Il tuo browser non supporta JavaScript!

Emi: La missione. Sez. teologia e antropol.

Percorsi di riconciliazione. Spiritualità e strategie

di Robert J. Schreiter

editore: Emi

pagine: 144

In un mondo pieno di conflitti, saper fare la pace diventa sempre più importante. Fare pace dentro di sé, fare pace con gli altri. Famiglie, comunità, intere nazioni sentono la necessità di compiere processi di riconciliazione per ristabilire al loro interno rapporti più armoniosi. È una scelta coraggiosa, l'inizio di un percorso che richiede di coniugare spiritualità e strategie. La spiritualità è fonte della riconciliazione più autentica e profonda; ma servono anche strategie, in relazione alle situazioni concrete. L'autore fornisce indicazioni basate su percorsi realizzati in diversi paesi del mondo, con utili avvertimenti riguardo ai passaggi più delicati dei processi di riconciliazione. Per la dimensione spirituale sono proposte meditazioni sui racconti evangelici delle apparizioni del Cristo risorto. Gesù perdona Pietro che lo ha rinnegato, perdona gli altri discepoli che lo hanno abbandonato. Il perdono non si sostituisce alla verità e alla giustizia, ma è il segno della più grande vittoria sul male: libera le persone offese dalla convinzione di non poter essere felici, di non poter vivere e avere futuro.
11,00

Il dialogo interreligioso. Ordinamenti per la formazione

di Ambrogio Bongiovanni

editore: Emi

pagine: 384

"Dopo il Concilio, dall'enciclica Ecclesiam suam di Paolo VI, si sono sviluppati diversi interventi Pontifici, oltre ad atti significativi, [...] in cui è proseguita la presentazione del dialogo interreligioso in un clima di tensione crescente rappresentando al giorno d'oggi un'esigenza, un'urgenza, frutto dell'incontro e della convivenza sempre più vasta di persone, popoli, culture e religioni. Situazione che può essere di arricchimento reciproco se vissuta nel rispetto degli altri, apprezzando i valori e le tradizioni altrui, il pensiero religioso dei popoli, alla ricerca sincera della verità, dell'unità, della riconciliazione e della pace". (Presentazione di Alberto Trevisiol, IMC)In tale situazione emerge la necessità di una formazione al dialogo, sia in ambito cristiano sia in altri ambiti religiosi, capace di orientare ed educare le persone a stabilire relazioni più profonde con membri di altre tradizioni. Da questo certamente dipenderà la qualità delle società di domani. L'autore, cosciente che i protagonisti del dialogo non sono le strutture e nemmeno le istituzioni - comprese quelle religiose - ma proprio le persone e mettendo in risalto la natura teologica e antropologica del dialogo interreligioso, fornisce orientamenti per la formazione, attraverso "una rivisitazione" delle categorie coinvolte nel dialogo interreligioso, anche alla luce delle recenti indicazioni della ricerca e del magistero ecclesiale.
16,00

Gesù d'Africa. Voci di cristologia africana contemporanea

di Diane B. Stinton

editore: Emi

pagine: 416

Alla domanda di Gesù: "E voi, chi dite che io sia?" quali risposte danno i cristiani africani (dai massimi teologi ai laici impegnati, agli uomini e alle donne "presi dalla strada"?). Con un grosso lavoro di ricerca l'Autrice ha raccolto un ampio insieme di risposte che è rappresentativo di tutta l'Africa centrale. Il desiderio dei cristiani africani di accogliere Gesù nonostante il trauma storico di una prima evangelizzazione troppo "occidentale" e legata al colonialismo, le loro acute riflessioni teologiche hanno molto da dire ai cristiani di tutto il mondo. Tra i concetti tradizionali africani che facilitano la comprensione di Cristo in paesi come il Ghana o il Kenya, l'Autrice esamina le figure di "guaritore e datore di vita", di "grande antenato", di "parente e amico", di "capo e liberatore". Emerge, a volte, una sorprendente affinità con concetti e figure del Primo Testamento. Ma un risultato particolarmente affascinante e inaspettato per il lettore - e la lettrice - occidentale è il generale riconoscimento, dal punto di vista delle culture tradizionali africane, di uno stile nettamente "femminile" nei gesti compiuti da Gesù: accogliere e nutrire, prendersi cura dei piccoli, curare i malati, lavare i piedi agli ospiti ecc.
20,00

I volti del Dio liberatore

editore: Emi

pagine: 272

"Il dialogo della Chiesa con le altre religioni non è una scelta opzionale e contingente ma una componente essenziale della sua missione... Per questo la Chiesa sente l'urgenza di costituire comunità evangeliche di ascolto e di testimonianza in ogni luogo in cui l'esperienza religiosa ha suscitato ricchezze spirituali e dove appare necessario trasmettere i valori specifici del Vangelo" (Dalla postfazione di Carlo Molari). Questa urgenza è un dono dello Spirito alle giovani Chiese del Sud del mondo impegnate nell'annuncio della salvezza a popolazioni schiacciate e umiliate, impoverite e relegate ai margini. Ma è anche una sollecitazione che non può essere trascurata dalle nostre Chiese che anelano a una presenza significativa nel mondo di oggi e trovano difficoltà a rispondere in modo più evangelico alle attuali condizioni drammatiche dell'umanità. L'EMI, presentando queste riflessioni alla Chiesa italiana, ai suoi studiosi di teologia e a quanti sentono l'urgenza del nuovo, intende offrire un contributo di forte rinnovamento di pensiero e di impegno concreto.
15,00

