Il tuo browser non supporta JavaScript!

Dedalo: NUOVA BIBLIOTECA DEDALO

Lo stato dell'economia

Luoghi, uomini, idee

di Stefanelli Renzo

editore: Dedalo

pagine: 272

L'opera espone le questioni nodali dell'economia mondiale ed italiana confrontandole con i giudizi degli economisti
18,00

1943: «Qui radio Bari»

di Antonio Rossano

editore: Dedalo

pagine: 160

Radio Bari fu per lunghi mesi l'unica emittente libera sul continente europeo, a 100 km. da Brindisi, nuova capitale del Regno. Provocò dibattiti accesi alla Camera dei Comuni, ebbe gli elogi del "Times" e l'ostilità feroce di Radio Berlino. Il testo ripropone pagine inedite della sua rubrica più famosa, "L'Italia combatte", con i bollettini dal Fronte della Resistenza e le drammatiche sequenze di "spie al muro".
18,00

Le sante bugie. Fatti e misfatti della Chiesa dei papi

di Campolieti Giuseppe

editore: Dedalo

pagine: 384

Il libro è un "maxiprocesso" alla Chiesa di Roma, con testimonianze, documentazioni storiche o tratte dalla viva cronaca
20,00

Cibo e ambrosia. Storia dell'alimentazione mediterranea tra caso, necessità e cultura

di Sentieri Maurizio

editore: Dedalo

pagine: 304

Il libro ripercorre le fasi principali attraverso le quali un tradizionale modello alimentare (quello mediterraneo) si è andat
18,00

Le lettere vive

Scritti di semantica dei mutamenti linguistici

di Fonagy Ivan

editore: Dedalo

pagine: 400

Una raccolta di saggi selezionati per fornire una prospettiva rigorosa sui fenomeni paleolinguistici che operano continuamente
24,00

La fine della virtù. Gracián, La Rochefoucauld, La Bruyère

di Furio Semerari

editore: Dedalo

pagine: 256

Attraverso un'analisi delle riflessioni dei tre autori, vengono messi a fuoco i mutamenti delle concezioni morali nel Seicento, soprattutto per quel che concerne l'interpretazione delle passioni e delle virtù nella natura contraddittoria dell'uomo. Il concetto di virtù non ha più solo un significato strettamente morale, ma ne acquista uno più generale di "arte e tecnica" nella prospettiva della più razionale costruzione che di sé l'uomo possa tentare. In particolare, la virtù morale viene considerata "maschera" e "strategia" delle passioni, che si rivelano così essere le autentiche motivazioni dell'uomo.
20,00

Utopia e distopia

editore: Dedalo

pagine: 384

Il volume si propone un duplice obiettivo. Innanzitutto, la rifondazione dell'utopia come progetto della società giusta e fraterna che muove la storia intera; rifondazione che va contro il concetto usuale di vagheggiamento irreale e fantastico, o di ideale impossibile, ma anche contro la corrente che lo risolve nel fatto letterario, nel viaggio e nel romanzo. Distinguere l'utopia dalla distopia è il secondo obiettivo: l'utopia-eutopia è la società buona, la società di giustizia; la distopia è la società perversa, ingiusta e oppressiva, la società della degradazione e della catastrofe.
23,00

Preferenze critiche. Uno sguardo sull'arte visiva contemporanea

di Gillo Dorfles

editore: Dedalo

pagine: 336

In questa raccolta Dorfles ha voluto privilegiare quelle che sono state le sue scelte preferenziali, scelte senza dubbio molto eteroclite ma che, appunto per questo, vogliono individuare quale elemento discriminante proprio la "preferenzialità" data a ogni singolo artista o corrente artistica: Mondrian, Matisse, Feininger, Ben Nicholson, Fontana, Scialoja, Capogrossi, Paladino, Maraniello, Isgrò, tra i tanti. Ma ciò che caratterizza il volume è la presenza di alcune figure di solito considerate estranee alla pittura e alla scultura: il grafico Armando Testa, il fumettista Renato Calligaro, la scenografa Miela Reina, l'uomo di teatro Tadeusz Kantor.
20,00

La «Marsigliese» stonata. La sinistra francese e il problema storico della guerra giusta (1848-1948)

di Sergio Luzzatto

editore: Dedalo

pagine: 256

Concepite nel clima fervido e violento della Rivoluzione, le parole della Marsigliese sono rimaste scolpite nella memoria di tutti i francesi. Ma la comune memoria non ha significato un consenso diffuso: per due secoli, intellettuali e politici si sono divisi rispetto al problema storico della guerra giusta. Ancora di recente i francesi si sono trovati a discutere l'opportunità di un cambiamento dell'inno; estrema eco giornalistica di un dibattito sull'identità nazionale che è stato, in passato, altrimenti complesso e ricco di implicazioni.
18,00
18,00

L'utopia nella storia: la rivoluzione inglese

editore: Dedalo

pagine: 296

22,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.