Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Fare storia con la televisione

Fare storia con la televisione
Titolo Fare storia con la televisione
Sottotitolo L'immagine come fonte, evento, memoria.
Prefazione di Paolo Mieli
Autore
Collana Università/Media spettacolo e processi culturali/Ricerche
Editore Vita e pensiero
Formato
libro Libro
Pagine 296
Pubblicazione 2006
ISBN 9788834313244
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
20,00
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
La storia degli ultimi cinquant’anni ha preso spesso le forme dell’immagine televisiva. Il rapporto fra storia e televisione solleva però una serie di questioni che solo di recente gli studiosi hanno cominciato ad affrontare sistematicamente. In che senso l’immagine televisiva può essere considerata una fonte per la ricerca storica? Quali sono gli accorgimenti che gli storici debbono impiegare nel considerare questa ‘fonte audiovisiva’? In quale misura le riflessioni elaborate su altri media – soprattutto sul cinema – possono valere a proposito della televisione?
E le domande non si esauriscono qui, perché la televisione, per la sua straordinaria pervasività e per l’efficacia delle immagini in movimento, ha di frequente giocato un ruolo attivo nel suo rapportarsi alla storia: da un lato, si è fatta essa stessa ‘evento’, ha penetrato della propria forma e della propria grammatica la rappresentazione dei fatti comunemente ritenuti ‘storici’; dall’altro, si è assunta il ruolo sempre più centrale di narratore storico, di terreno di confronto (e scontro) sulla ricostruzione del passato, luogo di coagulo di una memoria condivisa.
Tutti questi temi si intrecciano nelle pagine del volume curato da Aldo Grasso, la prima pubblicazione italiana che prende sistematicamente in considerazione la questione dei rapporti fra la storia e il mezzo di comunicazione oggi più diffuso e popolare. In un’ottica decisamente e volutamente multidisciplinare, il volume fa dialogare tra loro storici e storici dei media, mediologi e sociologi della comunicazione, archivisti, produttori e programmisti. Viene così affrontata un’articolata varietà di problematiche, nell’intento di darne un quadro esaustivo e coerente, che si rivolge tanto allo specialista quanto al lettore curioso e interessato a comprendere più a fondo i meccanismi della società contemporanea mediatizzata, impegnata a rappresentare, raccontare, tramandare il proprio passato.
 

Biografia dell'autore

Aldo Grasso è professore straordinario di Storia della radio e della televisione presso la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ha diretto i programmi radiofonici della Rai nella breve stagione dei ‘Professori’ (1993-1994). È editorialista e critico televisivo del «Corriere della Sera» dal 1990. Fra le sue pubblicazioni, Linea allo studio(1989), Le televisioni in Europa (a cura di, 1990), Storia della televisione italiana (1992 e segg.), Enciclopedia della Televisione Garzanti (1996 e segg.), Radio e televisione (2000), La scatola nera della pubblicità (a cura di, 2000), Schermi d’autore (a cura di, 2002), Che cos’è la televisione (2003).

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.