Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Carocci: Studi economici e sociali carocci

Tempo e giustizia nell'analisi organizzativa

editore: Carocci

pagine: 110

Nel volume si propone un'analisi critica degli studi a carattere organizzativo riguardanti tempo e giustizia, con l'intento di orientare il lettore nella valutazione della vasta e diversificata letteratura che affronta questi due fondamentali concetti. Il quadro interpretativo presentato è utile, oltre che alla comprensione dei fenomeni organizzativi, anche all'adozione di pratiche di intervento coerenti con i presupposti teorico-metodologici che le informano.
12,00

Buonanotte mezzogiorno

editore: Carocci

pagine: 216

"Sud, alzati e cammina!". L'esortazione evangelica ha ispirato le politiche condotte negli ultimi trent'anni nel Mezzogiorno: le politiche del "localismo virtuoso" fondate sull'idea che lo sviluppo di un territorio dipenda essenzialmente dall'autoattivazione dei suoi attori. Il volume, frutto di una lunga ricerca condotta dalle Università di Bari, Messina e del Salento, traccia un bilancio di questa stagione, nonché degli effetti della Lunga Recessione globale iniziata nel 2008. Sul piano economico, i risultati appaiono sconfortanti. Sul piano culturale, si registra la sostanziale scomparsa del Sud dalla "dieta" mediatica nazionale. Il rinnovato protagonismo nelle forme di autorappresentazione che sembra controbilanciare questo evento non si sostanzia, tuttavia, nella costruzione di un punto di vista autonomo, finendo piuttosto per disperdersi nel grande calderone della società dello spettacolo. La classe dirigente meridionale pare riconoscere il fallimento, ma continua per inerzia a scommettere sullo stesso paradigma fin qui egemone. È questo il punto più preoccupante che emerge dall'indagine. Non il ristagno del Sud, quanto la scarsa fiducia, manifestata dai membri della sua classe dirigente, che il sentiero da essi stessi indicato possa condurre effettivamente a una stagione di rinascimento. La crisi di "visione" precede e consolida la crisi reale.
19,00

La riforma dei sistemi previdenziali nel dibattito teorico e politico. Il caso italiano

di Mariangela Bonasia

editore: Carocci

pagine: 110

Il libro ha l'obiettivo di esaminare il dibattito teorico e politico relativo alla riforma dei sistemi previdenziali già attuata da alcuni Paesi e in corso di attuazione in altri, al fine di valutare vantaggi e svantaggi delle proposte lanciate da economisti e da istituzioni internazionali. Nel volume si analizza la situazione del sistema previdenziale italiano alla luce delle riforme iniziate negli anni Novanta, in un clima di emergenza economica e demografica, e proseguite poi nel primo decennio del nuovo millennio, aventi il fine di porre un freno alla dinamica della spesa per le pensioni. Vengono descritti gli interventi normativi a favore della previdenza complementare a capitalizzazione evidenziando come essi non abbiano ancora prodotto una riduzione del peso della componente pubblica obbligatoria. Su questo ultimo punto molti sono i sostenitori del ruolo fondamentale che la previdenza privata a capitalizzazione deve svolgere accanto alla previdenza pubblica a ripartizione. Infine si illustra la attuale situazione dei conti previdenziali per fare un bilancio di ciò che è stato fatto e di ciò che è ancora necessario fare.
13,00

