Il tuo browser non supporta JavaScript!

Giorgio Vasari. Luoghi e tempi delle «Vite»

Giorgio Vasari. Luoghi e tempi delle «Vite»
titolo Giorgio Vasari. Luoghi e tempi delle «Vite»
Autore
Argomenti Letteratura e Arte Arte
Adozioni Lettere e Filosofia
Collana SAGGI IN OFFICINA
Editore Officina libraria
Formato Libro
Pagine 212
Pubblicazione 2021
Numero edizione 3
ISBN 9788833671239
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
20,90
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
Le "Vite" di Giorgio Vasari, pubblicate a Firenze nel 1550, sono la pietra fondativa della storia dell'arte quale ancora oggi la intendiamo, nei suoi strumenti e metodi essenziali. Seguire il filo dell'attività del pittore aretino nei molti diversi contesti italiani in cui fu operoso (Roma, Bologna, Venezia, Napoli, Firenze e tanti centri della Toscana...), e considerare la sequenza dei viaggi, i rapporti con i committenti (principi della terra e della Chiesa come i Medici o i Farnese, ma anche ordini religiosi, collezionisti e mercanti), gli amici, il mondo degli umanisti e dei letterati (ad esempio Pietro Aretino, Andrea Alciato, Annibal Caro...), i tempi e i modi di lavoro, permette di fare luce sulla maturazione della dirompente impresa storiografica vasariana, sulla sua impostazione e sulle sue ragioni critiche. A fronte della radicale novità segnata dalla prima edizione dell'opera, concepita dall'autore in un momento precoce del suo percorso, profondamente differenti sono i criteri e le aspirazioni cui corrisponderà la rielaborazione del testo in vista della edizione molto ampliata del 1568, ormai del tutto allineata ai valori del principato mediceo. La nuova versione delle "Vite" prende corpo infatti nell'ultima stagione trascorsa da Vasari alla corte fiorentina, quando si consolida la sua posizione di regista della politica culturale di Cosimo I, con il coordinamento del grande cantiere architettonico e decorativo di Palazzo Vecchio, la fabbrica degli Uffizi, la strumentalizzazione del culto di Michelangelo appena scomparso, e "quella grande operazione di riduzione all'ombra dell'assolutismo granducale della tradizionale anarchia degli artisti che va sotto il nome di fondazione dell'Accademia del Disegno", secondo una memorabile definizione di Giovanni Previtali. Questa nuova edizione, oltre ad aggiornamenti del testo, include una vasta bibliografia ordinata cronologicamente che permette di seguire lo sviluppo degli studi e fa emergere da una parte la consolidata fortuna nazionale ed internazionale di Vasari scrittore e dall'altra la solo recente attenzione alla sua attività pittorica e architettonica.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.