Il tuo browser non supporta JavaScript!

Edb: Studi biblici

I simboli dell'Apocalisse

di Ignacio Rojas Gálvez

editore: Edb

pagine: 240

Il volume illustra origine, significato e interpretazioni dei principali simboli dell'Apocalisse, ultimo libro della Bibbia cr
24,00

«Sorgente di vita è la bocca del giusto». L'arte della metafora nel libro dei proverbi

di Sergio Rotasperti

editore: Edb

pagine: 328

Il libro dei Proverbi contiene una notevole ricchezza di immagini e metafore che solo negli ultimi anni ha richiamato l'intere
28,30

I profeti tra storia e teologia

di Gianpaolo Pagano

editore: Edb

pagine: 224

I libri profetici sono stati composti e redatti nell'arco temporale di oltre cinque secoli, densi di avvenimenti e di grandi m
22,50

La parola, il gesto e il segno. Le azioni simboliche di Geremia e dei profeti

di Lorenzo Gasparro

editore: Edb

pagine: 144

Geremia è una delle figure più affascinanti dell'Antico Testamento. La passione che affiora dai suoi oracoli e la tragicità della sua vicenda personale hanno una profondità e un fascino del tutto singolari. In un momento storico estremamente difficile, quello che precede e segue l'esilio degli ebrei nel 587 a.C., il profeta è chiamato a raffigurare nella sua carne, come sulle due facce di una stessa medaglia, la sofferenza del popolo e quella di Dio. Compreso fino in fondo nel ministero profetico, egli evoca Giobbe o il Servo sofferente di Isaia, ma appare soprattutto un typos del Cristo: per l'impeto della sua predicazione, per la ruvidità della sua sofferenza, soprattutto per la singolarità del celibato a cui è chiamato. Il cliché che da sempre ha dominato l'ambito esegetico è quello del profeta "oratore", mentre gli studi sui gesti profetici si sono finora concentrati sulla storicità, sul rapporto con alcune manifestazioni affini del mondo antico (la magia, il teatro di strada e il pantomimo) e sulla matrice retorico-persuasiva. Eppure i gesti simbolici non sono elementi secondari del ministero profetico o semplici visualizzazioni figurative, ma complessi eventi comunicativi che convocano simultaneamente tre registri espressivi: quello gestuale, quello narrativo e quello simbolico. La scelta di Geremia 16,1-9 come campione d'esame ha due motivi principali: si tratta di una pericope poco studiata nel panorama esegetico e costituisce un passaggio esemplare...
16,50

Il Vangelo secondo Marco. Composizione e genere letterario

di Standaert Benoît

editore: Edb

pagine: 392

Il vangelo secondo Marco è uno dei testi più ricopiati e letti di tutta l'umanità
36,00

Teologia della Chiesa negli Atti degli Apostoli

di Jacques Dupont

editore: Edb

pagine: 156

A causa della sua incredulità Israele ha forse cessato di essere popolo di Dio, cedendo il passo alla Chiesa? Oppure bisogna riconoscere l'esistenza permanente di un solo popolo che in Cristo ha conosciuto una svolta epocale aprendosi a tutti i popoli? L'ecclesiologia di Luca, testimoniata in modo particolare negli Atti degli apostoli, si qualifica secondo quest'ultima direttrice, come sintetizza Dupont nella conclusione della sua opera, frutto di pazienti e minuziose analisi del testo lucano. "Israele non ha perduto il proprio privilegio di popolo eletto", scrive l'autore. "Non si può dunque attribuire a Luca l'idea che esistano due popoli di Dio, uno antico e uno nuovo. Al contrario, Luca è assai sensibile alla svolta che gli avvenimenti di Pasqua hanno fatto prendere alla storia dell'unico popolo di Dio, determinandone il passaggio dal tempo della promessa a quello del compimento". Secondo Dupont l'angolo visuale più adeguato per affrontare l'ecclesiologia di Luca è quello che corrisponde alla sua costante preoccupazione di valorizzare la continuità del processo attraverso il quale la Chiesa cristiana si è progressivamente staccata dal giudaismo ufficiale, continuità che unisce il tempo delle promesse divine a quello del loro compimento. Prefazione di Massimo Grilli.
24,70

