La cultura fascista

La cultura fascista
Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
19,63
 
Il fascismo ebbe un programma totalitario, progettò di "rifare gli italiani", di "bonificare" spiritualmente il paese. A questo fine la cultura doveva svolgere un ruolo essenziale. Sulla base di queste premesse l'autrice ha inteso raccontare come in concreto il mondo della cultura abbia contribuito alla diffusione dei modelli fascisti di modernità, misurando la dinamica tra politica culturale e risposta degli intellettuali. L'autrice studia in particolare gli ambiti della narrativa e del cinema, la politica del regime verso i giovani e il mondo delle riviste giovanili, l'esito delle campagne per l'autarchia, infine la crisi dell'identità nazionale e l'emergere di una cultura antifascista.