Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Monte Università Parma: Opere inedite di cultura

Chiaroscuro. Versi e versioni

di Traina Alfonso

editore: Monte Università Parma

pagine: 132

15,00

Tre pittori. Sutherland, Morlotti, Ruggeri

editore: Monte Università Parma

pagine: 160

15,00

Variazioni su una metafora

di Mario Lavagetto

editore: Monte Università Parma

pagine: 72

Si tratta di un inedito preparato dall'autore per la sua prolusione all'anno accademico 2006-2007 tenuta presso la Facoltà di Architettura dell'Università degli Studi di Panna. Il testo prende in esame la possibile corrispondenza tra "cattedrali" architettoniche e letterarie, analizzando i capolavori di Balzac, Rugo, Proust, James e altri testi fondamentali della letteratura mondiale. Dal confronto tra letteratura e architettura emergono inaspettate corrispondenze e sorprendenti variazioni sul tema.
15,00

Il logos della scienza

di Paolo Zellini

editore: Monte Università Parma

pagine: 74

Per la prima volta si presenta questo testo inedito del matematico triestino Paolo Zellini, che contiene diversi elementi di una sua conferenza dal titolo Numero e Logos, tenuta il 27 aprile 2006 presso la Facoltà di Architettura e di Ingegneria dell'Università degli Studi di Parma. Un testo che sviluppa una visione ampia della cultura e che ricerca nessi e collegamenti non solo nell'ambito della ricerca matematica ma anche fra il pensiero antico e la scienza moderna. Il testo è accompagnato da opere consonanti di Ferdinando Cogni, poeta e sensibile artista nato a Piacenza nel 1919. Una scelta fatta per sottolineare la necessità di far dialogare la cultura umanistica e quella scientifica che ancora oggi, passati circa cinquant'anni dalla denuncia di Charles P. Snow in merito alla loro frequente separazione, sembrano spesso lontane le une dalle altre. Si tratta di tavole del tutto inedite, scelte tra i numerosi lavori da lui realizzati in questi ultimi anni.
15,00

I viaggi

di Fausto Melotti

editore: Monte Università Parma

pagine: 80

Dopo la morte di Melotti, avvenuta nel 1986, la figlia Marta ha trovato tra le sue carte un corposo gruppo di poesie, vergate a mano su foglietti e già ordinate dall'artista per una futura pubblicazione. Il volume raccoglie queste poesie inedite di Melotti ed il relativo testo critico di Giovanni Raboni.
15,00

Pittura, linguaggio e tempo

di Cesare Segre

editore: Monte Università Parma

pagine: 65

Un saggio inedito di Cesare Segre, unanimamente considerato tra i maggiori filologi italiani. Segre si interroga sulla reciprocità dei linguaggi e dei segni - immagine, scrittura, suono - conducendo una significativa riflessione sul mondo contemporaneo. Nei suoi numerosi studi si registrano anche significativi contributi rivolti all'approfondimento dei possibili legami esistenti tra iconologia e linguaggio letterario, studi che hanno aperto in generale nuovi orizzonti alla profondità del processo critico-ermeneutico, studi che qui si concretizzano in un testo che assume il carattere di una luminosa "plaquette". Che cosa implica descrivere a parole un'opera d'arte? Che differenze si possono trovare tra il linguaggio visivo e quello musicale? Quali processi mentali portano al disvelamento dei significati di una determinata opera? Il filologo Cesare Segre si interroga su queste tematiche nella prolusione all'anno accademico 2005-2006 che ha tenuto presso la Facoltà di Architettura dell'Università degli Studi di Parma, qui pubblicata assieme a tre articoli apparsi su "Il Giorno" in cui Segre dialoga con due dei massimi storici dell'arte del Novecento: Meyer Schapiro ed Ernst Gombrich.
15,00

Emanuele Severino. Scuola e tecnica. Ediz. numerata

editore: Monte Università Parma

pagine: 69

Nel novero dei filosofi contemporanei, Emanuele Severino occupa una chiara posizione di preminenza, e ciò è docuto non soltanto alle sue grandi capacità di argomentare e di approfondire i diversi temi trattati, ma pure alla sua originale meditazione sui temi capitali della cultura d'oggi.
15,00

Vasco Bendini. Lettera con accordi

di Ivo Iori

editore: Monte Università Parma

pagine: 92

15,00

La luce della poesia. Ricordi, pensieri, sogni

di Loi Franco

editore: Monte Università Parma

15,00

La democrazia ateniese

di Luciano Canfora

editore: Monte Università Parma

pagine: 56

15,00

Paura, reverenza, terrore. Rileggere Hobbes oggi

di Carlo Ginzburg

editore: Monte Università Parma

pagine: 72

Un saggio condotto con una linearità di pensiero e secondo un filo e delle tracce degni di un'inchiesta di Simenon-Maigret. Emerge un'attenzione fondamentale ai "dettagli", sia che si vogliano interpretare come "microstoria" (una categoria d'analisi che ha reso celebre Ginzburg), sia come strumenti di comparazione utilissimi per annodare fili solo apparentemente sciolti. Può al proposito vedersi l'importanza di un termine (il verbo inglese to awe, incutere soggezione) che Ginzburg mostra qui essere centrale nel pensiero di Hobbes, importanza che non sarebbe emersa se lo storico non avesse scandagliati, comparandoli opportunamente, i diversi ambiti culturali in cui il termine stesso si era presentato alla "lettura" del filosofo inglese. Il processo di comparazione, nella sua più ampia accezione, non ha un ambito privilegiato di applicazione, ma è una metodologia generale di pensiero. In questo solco viene in mente un passo di "Mimesis", opera celebre di Erich Auerbach e molto importante per la formazione culturale di Ginzburg. È soprattutto la ricchezza di prospettive d'indagine anche nella direzione indicata da Auerbach a caratterizzare l'opera di Ginzburg e a renderla così significativa e originale nel panorama d'oggi. Se la storia è "un continuo processo di interazione tra lo storico e i fatti storici, un dialogo senza fine tra il presente e il passato". Proprio come quello che qui ci presenta Carlo Ginzburg.
15,00

Savinio e le figure dell'invisibile

di Giacomo Debenedetti

editore: Monte Università Parma

pagine: 110

15,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.