Discepole di Gesù

di Rigato M. Luisa

editore: Edb

pagine: 144

Il filo rosso che attraversa le pagine del volume è l'osservazione del modo di rapportarsi alle donne da parte di Gesù, così c
12,30

L'impotenza che salva. Il mistero della croce in Mc 8,27-10,52. Lettura in chiave comunicativa

di Massimo Grilli

editore: Edb

pagine: 168

Come ha sviluppato Marco l'intreccio tra il cammino di Gesù a Gerusalemme cioè il suo destino di morte-risurrezione - e il tema del cammino del discepolo? In che senso la strada del discepolato è segnata dalla croce? Le domande da cui l'autore muove sollevano una questione di teologia biblica di ampia portata che, da una sezione unitaria e centrale del Vangelo, si riverbera su tutto il racconto marciano. L'approccio utilizzato nel suo studio parte dal presupposto che la lettura di un testo - e soprattutto di un testo biblico - costituisca un evento comunicativo. Egli quindi propone tre momenti di analisi: un reticolo testuale, che fa emergere l'unità complessiva della trama del testo; la configurazione semantica, ovvero l'attenzione alle forme verbali e alla struttura armonica delle sequenze narrative che aiutano il lettore ad avvicinarsi al testo; lo snodo pragmatico, affinché chi legge sia condotto a identificarsi con le domande e le provocazioni del testo.
18,80

Paolo, la Scrittura e la Legge. Antiche e nuove prospettive

di Pitta Antonio

editore: Edb

pagine: 260

I tre termini del titolo - Paolo Scrittura Legge - costituiscono il 'campo minato' dell'esegesi paolina, in riferimento sia al
31,50

Storia d'Israele dalle origini al periodo romano

di Luca Mazzinghi

editore: Edb

pagine: 208

Il volume costituisce uno strumento per meglio comprendere la Bibbia e il pensiero teologico di Israele alla luce del suo svil
21,50

Il sabato nella Bibbia

di André Wénin

editore: Edb

pagine: 80

La domenica, giorno del Signore in cui viene celebrata la risurrezione di Gesù, ha completamente soppiantato la festività del sabato, istituzione essenziale della Bibbia e del giudaismo. Per i cristiani rimane tuttavia importante non smarrire la ricchezza di significato del giorno che è al cuore dell'alleanza tra Dio e Israele. L'autore propone un doppio approccio al sabato. Dapprima riassume i risultati cui sono giunte le recenti ricerche sulla storia del sabato in epoca biblica, al fine di rendere disponibili al lettore dati scarsamente accessibili ai non specialisti. In seguito mette in luce alcuni importanti aspetti relativi a ciò che la Bibbia dice del sabato, seguendo passo passo il testo della Torah e concludendo poi col resto della Scrittura, Nuovo Testamento compreso. Dall'indagine emerge come attorno al sabato si condensino in successione diversi temi teologici che, posti uno accanto all'altro, determinano un quadro dalle armonie assai ricche: la signoria di Dio, il rispetto dell'uomo, dello schiavo e della natura, il rimando all'alleanza, al dono di Dio, all'intervento salvifico nella storia, al culto nel tempio.
10,70

Il pane della vita

di Xavier Léon Dufour

editore: Edb

pagine: 136

La ricerca è volta a spiegare in che cosa consiste la presenza di Cristo nell'eucaristia. Prende le mosse dal modo in cui, alle origini del cristianesimo, furono definite le prime manifestazioni di quella che venne inizialmente chiamata "cena del Signore" e "frazione del pane". In seguito analizza le due tradizioni che riferiscono l'evento dell'ultima cena: quella cultuale e quella testamentaria. Affronta quindi il significato che assumono le parole pronunciate da Gesù sul pane, sul calice e circa l'ordine di fare memoria di lui. Propone dunque una lettura dei testi del Vangelo di Giovanni, che annunciano l'eucaristia pur senza fare riferimento alle parole della sua istituzione; infine raccoglie il significato del mistero del pane di vita.
15,80

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.