Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Il celibato dei preti. Perché sceglierlo ancora?

Il celibato dei preti. Perché sceglierlo ancora?
titolo Il celibato dei preti. Perché sceglierlo ancora?
Autore
Argomento Storia, Religione e Filosofia Religione
Collana Saggistica Paoline, 38
Editore Paoline editoriale libri
Formato
libro Libro
Pagine 176
Pubblicazione 2015
Numero edizione 5
ISBN 9788831533980
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
13,00
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
Da diversi anni il Seminario di Milano ha inserito nella propria proposta formativa una serie di lezioni sul celibato aventi come destinatari, in particolar modo, i seminaristi del secondo anno di Teologia. Obiettivo delle lezioni è quello di mettere a fuoco le molte questioni connesse con il celibato a livello ecclesiologico e teologico-spirituale. Solo da alcuni anni si è focalizzato in modo più sistematico anche l'aspetto psicologico. Il presente volume ha a cuore i problemi di questa sfera umano-affettiva e raccoglie testimonianze, domande, preoccupazioni, perplessità di cui, negli anni di insegnamento, l'autore è venuto a conoscenza direttamente dai seminaristi. Non si tratta, però, di un saggio sui problemi del celibato o sui problemi nel celibato. Il volume intende seguire un percorso diverso, trattare cioè il celibato nella sua concretezza e cercare di rispondere a molte domande: considerando che attualmente nella Chiesa cattolica latina «si dà» il celibato sacerdotale, cosa significa viverlo concretamente e viverlo bene? Quali le questioni che solleva a livello affettivo, interpersonale e sessuale? Deve essere assunto come semplice condizione per il sacerdozio? Esistono ragioni perché, in positivo, valga la pena di sceglierlo ancora? A quali condizioni può essere vissuto male e finanche giungere all'esperienza deviante? Prefazione di Franco giulio Brambilla.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.