Il tuo browser non supporta JavaScript!

La sapienza di Timeo

La sapienza di Timeo
titolo La sapienza di Timeo
sottotitolo Riflessioni in margine al "Timeo" di Platone
Autore
Collana Università/Filosofia/Temi metafisici e problemi del pensiero antico
Editore Vita e pensiero
Formato Libro
Pagine 514
Pubblicazione 2007
ISBN 9788834313930
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
35,00
Le ipotesi ermeneutiche avanzate nei saggi di questo libro, suddiviso in quattro parti, intendono provare a interpretare alcune ‘stranezze’ del Timeo, rimaste ancora senza spiegazione, nonostante l’amplissima letteratura sul dialogo platonico. La prima parte affronta questioni strutturali del testo, considerandone la ‘cornice letteraria’ e la (solo) apparentemente ovvia assenza di un impianto dialettico. La seconda si occupa invece di questioni generali o di fondo: il ruolo della misura nella produzione demiurgica del mondo e nella vita, incarnata e non, delle anime individuali; il possibile valore ‘asimmetrico’– non bilaterale – del rapporto fra Idee e sensibili; la possibilità di considerare operante nel linguaggio dell’Anima del mondo una matematica cosiddetta ‘embodied’ e la relazione, non oppositiva ma continuativa e interdipendente, fra intelligibile e sensibile. La terza parte è dedicata invece a questioni particolari e ‘scientifiche’ (astronomiche, fisiologiche e biologiche), quali la dipendenza delle anime individuali dai cerchi cosmici di Identico e Diverso e la produzione di tali anime da parte del Demiurgo; il ruolo dell’anima thymoeidès rispetto alle sue stesse configurazione e collocazione anatomiche; la fisiologia e la funzione delle immagini speculari; i problemi della riproduzione umana e della differenziazione fra i sessi. L’ultima parte torna infine sull’ampia, interessante tematica della ricezione del testo di Platone, valutandola in particolare nell’ambito del pensiero gnostico e riguardo al Didaskalikòs.
 

Biografia dell'autore

Linda M. Napolitano Valditara (1951) è professore associato di Storia della filosofia antica all’Università di Trieste. Socio della International Plato Society, si è occupata in particolare di filosofia e matematica nella tradizione platonica, dell’uso – in Platone e nella tradizione – di metafore visive a fini gnoseologici e morali, dell’etica platonica e dei rapporti tra filosofia antica e tragedia greca. Si occupa inoltre di antropologia, psicologia e delle strutture espressive, in particolare del corpus platonicum. Tra le sue pubblicazioni: Le idee, i numeri, l’ordine. La dottrina della ‘mathesis universalis’ dall’Accademia antica al neoplatonismo (Napoli 1988); Lo sguardo nel buio. Metafore visive e forme grecoantiche della razionalità (Roma-Bari 1994); Virtù, felicità e piacere nell’etica dei Greci (Milano 1999); ‘Prospettive’ del gioire e del soffrire nell’etica di Platone (Trieste 2001).

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.