Il tuo browser non supporta JavaScript!

Cda & Vivalda: Licheni

La via d'uscita. Confessioni intime di un alpinista estremo

di Marc Batard

editore: Cda & Vivalda

pagine: 216

Ho incominciato ad arrampicare a diciott'anni, e m'interessava solo il record: andare più veloce, andare meglio
17,00

Al di là della verticale

di Georges Livanos

editore: Cda & Vivalda

pagine: 324

Un libro in cui Georges Livanos racconta la sua vita da alpinista puro: 600 prime, 1500 ripetizioni sui massicci più important
19,00

Grigna assassina

di Marco Ferrazza

editore: Cda & Vivalda

pagine: 192

La mattina del 17 maggio 1914 quattro alpinisti attaccano le rocce verticali della parete sud-est del Torrione Magnaghi Meridionale. Il capocordata Eugenio Fasana, milanese, è un rocciatore di fama. I tre compagni, Abele Miazza, Armando Venturoli e Attilio Del Vecchio, lo seguono nella speranza di partecipare all'apertura di un itinerario importante. Poi, all'improvviso, l'incidente che li vede precipitare orribilmente nel sottostante Canalone Porta. È la prima vera tragedia alpinistica occorsa sulle pareti della Grigna Meridionale, una montagna facilmente accessibile dalla pianura e molto frequentata, ma anche insidiosa e traditrice: Grigna assassina, appunto.
16,00

Le notti stellate del Karakorum

di Dusan Jelincic

editore: Cda & Vivalda

pagine: 312

Nel 1986 scalare un ottomila è ancora un'impresa straordinaria, riservata ad alpinisti affermati
18,00

Vietato volare

di Paolo Bizzarro

editore: Cda & Vivalda

pagine: 296

"Corde legate direttamente ai fianchi, che se volavi potevi romperti le costole, ma se andava male crepavi; pareti di cinquecento metri dove se trovavi due chiodi in tutto potevi dirti fortunato, se no pazienza; un paio di moschettoni appesi alla cintura, un martello in tasca e via pedalare; uno zaino di tela verde, dentro il quale la cosa più importante da infilare era una buona dose di coraggio". In condizioni del genere - rievoca l'autore - "la sola regola che (forse) ci avrebbe consentito di arrivare alla pensione era quella di non cadere mai. Gli alpinisti dicono "non volare"". Questo è anche il criterio che ha ispirato il titolo del volume e funge da chiave alle avventure autobiografiche di Paolo Bizzarro.
15,00

Addio alle crode

di Mario Salvadori

editore: Cda & Vivalda

pagine: 120

Dopo un'intensa carriera negli Stati Uniti dove era si era trasferito a causa della sua ostilità al fascismo, nel 1978 lo scienziato Mario Salvadori torna in patria. Rivive sei estati dolomitiche di mezzo secolo prima. Riaffiorano così l'iniziazione all'arrampicata, i progressi compiuti da autodidatta e contro il veto dei genitori, l'amicizia con i "mostri sacri" Severino Casara, Antonio Berti e il fuoriclasse Emilio Comici, il distintivo del Club Alpino Accademico, fino alla caduta dell'estate 1932 da cui si salva per miracolo. Nell'appendice "Gli alpinisti di via Panisperna" Gianni Battimelli svela la passione per la montagna che, tra le due guerre, accomunava gli scienziati romani della cerchia di Enrico Fermi, amici e colleghi di Salvadori.
12,00

Everest, cresta ovest

di Thomas F. Hornbein

editore: Cda & Vivalda

pagine: 234

Il resoconto della prima traversata e della lotta che i protagonisti dovettero affrontare per sopravvivere è riportato con acc
19,50

Pan e Pera

di Ugo Manera

editore: Cda & Vivalda

pagine: 300

Che cosa c'è dietro quel soprannome, Pan e Pera, con cui Ugo Manera è conosciuto nell'ambiente alpinistico torinese? Neppure lui, il destinatario, ha ricordi chiari. Sta di fatto che quel Pan e Pera, l'equivalente in dialetto piemontese di "pane e pietra", fissa efficacemente la smodata passione di Manera per l'arrampicata e definisce le due anime di uno scalatore tra i più attivi del dopoguerra. Il pane Ugo fin da giovanissimo se lo guadagna in fabbrica, prima come operaio, poi con incarichi via via di maggior responsabilità. La pietra, quella delle montagne di molti angoli del pianeta, lo vede protagonista di innumerevoli salite, raccontate in questo volume.
19,00

Cane sciolto. Avventure di un alpinista triestino

di Toni Klingendrath

editore: Cda & Vivalda

pagine: 184

Triestino, nato nel 1955, segue la tradizione locale che vuole, per gli alpinisti, un'iniziazione speleologica
18,00

Ci sfiorava il soffio delle valanghe

di Alberto Paleari

editore: Cda & Vivalda

pagine: 165

L'ultimo romanzo di Paleari descrive le avventure alpinistiche e sentimentali di Oreste, guida alpina e maestro di sci che non
10,50

Le mie scalate nelle Alpi e nel Caucaso

di Albert F. Mummery

editore: Cda & Vivalda

pagine: 350

"Dedico queste pagine a quelli che, come me, considerano l'alpinismo un gioco incontaminato" scrive Mummery presentando il rac
18,07

Dalle Alpi alle Ande. Memorie di una guida alpina

di Mattia Zurbriggen

editore: Cda & Vivalda

pagine: 160

Alla fine dell'Ottocento Mattia Zurbriggen scrisse nella sua lingua abituale, l'italiano, un lungo racconto autobiografico, po
14,98

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.