Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Globalizzazione: nuove ricchezze e nuove povertà

Globalizzazione: nuove ricchezze e nuove povertà
Titolo Globalizzazione: nuove ricchezze e nuove povertà
Autore
Collana Transizioni
Editore Vita e pensiero
Formato
libro Libro
Pagine 178
Pubblicazione 2001
ISBN 9788834306857
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
14,00
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
La globalizzazione viene comunemente rappresentata come complesso di fenomeni dotato di un dinamismo inarrestabile, alla stregua di una forza della natura. La rapida strutturazione su scala mondiale dei flussi di merci, capitali e nuove tecnologie è all’origine di trasformazioni economiche, politico-sociali e culturali dagli esiti non facilmente immaginabili. Per molti questa realtà che contrassegna la nostra epoca va salutata con estremo favore. Essa costituisce la forma compiuta del grande ideale liberale: una sempre più ampia integrazione dell’economia planetaria andrebbe generando uno straordinario accrescimento della prosperità, i cui vantaggi ricadrebbero anche sui paesi poveri. E tuttavia, questa rappresentazione mostra la sua parzialità proprio a fronte dell’inconfutabile evidenza di un crescente divario non solo tra paesi ricchi e paesi poveri, ma anche all’interno delle stesse società e democrazie dell’Occidente. Sorgono allora domande ineludibili per chi ha a cuore un profilo di civiltà che non si contragga attorno al mero interesse economico, ma abbia consistenza etica: la globalizzazione è un processo a cui lasciare uno svolgimento del tutto indipendente, o non va piuttosto orientata? Come immaginare un ruolo nuovo della politica perché la competizione non trionfi sulle istanze della giustizia? In quali maniere e attraverso quali soggetti la comunità internazionale, nelle sue diverse articolazioni, deve operare per porre un argine agli elevati costi di questa nuova frontiera del capitalismo? Queste preoccupazioni accomunano le autorevoli riflessioni qui pubblicate. Nella loro diversità, esse si compongono attorno all’esigenza decisiva di un nuovo umanesimo, che richiede il rigore del pensiero, l’intransigenza dell’etica e il cuore della solidarietà. Le inedite questioni poste dalla globalizzazione domandano non meno di questo, se non si rinuncia all’idea di una società che dia forma al proprio destino anziché abbandonarsi inerme al corso degli eventi.
 

Biografia dell'autore

Lorenzo Ornaghi

Lorenzo Ornaghi

Lorenzo Ornaghi è presidente dell’Alta scuola di economia e relazioni internazionali (Aseri).
È stato rettore dell’Università Cattolica del Sacro Cuore dal 2002 al 2012.
Ha ricoperto l’incarico di ministro per i Beni e le attività culturali dal novembre 2011 all’aprile 2013.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.