Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Carocci: Studi economici e sociali carocci

Il declino dell'economia italiana tra realtà e falsi miti

editore: Carocci

pagine: 144

Gli effetti della crisi globale rendono complicato operare previsioni per l'economia italiana. Il rallentamento della sua crescita, però, ha inizio molto prima della grande recessione: a partire dalla metà degli anni Novanta, e ancor più nell'ultimo decennio, in Italia si è fermata la crescita della produttività, ovvero la crescita dell'efficienza del sistema. Dopo aver discusso le interpretazioni prevalenti ed individuato numerosi falsi miti sulle cause del declino italiano, il volume - concentrando l'attenzione sul tessuto industriale e incrociando dati sulle imprese, sui settori e sui territori - offre un'interpretazione originale, che individua nella debolezza socio-istituzionale, dovuta alla generale assenza di legalità, e nell'inefficienza del sistema finanziario i principali ostacoli alla crescita.
17,00

Gli italiani e l'Europa. Opinione pubblica, élite politiche e media

editore: Carocci

pagine: 166

Il progressivo movimento da integrazione di mercati a integrazione politica ha alterato le relazioni tra gli italiani e l'Europa. Dopo un lunga fase di consenso, sono emerse significative differenze di orientamento dei principali attori nazionali. Si sono fatte strada diverse preoccupazioni sull'impatto dell'Europa nella propria vita mentre i costi dell'integrazione sono percepiti con maggiore inquietudine. Le trasformazioni dell'economia mondiale lanciano, inoltre, una tematica trasversale: l'Europa è uno strumento per governare una economia globalizzata e stemperarne i pericoli, oppure rappresenta una delle sfide poste dalla globalizzazione agli Stati e alle economie nazionali? L'Europa è causa o terapia della globalizzazione? Attraverso l'analisi di dati raccolti nell'ambito di una ricerca internazionale, gli autori del volume esaminano il consenso e il dissenso che, oggi, i partiti, le élite, il sistema della comunicazione e l'opinione pubblica nazionali esprimono nei confronti dell'Unione Europea.
19,00

Credito, produzione, occupazione: Marx e l'istituzionalismo

di Guglielmo Forges Davanzati

editore: Carocci

pagine: 140

Scopo del volume è individuare i meccanismi che presiedono alla determinazione dei salari e dell'occupazione nell'ambito dello schema teorico della teoria monetaria della produzione. Ciò vien fatto attraverso la rilettura del pensiero di Marx e Veblen, data la convinzione che fra i due autori siano riscontrabili significativi punti di contatto sul piano dell'analisi economica. Le tesi dell'autore sono così sintetizzabili: una modalità di riproduzione del capitalismo basata sul reinvestimento dei profitti è intrinsecamente instabile, o quantomeno più instabile di una modalità di riproduzione basata sul potenziamento del welfare state, a ragione dell'attivarsi di "freni" che indeboliscono il nesso fra accumulazione dei profitti e loro reinvestimento (finanziarizzazione, tesaurizzazione, espansione di settori improduttivi, in particolare la produzione di beni di lusso). Tale modalità, implicando crescenti disuguaglianze distributive e compressione dei salari (in quanto precondizione per l'aumento dei profitti), incorre nel conflitto fra accumulazione e legittimazione e si associa a riduzioni della produttività del lavoro. Per converso, viene mostrato che politiche di alti salari e/o politiche fiscali espansive possono generare incrementi di produttività, determinando una condizione per la quale l'intervento pubblico produce effetti positivi non solo sulla domanda globale ma anche "dal lato dell'offerta", agendo positivamente sulla produttività.
16,50

La funzione sociale della cooperazione

Teorie, esperienze e prospettive

 

editore: Carocci

pagine: 285

Questo volume parte da una considerazione: la cooperativa nasce quale forma sociale di gestione di un'attività imprenditoriale
25,00

