Il tuo browser non supporta JavaScript!

L'Italia disunita. Idee e giudizi da Dante a Gramsci

L'Italia disunita. Idee e giudizi da Dante a Gramsci
titolo L'Italia disunita. Idee e giudizi da Dante a Gramsci
Autore
Argomento Diritto, Economia e Politica Politica
Collana Saggi
Editore Mondadori bruno
Formato Libro
Pagine 173
Pubblicazione 2013
ISBN 9788861598683
 
Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
16,00
 
Fra il 1440 e il 1490 in Francia, Spagna e Inghilterra si costituirono i casi esemplari di ciò che gli storici chiamano comunemente "monarchie nazionali" o "stati nazionali". In Italia, al contrario, a metà Quattrocento le condizioni per l'unificazione politica, pur ammesso che in qualche momento fossero in precedenza esistite, erano del tutto venute meno. Dal 1494 l'Italia divenne un oggetto della politica internazionale, contesa fra le grandi potenze europee; di unificazione nazionale e indipendenza politica si ricommciòa parlare solo tre secoli dopo. Quali sono le ragioni di questa diversità italiana rispetto all'Europa occidentale, che impongono di risalire anche più indietro delle vicende del XV secolo? Il libro lascia la parola a letterati, politici e storici, da Dante e Petrarca a Machiavelli e Guicciardini, fino a Cattaneo, Mazzini e Gramsci, che, in diversi momenti cruciali per la storia del paese, hanno riflettuto sulle ragioni che facevano rimanere l'Italia disunita, la tenevano discorde e la abbandonavano a dominazioni straniere.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.