Il tuo browser non supporta JavaScript!

La strategia del maglione. Sergio Marchionne e l'Italia

La strategia del maglione. Sergio Marchionne e l'Italia
titolo La strategia del maglione. Sergio Marchionne e l'Italia
Autore
Argomento Diritto, Economia e Politica Economia
Editore Aliberti
Formato Libro
Pagine 314
Pubblicazione 2011
ISBN 9788874247578
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
17,00
Dal primo giugno 2004, data del suo insediamento a Torino, il manager italo-canadese è riuscito a demolire pezzo dopo pezzo il sistema delle relazioni industriali italiane, riportandolo a una dimensione antica, quasi "vallettiana". Ha svuotato di contenuti il contratto nazionale di lavoro, sostituendolo con "accordi" (che sarebbe più onesto definire "imposizioni") a misura d'azienda; ha ricattato gli operai di Pomigliano e Mirafiori, costringendoli a sottoscrivere un odioso peggioramento delle loro condizioni di vita; ha chiuso fuori dalle fabbriche l'unico sindacato che si opponeva ai suoi piani - la Fiom - imponendo un illegale divieto di sciopero e una flessibilità da lui stesso definita "bestiale". Infine, si è sbarazzato di ogni residuo vincolo normativo portando il gruppo Fiat fuori da Confindustria. Di questo e molto altro è stato capace Sergio Marchionne, nell'Italia della grande crisi economica. Tuttavia, Marchionne non ha fatto altro che il lavoro per il quale è lautamente pagato. Ovvero "generare profitto, unico fine dell'impresa", come diceva Cesare Romiti. È il sindacato, piuttosto, ad aver tradito la sua missione naturale, ad aver smesso di combattere al fianco dei lavoratori. Sergio Marchionne conduce la "lotta" al fianco della propria "classe", che è quella dei padroni. E lo fa con ottimi risultati. Ai lavoratori, in ultima istanza, la scelta di combattere per se stessi e per la propria dignità. Con o senza il sindacato.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.