Il tuo browser non supporta JavaScript!

Edizioni dell`orso

Il viaggio del testo. Atti del Convegno internazionale di filologia italiana e romanza (Brno, 19-21 giugno 2014)

editore: Edizioni dell`orso

pagine: 568

Il volume raccoglie gli atti del Convegno internazionale di filologia italiana e romanza "Il viaggio del testo" tenutosi press
45,00

Giulio Cesare Croce autore plurilingue. Testi e studi

editore: Edizioni dell`orso

pagine: 336

Giulio Cesare Croce (1550-1609) è universalmente noto come inventore delle figure, poi divenute proverbiali, di Bertoldo e Ber
25,00

La Dike di Antigone. Testo italiano e greco

di G. Aurelio Privitera

editore: Edizioni dell`orso

pagine: 216

È qui raccolta una parte degli studi e dei contributi di G
20,00
80,00

Rime

editore: Edizioni dell`orso

pagine: 566

75,00

Le «lettere poetiche» e la revisione romana della «Gerusalemme liberata»

di Lorenzo Bocca

editore: Edizioni dell`orso

pagine: 442

Pubblicate nel 1587, le Lettere poetiche risalgono alla revisione romana della Gerusalemme liberata, per la quale Tasso - tra il febbraio 1575 e l'estate 1576 - si avvalse di cinque "giudiciosi ed intendenti" dell'arte poetica. Questa sezione autonoma dell'epistolario tassiano, concentrata in un periodo fondamentale per l'elaborazione della Liberata, permette l'analisi delle posizioni teoriche dell'autore e, contemporaneamente, consente di entrare nell'officina del poema, cartografando il sovrapporsi di interventi e rettifiche su un testo fluido e in divenire. Queste sono le due principali direzioni del lavoro, che inserisce le Lettere poetiche nella riflessione dell'autore e nel dibattito critico coevo, confrontando il poema come appare dallo scambio epistolare con la vulgata e la restante tradizione, per individuare continuità e rotture nella prassi e nella teoria tassiane.
25,00

Aspetti comunicativi e interculturali nell'insegnamento delle lingue. Cittadini europei dal nido all'Università. Atti del Convegno (Firenze, 14 marzo 2013)

editore: Edizioni dell`orso

pagine: 280

Questo volume è il risultato della collaborazione tra la la sezione fiorentina della più antica associazione di insegnanti di lingue, ANILS, e il Master in Pubblicità Istituzionale, Comunicazione multimediale e Creazione di Eventi dell'Università degli Studi di Firenze, giunto ormai all'undicesimo ciclo. A questa sinergia tra mondo dell'insegnamento delle lingue e mondo della formazione universitaria si è aggiunto il contributo delle scuole private, con la partecipazione alla giornata di studi del presidente FISM della Toscana, a testimoniare la volontà e l'interesse di tutti coloro che si occupano di lingue e del loro insegnamento, di intercultura e di rapporti tra appartenenti a culture diverse, di trovare modalità e spazi per una reciproca conoscenza e una proficua collaborazione. Il volume si rivolge quindi a chi istituzionalmente deve comunicare con il mercato e con l'opinione pubblica e, in generale, a tutti coloro che sono interessati ad approfondire la ricerca nel settore.
25,00

Non come la moglie di Lot. La fuga della famiglia Kahle dalla Germania nazista

di Marie Kahle

editore: Edizioni dell`orso

pagine: 88

Bonn, 10 novembre 1938. La "notte dei cristalli" ha lasciato dietro di sé violenza, morte, devastazione. Le sinagoghe bruciano, le vite di centinaia di ebrei sono sconvolte dalla ferocia nazista. Marie Gisevius Kahle - moglie dell'illustre orientalista Paul Ernst Kahle, docente di spicco dell'Università di Bonn - e i suoi figli partecipano al dolore degli amici ebrei, cercano di aiutarli, li soccorrono per quel che possono. La persecuzione nazista non tarda però a colpirli: la stampa li accusa di essere "traditori del popolo", il professor Kahle perde il posto all'Università, i figli vengono emarginati, alla donna viene suggerito di porre fine alla propria esistenza. La situazione non lascia alternative: bisogna lasciare la Germania, ricostruire una vita altrove, trovare una speranza. Questa è la storia di un pezzo della vita di Marie Gisevius Kahle, che con inesausta forza di volontà cerca di salvare tutta la sua famiglia. Senza mai voltarsi indietro.
10,00

«Ad Christi similitudinem». Ignazio di Loyola e i primi gesuiti tra eresia e ortodossia

di Guido Mongini

editore: Edizioni dell`orso

pagine: 188

"Gli studi qui riuniti sono rivolti a indagare alcuni aspetti di un complesso problema storico, quello della nascita e dell'affermazione della Compagnia di Gesù. Infatti, numerose domande restano ancora aperte, pur a fronte di un'ampia letteratura, intorno alle origini dei gesuiti e alla loro controversa identità, domande che possono trovare credibili ipotesi di risposta soltanto se collocate nel contesto della crisi religiosa del Cinquecento, europea (è ben noto, a questo proposito, che l'eserienza religiosa e politica di Ignazio di Loyola affondò le sue radici nella Spagna erasmiana ricostruita da Marcel Bataillon e (...)".
18,00

Il misogallo

di Vittorio Alfieri

editore: Edizioni dell`orso

pagine: 336

"Nel Misogallo Alfieri raccolse buona parte dei sonetti, degli epigrammi e delle prose antifrancesi composte tra il 1789 e il 1798, per dare sfogo all'indignazione suscitata in lui dagli epocali e traumatici eventi della Rivoluzione francese. Nato inizialmente senza un progetto ben definito (la struttura dell'opera cominciò a concretizzarsi a partire dal 1795), e pubblicato integralmente solo dopo la morte dell'autore, il Misogallo è stato negli anni il libro forse meno letto e al tempo stesso più frainteso del poeta astigiano, a lungo guardato con sospetto soprattutto dagli studiosi, che scorgevano nelle sue pagine nulla più che una senile e reazionaria ritrattazione delle idee sostenute da Alfieri nelle tragedie e nei trattati politici; (...)."
25,00

Vittorio Alfieri. Rime

editore: Edizioni dell`orso

pagine: 888

"Obiettivo principale della presente edizione, oltre a quello di offrire una panoramica complessiva e organica dell'esperienza lirica di Vittorio Alfieri con un adeguato commento, è quello di ribadire la centralità delle rime nell'ambito della sua produzione letteraria alla luce del loro ruolo di laboratorio di materiali tematici ed espressivi riversatisi nelle altre opere, ma soprattutto di collettore di tutti i motivi più rilevanti della multiforme vita interiore del poeta, come l'amore, lo slancio libertario, l'odio per ogni forma di tirannide, la malinconia 'nera' oppure 'dolcissima', il sentimento di solitudine morale, il desiderio di una gloria che possa sottrarre alla morte, l'ammirazione piena di nostalgia per gli eroi e i letterati del passato, e altri ancora. È una poesia che vuole apparire sempre profondamente sentita, anche nelle liriche il cui valore prescinde da considerazioni puramente estetiche a causa e in virtù della natura incontenibile dello stesso temperamento alfieriano."
70,00

Costumi, macchinari e maschere. Come funzionava il teatro antico secondo Polluce. La crisi del teatro e dell'impero. Da Adriano a Commodo (117-192 d.c.)

di Francesco Carpanelli

editore: Edizioni dell`orso

pagine: 112

'Il volume, dedicato alla sezione del quarto libro dell'Onomasticon relativa ai meccanismi drammaturgici, si apre con una ricc
25,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.