Etiche e politiche della postmodernità

Etiche e politiche della postmodernità

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
28,00
Il bene come solidarietà, la ragione come ragionevolezza politica, la libertà come fondamento di una identità onesta, voluta e coltivata senza sosta, l’alterità come risorsa e non come minaccia, la critica serrata della violenza e della predatorietà in nome della giustizia, la riscoperta del dono nei rapporti intersoggettivi e il ridimensionamento dell’attività di scambio: ecco alcuni dei grandi luoghi su cui questo volume insiste. E con la descrizione del caso. Anche interrogando, nella seconda parte specialmente, una serie nutrita di testimoni del presente; interrogando con passione, ma anche con decisione, cioè senza arretrare d’un passo quando, appunto, ne va della verità e del bene, della libertà e della giustizia.
 

Biografia dell'autore

Carmelo Vigna è ordinario di Filosofia morale presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia, dove dirige il Centro Interuniversitario per gli Studi sull’Etica (C.I.S.E.). Insegna anche presso l’Università Cattolica di Milano. Di recente ha pubblicato: “Il frammento e l’Intero” (Vita e Pensiero, Milano 2000). È anche curatore e coautore dei seguenti volumi: “Introduzione all’etica” (Vita e Pensiero, Milano 2001); “Multiculturalismo e identità” (con S. Zamagni, Vita e Pensiero, Milano 2002); “Etica trascendentale e intersoggettività” (Vita e Pensiero, Milano 2002); “Libertà, giustizia e bene in una società plurale” (Vita e Pensiero, Milano 2003).