Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Slow Food: Terra Madre

La risurrezione della rosa. Agricoltura, luoghi, comunità

di Wendell Berry

editore: Slow Food

pagine: 222

"Mangiare è un atto agricolo" è l'aforisma forse più noto - anche perché molto citato da Slow Food - di Wendell Berry, teorico
13,50

Cibo d'Africa. Percorsi alimentari dal Sahara a Soweto

di Ettore Tibaldi

editore: Slow Food

pagine: 120

Nell'immaginario degli abitanti del Nord del mondo, l'Africa - soprattutto quella subsahariana, la cosiddetta Africa nera - è
13,50

Atlante dei futuri del mondo, migrazioni, agricoltura, acqua e clima. 2033

di Virginie Raisson

editore: Slow Food

pagine: 204

Che aspetto avrà il pianeta Terra nel 2033? Potrà sostenere un incremento di oltre due miliardi di abitanti? Quali risorse sca
25,00

Riflessioni sulla terra

editore: Slow Food

pagine: 224

Dalla rivista Slowfood una serie di suggestioni, cinque percorsi ben delineati più un ulteriore viaggio un po' "anarchico", ch
13,50

Il suolo. Un patrimonio da salvare

editore: Slow Food

pagine: 192

Due agronomi denunciano i guasti apportati all'ambiente e all'alimentazione dalla logica industriale applicata all'agricoltura
13,50

Lo sviluppo su scala umana

editore: Slow Food

pagine: 160

13,50

Piccolo è bello

Uno studio di economia come se la gente contasse qualcosa

di Schumacher Ernst F.

editore: Slow Food

pagine: 320

Scritto nei primi anni '70 ma ancora di grande attualità, questo "studio di economia come se la gente contasse qualcosa" è un
13,50
13,50

Il suolo. Un patrimonio da salvare

editore: Slow Food

pagine: 194

13,50

Terra Madre. 300 Presìdi e 1200 comunità del cibo nel mondo

editore: Slow Food

Che cos'hanno in comune i pescatori di cozze del fiordo norvegese di Hardanger e gli olivicoltori di Torre Guaceto (Brindisi)? I coltivatori afghani di pistacchio e gli allevatori di capre sulle montagne della Provenza? I produttori di niebe (un legume simile al fagiolo) di Louga, in Senegal, e di marroni di Combai (Miane, nelle Prealpi trevigiane)? Il fatto di occuparsi tutti di cibo: e quindi di essere determinanti per la sopravvivenza dell'umanità. Ma anche per il suo benessere, poiché il cibo che essi producono è buono, pulito, giusto: ha cioè quei requisiti di piacevolezza organolettica, sostenibilità ambientale, equità in cui si riassume la svolta ecogastronomica che il movimento internazionale della chiocciolina ha intrapreso decidendo di dare vita alla Fondazione Slow Food per la Biodiversità. Agli agricoltori, ai pescatori, agli artigiani che quotidianamente nutrono il mondo, assecondando i ritmi della natura, tutelando l'ambiente e modellando i paesaggi, è dedicato questo libro che racconta la storia di quanti tra loro parteciperanno alla seconda edizione di Terra Madre, in rappresentanza di 1500 comunità del cibo dei cinque continenti. Di ognuna si descrivono genesi, composizione, tecniche, prodotti, fornendo l'indirizzo di posta elettronica del responsabile. Un catalogo inedito che è anche uno straordinario repertorio di tradizioni, culture, saperi e sapori.
21,50

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.