Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Pirandello e il demone del teatro. Dai «Sei personaggi» ai «Giganti della montagna»

Pirandello e il demone del teatro. Dai «Sei personaggi» ai «Giganti della montagna»
titolo Pirandello e il demone del teatro. Dai «Sei personaggi» ai «Giganti della montagna»
Autore
Argomento Scienze Umane Comunicazione
Collana Lingue e Letterature Carocci, 428
Editore Carocci
Formato
libro Libro
Pagine 280
Pubblicazione 2024
ISBN 9788829024353
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
29,00
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
«Il pubblico? Eh, io [...] l'ho abituato ad aspettarsene da me d'ogni colore. Gli sono andato sempre con le dita negli occhi; ed esso lo sa. È il mio gusto e il mio piacere. Tutta la mia opera è stata sempre così, e sarà così: una sfida alle sue opinioni e soprattutto alla sua quieta morale... o immorale». Così, nel maggio del 1917, Luigi Pirandello scriveva al capocomico Virgilio Talli. A poco più di un secolo di distanza il volume raccoglie di nuovo quella sfida, analizzando fantasmi inconsci e strategie provocatorie del grande drammaturgo siciliano, in un corpo a corpo con le sue pièces più famose. Il modo creativo e mai scontato con cui Pirandello rielabora, adattandole ai palcoscenici del suo tempo, le suggestioni provenienti dai grandi narratori russi (Dostoevskij e Tolstoj in primo luogo) e dal Goethe delle Affinità elettive e del Faust - una dimensione intertestuale finora poco esplorata - diventa qui la cartina di tornasole privilegiata della vera natura del suo teatro, per nulla compatibile con una ricezione passiva e catartica. Le ossessioni che variamente lo attraversano, decidendo del destino dei personaggi, ancora oggi inquietano nel profondo il lettore/spettatore, perché lo obbligano a fare i conti con i suoi stessi demoni.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.