I volti del Dio liberatore. Sfide del pluralismo religioso

editore: Emi

pagine: 160

Da molti anni il dialogo con le altre religioni è diventato ineludibile per la vita cristiana e per la teologia. Quest'opera affronta la questione in modo nuovo, assumendo la prospettiva di Pedro Casaldaliga: "Non si tratta di far sedere le religioni in un salotto affinché discutano sulla religione in maniera più pacifica, chiuse in se stesse, narcisisticamente". La novità è rappresentata dall'ottica della teologia della liberazione, secondo la quale "il vero dialogo interreligioso deve avere come contenuto e come obiettivo la causa di Dio che è l'umanità stessa e l'universo. E se nell'umanità la causa prioritaria è la gran massa dei poveri e degli esclusi, nell'universo sono la terra, l'acqua e l'aria profanati".
9,00

Lasciarsi condurre dallo Spirito. La spiritualità missionaria

editore: Emi

pagine: 288

Cuore della spiritualità missionaria è la partecipazione, contemplativa e mistica, all'amore di Dio per il mondo, che ha la sua icona nel Crocifisso/Risorto. Non esiste dicotomia fra vita missionaria e vita nello Spirito. Anzi il mondo, la storia, le sue vicende, le culture, le religioni..., tutto ciò che la libertà di Dio opera fra i popoli, diventano alimento della vita spirituale. Le esperienze più significative della missione, dalla Chiesa apostolica ai nostri giorni, devono essere recepite con umile discernimento in una spiritualità che si apre sempre a nuovi orizzonti. Il libro è frutto del Seminario di studio organizzato dalla rivista AD GENTES a Pesaro, e sostenuto dagli Istituti missionari italiani. 50 specialisti, teologi e missionari, si sono soffermati sulla spiritualità missionaria, anche per superare il distacco sempre lamentato tra esperienza spirituale e riflessione teologica.
12,00

Teologia della rigenerazione. Una nuova proposta dall'America latina

di Carlos Castillo

editore: Emi

pagine: 128

Oggi la ricchezza dell'esperienza profetica non sembra più sufficiente, pur avendo prodotto testimoni e martiri. Il mondo che ci circonda ci invita a un maggiore approfondimento dell'evangelizzazione liberatrice. Non bastano più riforme, né rivoluzioni e nemmeno riconciliazioni; si richiede piuttosto una rifondazione e rigenerazione culturale, spirituale, umana, morale e anche economica, politica e sociale. La teologia della rigenerazione sta nascendo in America Latina come una nuova linea di sviluppo della teologia della liberazione.
7,75

La salvezza dei non cristiani. L'influsso di Henri De Lubac sulla dottrina del Vaticano II

di Ilaria Morali

editore: Emi

pagine: 352

Il dibattito teologico sulla salvezza dei non cristiani è uno dei più vivi del XX secolo. I suoi sviluppi sono determinanti per l'azione missionaria della Chiesa. Un punto fermo nel dibattito è rappresentato da "Lumen Gentium 16". All'elaborazione della dottrina conciliare contribuì p. Henri de Lubac, che già negli anni Trenta aveva intrapreso un percorso nuovo nel tentativo di sottrarre un tema così centrale della fede cristiana ad una sterile conflittualità. Questo libro ricostruisce il pensiero di De Lubac e ne valuta l'attualità, anche per un'impostazione autenticamente cristiana del dialogo interreligioso.
15,49

Salvati per grazia attraverso la fede. La salvezza per grazia nel buddhismo della terra pura e nel cristianesimo

di Maria De Giorgi

editore: Emi

pagine: 485

Affrontando il pensiero di Shinran (1173-1262), fondatore della "Vera Religione della Terra Pura", una delle Scuole più diffuse del buddhismo giapponese, l'Autrice intende favorire non solo la conoscenza di questa tradizione religiosa, ma sondare le reali possibilità di dialogo con il cristianesimo. L'idea della salvezza "per grazia" (tariki) attraverso la "fede" (shin), cuore dell'insegnamento della Terra Pura, è rivisitata alla luce del messaggio cristiano della grazia che salva e della fede che si affida a Dio, "il quale vuole che tutti gli uomini siano salvati e arrivino alla conoscenza della verità" (1 Tm 2,4).
20,66

Le sfide missionarie del nostro tempo

editore: Emi

pagine: 256

Nel corso del XX secolo è completamente cambiato l'orizzonte cristiano: la secolarizzazione al Nord del mondo, la liberazione dal colonialismo e l'esplosione demografica al Sud, la comunicazione planetaria di popoli, culture e religioni pongono oggi alla missione della Chiesa sfide di fedeltà e creatività che giungono al cuore dell'istituzione ecclesiale e toccano più da vicino quanti devono formare le generazioni di credenti del XXI secolo.
12,91
16,53

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.