Il tuo browser non supporta JavaScript!

Dramma, dono, accoglienza. Antropologia e teologia dell'adozione

Dramma, dono, accoglienza. Antropologia e teologia dell'adozione
titolo Dramma, dono, accoglienza. Antropologia e teologia dell'adozione
autore
argomento Storia, Religione e Filosofia Religione
collana L'abside, 88
editore San Paolo Edizioni
formato Libro
pagine 304
pubblicazione 2020
ISBN 9788892223714
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
28,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
Adottare non è fare un rattoppo, ma è un modo stupendo per diventare padri e madri: è scegliere di accogliere, per grazia, come "proprio" un figlio che è stato generato da altri e poi abbandonato. L'adozione è un atto di grazia. Infatti, prima dell'adozione c'è sempre un "abbandono", anche se è difficile sapere realmente quale storia sia dietro un abbandono. Questo è il compito altissimo cui sono chiamati ogni genitore e ogni padre e madre adottivi: annunciare al figlio che nulla potrà mai separarlo dall'amore di Dio. Questo "passa" attraverso l'adozione. Adottare è ricevere dall'altro il grande dono di essere padri e madri. Adottare è accogliere, ospitare un figlio che non era più figlio. Adottare è curare nell'altro il dolore dell'abbandono, perché la fessura della sua ferita diventi spiraglio di luce. Adottare è generare l'altro ad un amore che fa rinascere, nelle piccole cose di ogni giorno. Adottare è un atto profondo di paternità e maternità, che va oltre la carne e che tuttavia passa attraverso la carne e la dedizione quotidiana. Adottare è un atto insieme di gratuità e di giustizia che "restituisce" ad un piccolo rifiutato la sua dignità filiale, perché non diventi grande nella paura, nella solitudine, nell'apatia, nell'indifferenza, ma possa crescere con l'affetto, la sollecitudine e la presenza amorevole di un padre e di una madre, e di altri fratelli, di cui potersi fidare, sentendosi accolto senza condizioni. Questo è il grande insegnamento dell'adozione, che vale per tutti i genitori, adottivi e no: ogni figlio chiede di essere adottato e amato come il "proprio" figlio. Riconoscente per questo dono, egli diventerà a sua volta capace di generare e di amare!
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento