Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

La Santa fabbrica del Vittoriale nel carteggio inedito D'Annunzio-Maroni

La Santa fabbrica del Vittoriale nel carteggio inedito D'Annunzio-Maroni
Titolo La Santa fabbrica del Vittoriale nel carteggio inedito D'Annunzio-Maroni
Autore
Collana Biblioteca Dannunziana saggistica
Editore Ianieri
Formato
libro Libro
Pagine 784
Pubblicazione 2008
ISBN 9788888302560
 
Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
48,00
 
L'ultimo tratto della parabola esistenziale di Gabriele d'Annunzio, contrassegnata dalla progressiva claustrazione nel Vittoriale, ebbe come testimone Gian Carlo Maroni, che di quella sontuosa dimora fu, per così dire, geniale coautore insieme col Poeta e, dopo la morte di questo, custode fedele. Ma, dal fitto carteggio intercorso tra i due, qui collazionato e commentato da Franco Di Tizio, emerge non tanto l'opera professionale dell'architetto Maroni, quanto piuttosto il suo speciale legame affettivo col "Comandante", quella devozione sincera, quell'accettazione intelligente degli sbalzi d'umore, quella continua e piena disponibilità anche ai minimi desideri di lui, sicché negli ultimi anni è lo stesso d'Annunzio a riconoscere nel "caro caro Gian Carlo" il proprio vero e unico "fratello". Dal carteggio, in controluce, traspaiono gli atteggiamenti del Poeta nei confronti del regime fascista e del suo "Capo": dalla rivendicazione dei propri meriti di precursore alla fervida adesione, in chiave combattentistica, all'impresa etiopica, dal disdegno per gli orpelli accademici alle perplessità sull'alleanza con la Germania hitleriana.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.