I sistemi produttivi locali. Trasformazioni fra globalizzazione e crisi

editore: Carocci

pagine: 263

Per affrontare i problemi della competitività di un paese occorre guardare agli ecosistemi produttivi in cui le imprese vivono. Questa prospettiva è particolarmente necessaria per l'Italia che - come il libro dimostra - spicca nel confronto internazionale per l'elevata presenza di agglomerazioni di imprese attive nella stessa filiera industriale. Produttività, meccanismi di funzionamento e trasformazioni dei diversi sistemi locali vengono qui esaminati alla luce dei mutamenti nella divisione internazionale del lavoro, dove la frammentazione globale dei processi produttivi tende a sostituire quella locale, tipica dei distretti industriali. Se il meccanismo distrettuale non sembra più sufficiente a fornire, da solo, un vantaggio competitivo nel mercato globalizzato, ciò non vuol dire che i luoghi che si sono affermati grazie a quel modello non possiedano risorse e capacità per rinnovarsi. Tanto meno significa che i vantaggi dell'agglomerazione siano scomparsi: essi restano evidenti nelle maggiori aree urbane, sinora poco studiate in Italia. Per molte funzioni, in un mondo dove conoscenza e innovazione sono i principali strumenti per competere, il ruolo delle città torna anzi a essere cruciale. Postfazione di Giacomo Beccatini
27,00

La fabbrica della crisi. Finanziarizzazione delle imprese e declino del lavoro

editore: Carocci

pagine: 213

Negli ultimi trent'anni, l'accumulazione finanziaria è diventata progressivamente l'obiettivo primario delle grandi imprese. La produzione e il lavoro si sono profondamente trasformati in vista del conseguimento della massima valorizzazione possibile del capitale degli investitori. Una lunga sequenza di cambiamenti normativi, istituzionali e culturali ha costruito una continuità fra i mercati finanziari e la sfera della produzione. Questo libro ricostruisce il processo di finanziarizzazione delle imprese sulla base di una ricognizione teorica e di un'ampia ricerca empirica riferita al caso italiano. Il declino del lavoro - dimostrano gli autori - è parte costitutiva e complementare di questa vicenda: i diritti e il potere d'acquisto dei lavoratori sono stati piegati alle esigenze di redditività degli investimenti, ossia a quella specifica forma di competitività che le imprese esercitano in quanto attori dei mercati finanziari. Per riprendere un programma di civilizzazione dell'impresa e del mercato del lavoro - condizione indispensabile per uscire in maniera non effimera dalla crisi del capitalismo - occorrerà da un lato regolamentare la finanza, dall'altro ricostituire un quadro di robuste tutele del lavoro e dei lavoratori, anche in una prospettiva di democrazia industriale.
23,00

Genere e salute in Italia. Aspetti socioeconomici

editore: Carocci

pagine: 351

Il libro esamina la salute degli italiani in un'ottica di genere, studiando le relazioni fra lo status socioeconomico e le differenze tra i due sessi nella percezione della salute, nell'uso dei servizi sanitari e nelle modalità con cui viene vissuta l'esperienza della malattia.
36,00

La sussidiarietà orizzontale. Economia, politica, esperienze territoriali in Campania

editore: Carocci

pagine: 262

Il libro nasce dalla consapevolezza che la strada per dare attuazione al principio di sussidiarietà orizzontale nel nostro paese è ancora lunga e complessa perché resiste una cultura dei rapporti tra settore pubblico e società civile ancorata ad una divisione di ruoli e compiti propria di un modello economicista centrato su una rigida differenziazione tra Stato e mercato. A partire dalla riflessione sul terzo settore, ed in particolare sul ruolo che hanno avuto ed hanno le organizzazioni produttive del terzo settore nel nostro paese, il volume intende declinare le ragioni per le quali un nuovo slancio nell'attuazione dell'art. 118, IV comma, della nostra Carta costituzionale può dare un contributo significativo allo sviluppo economico e sociale del terzo settore e di un'Italia che appare sempre più ripiegata sui propri problemi.
29,00

La politica economica urbana

Teorie e modi di governance

di Borelli Guido

editore: Carocci

pagine: 135

Quali sono i requisiti necessari a una città per riuscire a impegnarsi con successo in un percorso di sviluppo la cui magnitud
15,00