Sviluppo economico e integrazione sociale

Il caso dei distretti industriali lombardi

editore: Carocci

pagine: 191

Per molto tempo i distretti industriali sono stati in grado di "tenere assieme" livelli soddisfacenti di sviluppo economico e
19,50

Le imprese cooperative. Crescita economica e Mezzogiorno

editore: Carocci

pagine: 214

La moderna teoria della crescita ha richiamato l'attenzione sul capitale umano quale motore dello sviluppo. Contemporaneamente un diverso filone di studi si è concentrato sul ruolo che il rispetto delle regole e un clima di fiducia hanno sulla crescita. Sembra, inoltre, che le imprese cooperative siano in grado di favorire la creazione di capitale umano e sociale più delle imprese capitalistiche. È allora naturale mettere insieme questi elementi e pensare che una maggiore presenza di cooperative nel Mezzogiorno possa favorire il processo di convergenza economica, dato che al Sud la carenza di capitale fisico è associata a un'insufficiente dotazione di capitale umano e sociale. Nel volume si cerca, pertanto, di chiarire i motivi della minore consistenza delle cooperative nel Mezzogiorno. Entrano in gioco, allora, argomenti quali l'importanza del capitale umano e sociale, la teoria economica delle imprese cooperative, il rapporto tra i modelli degli economisti e le forme che le norme giuridiche hanno disegnato, la struttura dualistica dell'economia italiana, con inevitabili richiami alla storia, non solo economica e non solo recente, del nostro paese.
20,00

Culture quotidiane. Addomesticare lo spazio e il tempo

editore: Carocci

pagine: 302

Questo volume mette al centro dell'attenzione le culture quotidiane entro cui si realizzano le pratiche di "addomesticamento" degli spazi e dei tempi nella casa e nella città. Si pone dunque in un'ottica di empowerment, oggi particolarmente valorizzata dalle scienze sociali, spostando l'accento dalle risorse materiali che definiscono le opportunità degli individui alle risorse culturali, vale a dire le "capacità" che essi sono in grado di mettere in gioco nel controllo del quotidiano. Città e casa sono viste, entro questa prospettiva, come configurazioni temporanee e sempre variabili di pratiche, relazioni e significati, piuttosto che come entità fissate nel tempo e nello spazio. Attraverso cinque percorsi di ricerca empirica le culture quotidiane vengono esplorate a partire da ambiti e soggetti differenti. Il volume si rivolge a tutti quei lettori che nei diversi campi disciplinari (sociologia, geografia, urbanistica, antropologia e psicologia urbana) sono interessati a capire le forme di appropriazione dello spazio-tempo nel quotidiano.
27,50

L'essenza della democrazia

I diritti umani e il ruolo dell'avvocatura

 

editore: Carocci

pagine: 214

In un saggio pubblicato alcuni anni fa Stefano Rodotà aveva modo di osservare che "la dimensione dei diritti [
21,00

Consumo sostenibile e progetti nel territorio. Analisi e ricerche

editore: Carocci

pagine: 177

Le ricerche qui presentate trattano di consumi sostenibili e testimoniano il fatto che soggetti del privato, del pubblico e de
18,90

Luigi Einaudi: studioso, statista, governatore

 

editore: Carocci

pagine: 159

Come studioso e osservatore attento della vita economica, sociale e politica del nostro paese, prima, con il diretto coinvolgi
18,00

Efficienti perché pubblici

L'innovazione per la trasparenza e l'accountability nell'università. Vol. 2

 

editore: Carocci

pagine: 191

Alla luce dei mutamenti nel contesto universitario nazionale e internazionale, agli atenei è richiesto di migliorare i propri
18,90

Nuovi modelli di gestione dell'impresa

di Gottardi Giorgio

editore: Carocci

pagine: 439

Con la diffusione delle tecnologie dell'informazione della comunicazione e l'intensificarsi della competizione globale, molte
42,60

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.