Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Daniel Heller-Roazen

Il tatto interno. Archeologia di una sensazione

di Daniel Heller-Roazen

editore: Quodlibet

pagine: 368

Cosa vuol dire sentirsi vivi? A questa domanda Daniel Heller-Roazen risponde elaborando l'archeologia di un solo senso, quel «
24,00

Lingue oscure. L'arte dei furfanti e dei poeti

di Daniel Heller-Roazen

editore: Quodlibet

pagine: 237

Sembra incontestabile che il linguaggio serva a comunicare, ma la parola può assolvere anche un'altra funzione: quando è neces
19,00

Il quinto martello. Pitagora e la disarmonia del mondo

di Daniel Heller-Roazen

editore: Quodlibet

pagine: 181

Passeggiando nei pressi di una fonderia - così si narra - Pitagora ebbe la prima fulminante intuizione circa l'armonia: il suo
20,00

Il nemico di tutti. Il pirata contro le nazioni

di Heller-roazen Daniel

editore: Quodlibet

pagine: 286

Secondo una celebre affermazione di Cicerone, esistono nemici con i quali si può negoziare, e con cui, ove le circostanze lo c
22,00

Ecolalie. Saggio sull'oblio delle lingue

di Daniel Heller-Roazen

editore: Quodlibet

pagine: 264

Dal punto di vista medico, l'ecolalia è quel "disturbo che consiste nel ripetere involontariamente parole o frasi pronunciate da altre persone", un fenomeno che, fin dal diciannovesimo secolo, è stato oggetto di studio principalmente della psichiatria. Daniel Heller-Roazen dà a questa patologia un significato inedito, riconducendola alle radici più profonde del linguaggio stesso. Nei ventuno capitoletti del volume, in cui la filosofia sembra ricongiungersi alla lingua del mito e della fiaba, si declina nei modi più inaspettati una tesi di fondo: ogni lingua è l'eco di un'altra, e continua a portarne testimonianza. Radicalizzando, ogni lingua è l'eco di quella babele infantile la cui cancellazione rende possibile la parola. Tale tesi trova riscontro nei territori più diversi: la mitologia, la psicoanalisi, la teologia, la letteratura, la linguistica. Apre una nuova prospettiva sul rapporto fra oralità e scrittura e su facoltà umane come la memoria e l'oblio. E si rivela una chiave di lettura incredibilmente versatile, in un percorso che, in queste ventuno "ecolalie", porta da Ovidio a Dante, da Edgar Allan Poe a Elias Canetti, dalle lingue sacre dell'ebraismo e dell'islam ai dialetti in via di sparizione, dalla lingua materna dei poeti alla lingua ideale dei dotti.
24,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.