dal 1998. In IBM dal 2000, come leader EMEA della divisione Customer Experience, Branding, Usability e Design ha seguito, a supporto delle HR, del marketing e delle vendite, numerosi progetti di comunicazione digitale interna ed esterna alle organizzazioni, per promuovere la creazione di valore attraverso la collaborazione e i social media. Da oltre quattro anni si occupa di Internet delle Cose guidando diversi progetti di ricerca europei e traducendone l’applicazione dalla possibilità alla realtà nell’ambito delle Smart Cities. Ha creato e lanciato il manifesto «Internet del Pensiero». Oggi lavora tra Milano e Parigi, collabora con diverse università italiane e straniere e dirige a livello europeo l’IBM Human Centric Solutions Center, la divisione IBM – di cui è uno dei fondatori – che si occupa di disegnare visioni e inventare soluzioni basate sulle tecnologie emergenti, con particolare attenzione agli smart-device e alle tematiche sociali, degli anziani, dei beni culturali e della disabilità.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.