Il tuo browser non supporta JavaScript!

Contraddizione e verità nella logica di Hegel

Contraddizione e verità nella logica di Hegel
titolo Contraddizione e verità nella logica di Hegel
autore
collana Università/Filosofia/Ricerche
editore Vita e pensiero
formato Libro
pagine 284
pubblicazione 2010
ISBN 9788834319239
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
22,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
La tesi fondamentale di questo libro, cioè la tesi secondo cui Hegel vorrebbe costruire una impossibile struttura immutabile della mutabilità, sulle prime parrebbe semplicemente riprendere le accuse gentiliane all’hegelismo. In realtà, l’analisi paziente dei testi hegeliani va in una direzione completamente diversa, e profondamente originale. Non c’è qui da ‘liberare’ Hegel dai residui di naturalismo o di dogmatismo, per accedere alla purezza del divenire dell’atto del pensare; c’è qui piuttosto da prendere sul serio e in profondità la tesi hegeliana dell’incontraddittorietà della ragione speculativa e da capire come essa possa comporsi con la fluidità della nostra esperienza del mondo. Solo ponendo in tensione permanente questi due lati (antichi) dell’aporetica originaria, suggerisce con discrezione Paolo Bettineschi, si può restituire a Hegel la vera grandezza e farne uno di quei giganti dello spirito che hanno decisamente respinto lontano da sé quella resa senza condizioni che consiste nel lasciar cadere l’uno o l’altro lato di tale aporetica, per via della disperazione indotta dalla (creduta) impossibilità di venirne a capo. Merito non piccolo di Paolo Bettineschi è tener sempre per fermo questo capo delle tempeste hegeliano. E indicare poi un’uscita di sicurezza.
 

Biografia dell'autore

Paolo Bettineschi è dottore in Filosofia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e dottorando di ricerca presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Collabora con la Cattedra di Filosofia morale e con il Centro Interuniversitario per gli Studi sull’Etica (CISE) di quest’ultima Università. I suoi interessi si concentrano attorno alla logica dell’idealismo hegeliano e dell’attualismo gentiliano, ai temi della metafisica classica e dell’ontologia contemporanea, alle relazioni determinate che etica e antropologia intrattengono col discorso sull’essere e sul sapere. Ha scritto per la «Rivista di Filosofia Neo-scolastica» ed è autore del saggio Tecnica, instabilità, angoscia. Interpretazione del tempo presente (in Etica di frontiera. Nuove forme del bene e del male, a cura di C. Vigna - S. Zanardo, Vita e Pensiero, Milano 2008). Con Carmelo Vigna ha inoltre curato voci fondamentali dell’Enciclopedia filosofica (Milano 2006; 12 voll.) e il libro Metafisica e violenza (Vita e Pensiero, Milano 2008).

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.