Politiche pubbliche tra globalizzazione e spazio locale

di Antonio Russo

editore: Carocci

pagine: 269

Il volume ricostruisce il processo di riassetto delle relazioni tra Stato, mercato e politiche pubbliche conseguente alla globalizzazione dei processi economici e all'ascesa dei sistemi locali di produzione. Tali mutamenti sono stati analizzati attraverso un approccio multidisciplinare, mediante le principali teorie economiche, politologiche e sociologiche che, negli ultimi decenni,hanno cercato di rendere conto delle trasformazioni in atto nella sfera globale e locale. La "glocalizzazione", difatti, ha ridimensionato la capacità di regolazione dei processi da parte degli Stati-nazione, facendo emergere nuovi competitors nella geoeconomia e nella geopolitica globale. Il complesso di tali trasformazioni ha indotto lo sviluppo di nuove modalità regolative, orientate ad affrontare le sfide politico-economiche, di crescente complessità, prodotte dalla frammentazione dello spazio globale e dalle disarticolate risposte provenienti dai sistemi locali. Il testo fornisce una sintesi organica dei mutamenti strutturali che attraversano i sistemi economici e politici contemporanei, per orientarsi nella complessità del mondo attuale.
29,00

Processi, istituzioni e politiche nell'Unione Europea

di Antonio Russo

editore: Carocci

pagine: 158

Il libro offre una sintesi, puntuale ed esaustiva, del processo di integrazione europeo, delle teorie che hanno descritto e analizzato tale processo, delle politiche dispiegate sotto la supervisione dell'Unione Europea e dell'assetto istituzionale delineato dai Trattati. Il volume, aggiornato alle più recenti innovazioni introdotte dal Trattato di Lisbona e da Europa 2020, si rivolge agli studenti di corsi universitari e, più in generale, a chiunque voglia farsi un'idea del processo di costruzione dell'Unione, del ruolo attuale espletato dalla stessa e del futuro di tale attore centrale nelle relazioni internazionali e geoeconomiche del XXI secolo.
18,00

Politiche sociali nella crisi. Il caso Puglia

editore: Carocci

pagine: 327

Il volume affronta il caso pugliese in quanto paradigma dei mutamenti intervenuti e non ancora maturati nel Mezzogiorno alla luce di una peculiare declinazione regionale della più avanzata legislazione italiana sul welfare, ben incarnata dalla legge 328 del 2000. Il libro intende porsi come un'innovativa analisi delle fasi di concertazione e di coprogettazione per la redazione dei Piani Sociali di Zona relativi alla triennalità 2010-12 condotta su 11 Ambiti pugliesi. I Piani Sociali di Zona sono un esperimento, ancora da decifrare pienamente, per l'innovativa modalità di concepire un welfare partecipato. Ma essi rappresentano anche una sfida, non ancora del tutto raccolta, per una programmazione e amministrazione condivisa con gli attori sociali, che risponda al meglio ai bisogni dei cittadini. Il volume si avvale di preziosi contributi volti a fornire al lettore gli strumenti analitici per interpretare le dinamiche del "laboratorio Puglia" nel contesto meridionale e nazionale, andando ai processi sociali in atto, abbandonando il palcoscenico della cronaca politica, ricercando le vie di uscita da una crisi sempre più pesante.
32,00

Il carcere. Sociologia del penitenziario

di Francesca Vianello

editore: Carocci

pagine: 110

Nato per finalità didattiche, scopo principale del testo è quello di introdurre lo studente all'interno delle tematiche carcerarie. I quattro capitoli che compongono il libro costituiscono quattro diversi angoli visuali da cui è possibile guardare all'istituzione penitenziaria: l'approccio storico, che ricostruisce le origini del carcere e i suoi successivi modelli di sviluppo; l'approccio filosofico-giuridico che, in una prospettiva critica, si concentra sui principi fondativi della pena detentiva; l'approccio etnografico, che guarda al carcere come mondo sociale cercando di interpretare le dinamiche che investono i suoi attori; infine, una panoramica sull'attualità della popolazione detenuta e delle condizioni di detenzione. L'obiettivo è che, assieme agli studenti, del carcere si torni a parlare e a discutere, affinché si ricominci a fare ricerca e, soprattutto, a pensare ad alternative migliori.
13,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.