Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Fabrizio Desideri

Oggetti attivi. Sulla singolarità delle opere d'arte

di Fabrizio Desideri

editore: Mimesis

pagine: 166

Nei saggi che compongono questo libro l'autore interroga e analizza la singolare natura delle opere d'arte
16,00

Storia dell'estetica occidentale. Da Omero alle neuroscienze

editore: Carocci

pagine: 808

Questa storia dell'estetica occidentale, la più completa disponibile in lingua italiana, dal solido impianto storico-critico e
49,50

Walter Benjamin e la percezione dell'arte. Estetica, storia, teologia

di Fabrizio Desideri

editore: Morcelliana

pagine: 192

L'opera d'arte, le sue trasformazioni nell'epoca della riproducibilità tecnica, la storia negli anni del secondo conflitto mon
19,00

Origine dell'estetico. Dalle emozioni al giudizio

di Fabrizio Desideri

editore: Carocci

pagine: 175

Che cosa c'è all'origine di fatti e atteggiamenti estetici tipici della nostra specie? Quale ruolo vi giocano le emozioni? In
19,00

La misura del sentire. Per una riconfigurazione dell'estetica

di Fabrizio Desideri

editore: Mimesis

pagine: 338

Con ventiquattro saggi, articolati in sei quartetti, l'autore propone un'originale ricerca tesa ad una riconfigurazione del campo concettuale dell'estetico, nel suo necessario intreccio con gli altri domini del discorso filosofico (dall'ontologia all'etica, dalla metafisica alla filosofia della mente). Mentre nella prima parte ("La misura della mente") il tenore degli scritti è teorico, seguendo una scansione logico-tematica che dalla meta-filosofia giunge all'estetica passando per la teoria della coscienza, nella seconda ("Lo spazio del sentire") il tenore è quello di un dialogo con i classici (da Kant a Wittgenstein, da Novalis a Benjamin, da Adorno a Valéry) che contempera urgenza teoretica e analisi testuale. Più che in una chiave tematica l'unità del libro, nei due tempi di cui si compone, è da cercarsi in una chiave musicale: nel ritmo del ricercare un modus del pensiero e della sua espressione. Nella consapevolezza che la misura della mente non può essere un criterio puramente interno, dovendo misurare, nella sua esteriorità, quello spazio del sentire dal quale, con l'emergere di un'attitudine estetica, si sviluppa una mente simbolica.
26,00

La percezione riflessa. Estetica e filosofia della mente

di Fabrizio Desideri

editore: Cortina raffaello

pagine: 251

Qual è il significato dell'estetica nella nostra vita di cittadini di un mondo globalizzato e ipertecnologico? In che misura preferenze estetiche e giudizi sono dettati da emozioni e sentimenti? Quale immagine della mente umana ci restituisce una rinnovata analisi filosofica dei fatti estetici? Misurandosi con il dibattito filosofico contemporaneo e con la ricerca nell'ambito delle neuroscienze e della psicobiologia, Fabrizio Desideri critica sia il modello ipercognitivista sia il modello emozionalista. Negli atteggiamenti estetici si accordano piuttosto, sin dalla primissima infanzia, le risonanze emotive e gli aspetti cognitivi della nostra vita percettiva. In particolare, la dimensione estetica dell'esperienza emerge nel paesaggio umano come conseguenza del fenomeno dell'attenzione. Categorie e giudizi estetici si formano mediante la capacità attenzionale di cogliere tratti significativi ed espressivi di un volto, di un oggetto, di una scena: quella stessa capacità direttamente connessa con la nostra natura di animali simbolici. Da un'appassionata indagine al confine tra estetica e filosofia della mente nasce una proposta di ridefinizione dell'identità umana.
23,00

Benjamin

editore: Carocci

pagine: 222

Tutti coloro che si sono occupati in qualche modo di Walter Benjamin conoscono la difficoltà di definirne il pensiero, inseren
16,00

Storia dell'estetica occidentale. Da Omero alle neuroscienze

editore: Carocci

pagine: 668

L'estetica, intesa come specifica trattazione filosofica dei problemi relativi all'esperienza del bello naturale e artistico, è una disciplina tipicamente moderna. Concordemente gli studiosi individuano nel Settecento, il secolo in cui, nella cultura occidentale, nasce e si sviluppa l'estetica quale ambito autonomo della ricerca filosofica. L'estetica ha insomma una storia ben prima della sua "nascita" moderna e questo libro ne offre al lettore italiano un articolato disegno, dalle sue origini greche fino ai nostri giorni: da Omero fino alle neuroscienze.
40,00

Forme dell'estetica. Dall'esperienza del bello al problema dell'arte

di Fabrizio Desideri

editore: Laterza

pagine: 176

Una mappa concettuale, chiara e originale dell'estetica come disciplina filosofica di frontiera
20,00
16,00

Il passaggio estetico. Saggi kantiani

di Fabrizio Desideri

editore: Il Nuovo Melangolo

pagine: 230

Un'acuta rilettura dell'estetica di Kant, che vede nella "Critica della facoltà di giudizio" la più attuale tra le sue opere. Tale attualità riguarda il modo con cui Kant affronta l'"immenso abisso" che divide l'ambito teoretico-conoscitivo della filosofia da quello etico-pratico. Come superare l'impasse? Come non rimanere paralizzati dalla fascinosa potenza di tale immagine? Come non rassegnarsi ad una scissione tra l'agire e il conoscere, tra l'essere cittadini del mondo e investigatori del cosmo? La mossa kantiana sta, per l'autore, nel convertire l'immagine dell'abisso nel problema di attraversare comunque il confine che separa i due ambiti. Alla libertà e alla contingenza del giudicare riflettente spetta l'attraversamento del confine.
19,00
18,08

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.