Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Edb: Studi biblici

Salmi censurati. Quando la preghiera assume toni violenti

di André Wénin

editore: Edb

pagine: 128

«O Dio, spezza loro i denti in bocca!»
14,00

Ricerca storica su Gesù e prospettive teologiche

editore: Edb

pagine: 224

Frutto di una ricerca tra biblisti e teologi speculativi, questo volume si propone di  fare emergere la rilevanza per la fede
22,00

La sapienza che viene dall'alto. Teologia della sapienza negli scritti dell'Antico Testamento

di Gianpaolo Pagano

editore: Edb

pagine: 128

La sapienza biblica è incomprensibile se non viene considerata nell'ampio contesto culturale del Medio Oriente
13,50
19,20

I simboli dell'Apocalisse

di Ignacio Rojas Gálvez

editore: Edb

pagine: 240

Il volume illustra origine, significato e interpretazioni dei principali simboli dell'Apocalisse, ultimo libro della Bibbia cr
24,00

«Sorgente di vita è la bocca del giusto». L'arte della metafora nel libro dei proverbi

di Sergio Rotasperti

editore: Edb

pagine: 328

Il libro dei Proverbi contiene una notevole ricchezza di immagini e metafore che solo negli ultimi anni ha richiamato l'intere
28,30

La parola, il gesto e il segno. Le azioni simboliche di Geremia e dei profeti

di Lorenzo Gasparro

editore: Edb

pagine: 144

Geremia è una delle figure più affascinanti dell'Antico Testamento. La passione che affiora dai suoi oracoli e la tragicità della sua vicenda personale hanno una profondità e un fascino del tutto singolari. In un momento storico estremamente difficile, quello che precede e segue l'esilio degli ebrei nel 587 a.C., il profeta è chiamato a raffigurare nella sua carne, come sulle due facce di una stessa medaglia, la sofferenza del popolo e quella di Dio. Compreso fino in fondo nel ministero profetico, egli evoca Giobbe o il Servo sofferente di Isaia, ma appare soprattutto un typos del Cristo: per l'impeto della sua predicazione, per la ruvidità della sua sofferenza, soprattutto per la singolarità del celibato a cui è chiamato. Il cliché che da sempre ha dominato l'ambito esegetico è quello del profeta "oratore", mentre gli studi sui gesti profetici si sono finora concentrati sulla storicità, sul rapporto con alcune manifestazioni affini del mondo antico (la magia, il teatro di strada e il pantomimo) e sulla matrice retorico-persuasiva. Eppure i gesti simbolici non sono elementi secondari del ministero profetico o semplici visualizzazioni figurative, ma complessi eventi comunicativi che convocano simultaneamente tre registri espressivi: quello gestuale, quello narrativo e quello simbolico. La scelta di Geremia 16,1-9 come campione d'esame ha due motivi principali: si tratta di una pericope poco studiata nel panorama esegetico e costituisce un passaggio esemplare...
16,50

Il Vangelo secondo Marco. Composizione e genere letterario

di Standaert Benoît

editore: Edb

pagine: 392

Il vangelo secondo Marco è uno dei testi più ricopiati e letti di tutta l'umanità
36,00

Teologia della Chiesa negli Atti degli Apostoli

di Jacques Dupont

editore: Edb

pagine: 156

A causa della sua incredulità Israele ha forse cessato di essere popolo di Dio, cedendo il passo alla Chiesa? Oppure bisogna riconoscere l'esistenza permanente di un solo popolo che in Cristo ha conosciuto una svolta epocale aprendosi a tutti i popoli? L'ecclesiologia di Luca, testimoniata in modo particolare negli Atti degli apostoli, si qualifica secondo quest'ultima direttrice, come sintetizza Dupont nella conclusione della sua opera, frutto di pazienti e minuziose analisi del testo lucano. "Israele non ha perduto il proprio privilegio di popolo eletto", scrive l'autore. "Non si può dunque attribuire a Luca l'idea che esistano due popoli di Dio, uno antico e uno nuovo. Al contrario, Luca è assai sensibile alla svolta che gli avvenimenti di Pasqua hanno fatto prendere alla storia dell'unico popolo di Dio, determinandone il passaggio dal tempo della promessa a quello del compimento". Secondo Dupont l'angolo visuale più adeguato per affrontare l'ecclesiologia di Luca è quello che corrisponde alla sua costante preoccupazione di valorizzare la continuità del processo attraverso il quale la Chiesa cristiana si è progressivamente staccata dal giudaismo ufficiale, continuità che unisce il tempo delle promesse divine a quello del loro compimento. Prefazione di Massimo Grilli.
24,70

Discepole di Gesù

di Rigato M. Luisa

editore: Edb

pagine: 144

Il filo rosso che attraversa le pagine del volume è l'osservazione del modo di rapportarsi alle donne da parte di Gesù, così c
12,30

Qumran le rovine della luna. Il monastero e gli esseni, una certezza o un'ipotesi?

di Simone Paganini

editore: Edb

pagine: 224

La località di Qumran in arabo "le rovine della luna" rimanda a ruderi e a manoscritti. A partire dal 1947, quando venne reso noto che in undici grotte erano stati ritrovati dei frammenti di antichi rotoli, il sito venne identificato come centro della comunità religiosa degli esseni. Ma dopo un tempo in cui la questione sembrava ormai indiscussa, il continuo allungarsi della lista delle domande senza risposta ha condotto la comunità scientifica internazionale ad attestarsi attorno a due piste di ricerca contrastanti: da un lato l'ipotesi essena, dall'altra quella secondo cui Qumran sarebbe identificabile col centro di un'azienda agricola senza alcuna relazione coi manoscritti. L'autore apporta un contributo alla ricerca su Qumran e sui manoscritti del mar Morto proponendo una nuova variante sul tema dell'insediamento qumranico, dei suoi abitanti e del loro rapporto con i manoscritti ritrovati nelle grotte. Ricapitola e sistematizza le fasi della scoperta e della pubblicazione dei manoscritti stessi. Senza rinunciare alla scientificità, egli si rivolge non solo al pubblico specialistico, ma ai molti soggetti interessati al tema, talora sollecitati e incuriositi anche da fantasiose teorie di complotti, cospirazioni e intrighi che ancora circondano l'argomento.
23,50

L'impotenza che salva. Il mistero della croce in Mc 8,27-10,52. Lettura in chiave comunicativa

di Massimo Grilli

editore: Edb

pagine: 168

Come ha sviluppato Marco l'intreccio tra il cammino di Gesù a Gerusalemme cioè il suo destino di morte-risurrezione - e il tema del cammino del discepolo? In che senso la strada del discepolato è segnata dalla croce? Le domande da cui l'autore muove sollevano una questione di teologia biblica di ampia portata che, da una sezione unitaria e centrale del Vangelo, si riverbera su tutto il racconto marciano. L'approccio utilizzato nel suo studio parte dal presupposto che la lettura di un testo - e soprattutto di un testo biblico - costituisca un evento comunicativo. Egli quindi propone tre momenti di analisi: un reticolo testuale, che fa emergere l'unità complessiva della trama del testo; la configurazione semantica, ovvero l'attenzione alle forme verbali e alla struttura armonica delle sequenze narrative che aiutano il lettore ad avvicinarsi al testo; lo snodo pragmatico, affinché chi legge sia condotto a identificarsi con le domande e le provocazioni del testo.
18,80

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.