Il tuo browser non supporta JavaScript!

nuovadimensione

L'intellettuale militante. Saggi per Mario Isneghi

editore: nuovadimensione

pagine: 470

Un omaggio a Isnenghi riunisce saggi di storici e letterati italiani su diversi Rivoluzione Francese fino al Fascismo. I saggi raccolti in questo volume vanno dalla Rivoluzione francese, attraverso ii Risorgimento, fino alle guerre mondiali e ai fascismo, visti attraverso le ricerche e la scrittura di un gruppo di rinomati storici e letterati italiani. Il volume è nato come un omaggio all'itinerario intellettuale e all'opera di uno storico, Mario Isnenghi, che tutti questi temi ha messo al centro del suo lavoro, producendo ricerche proprie e promuovendo o stimolando quelle di altri: in un rapporto inquieto, ma sempre militante ed appassionato, con il presente, il passato, ii futuro.
22,00

La leggerezza. Antologia poetica

editore: nuovadimensione

pagine: 84

In questo volume sono raccolti, seguendo il filo conduttore dettato dal tema della leggerezza, i testi dei poeti che hanno partecipato alla terza edizione di Notturni di_versi. Il piccolo festival della poesia e delle arti notturne "Notturni di_versi" è una di quelle iniziative nelle quali i protagonisti non sono solamente gli artisti in quanto portatori di innovazione linguistica e di creatività - o il pubblico che, proprio perché direttamente coinvolto, va ad assumere un ruolo da coprotagonista - ma il complesso ed articolato linguaggio dell'arte nelle sue più speficiche caratterizzazioni e sfumature espressive. Sono qui raccolte le poesie (una per autore), quali testimonianza cartacea di un'intensa maratorna poetica, momento centrale della manifestazione.
8,50

Io, schiavo di Hitler. L'odissea di un giovane militare da Corfù al lager di Belgrado

di Gino Marchesin

editore: nuovadimensione

pagine: 264

Gino Marchesin è nato nel 1923 a La Salute di Livenza, in provincia di Venezia, dove tuttora vive
14,90

Tutto questo va detto. La deportazione di Maria Rudolf

di Gabriella Nocentini

editore: nuovadimensione

pagine: 160

Maria Rudolf nasce a Gorizia nel 1926 e a 17 anni, dopo l'8 settembre 1943 e l'annessione della Venezia Giulia al Terzo Reich, inizia a fare la staffetta partigiana di nascosto alla sua stessa famiglia. a sua odissea inizia con l'arresto nell'aprile del 1944 e viene portata nel carcere di Gorizia e poi a Trieste. Assolta dal Tribunale di Gorizia viene comunque caricata su un treno piombato che la porta ad Auschwitz per poi essere spostata al campo di Flossembürg e infine a lavorare nel sottocampo di Plauen in una fabbrica di lampadine. Durante un bombardamento riesce a scappare insieme ad altre compagne. Ritorna in Italia nell'agosto del 1945.
13,50

Eravamo fatte di stoffa buona. Donne e Resistenza in Veneto

editore: nuovadimensione

pagine: 192

Un libro che racconta la parte femminile della guerra, della Resistenza e del dopoguerra nel territorio veneto
14,00

Nessuno mai ci chiese. La vita del partigiano Armando Gasiani deportato a Mauthausen

di Alessandro De Lisi

editore: nuovadimensione

pagine: 156

A diciassette anni Armando Gasiani, contadino e partigiano bolognese, viene deportato a Mauthausen, il terribile campo di sterminio austriaco. Con lui il fratello Serafino, più grande di pochi anni. Dopo la drammatica vicenda nel campo, Armando riesce a ritornare ma Serafino muore in prigionia. Una storia d'amore e di politica, una visione sull'Italia contadina e operaia e sulla conquista della democrazia. Armando Gasiani torna in un Paese intento a dimenticare e a superare le colpe per poter stare al tavolo dei vincitori della seconda guerra mondiale e per questo, non ascoltato da nessuno, resta in silenzio per cinquant'anni. La notte di natale del 1997, grazie all'amore e al coraggio della moglie Maria, Armando assiste al film "La vita è bella" con Roberto Benigni e in un fiume di lacrime inizia a raccontare a molti giovani la sua storia. Così la vicenda personale diventa memoria di tutti, come in una Resistenza posticipata.
13,00

Il bosco di Mestre

di Michele Zanetti

editore: nuovadimensione

pagine: 160

Un volume che racconta uno dei primi esperimenti in Italia di creazione di un bosco alla periferia di una grande città. All'interno due itinerari in bicicletta nel bosco, curati da Alberto Fiorin. Un libro scientifico e divulgativo allo stesso tempo che racconta tutte le fasi della realizzazione del bosco e del suo futuro utilizzo da parte di cittadini e turisti. Un modo per vivere il bosco, conoscere il suo equilibrio e le sue bellezze, la sua origine e le sue potenzialità, magari vivendolo a piedi o in bici attraverso itinerari suggestivi e adatti a tutti. Con una Prefazione di Massimo Cacciari.
16,00

E per patria una lingua segreta

editore: nuovadimensione

pagine: 192

Tra interviste a rom, testimonianze di operatori che li frequentano per lavoro o per volontariato, ricerche e indagini, il libro traccia una mappa della situazione dei nomadi (rom e sinti) nel territorio veneziano. Vengono chiamati nomadi, ma la stragrande maggioranza di loro vive stabilmente nello stesso luogo. Sono sentiti come stranieri e invece moltissimi sono di nazionalità italiana. Si pensa che vogliano vivere nelle roulotte, nei campi, quasi tutti invece preferiscono una casa, proprio come le nostre. L'atteggiamento più diffuso nei loro confronti è basato sul sospetto, sulla diffidenza: sono vissuti come "nullafacenti" e "ladri per vocazione". La ricerca presentata in questa pubblicazione e condotta dal Coses per conto della Provincia di Venezia è un contributo alla conoscenza di una comunità che vive in mezzo a noi e che normalmente nessuno ascolta. Una cultura da conoscere e da difendere, un patrimonio da condividere.
14,00

Il sale sul tarassaco. Michele Mezzaroba, dall'infanzia friulana a Mauthausen

di Francesca Bearzatto

editore: nuovadimensione

pagine: 240

Tre ragazzi cresciuti assieme si ritrovano nel campo di concentramento di Mauthausen
14,50

Muri, lacrime e za'tar. Storie di vita e voci dalla terra di Palestina

di Gianluca Solera

editore: nuovadimensione

pagine: 448

Muri, lacrime e za'tar è il viaggio di un pellegrino che ha evitato i tour organizzati per scoprire luoghi e persone della Terra Santa. Riunisce in sé l'anima politica e quella spirituale di un'indagine sulla gente che, trovatasi prigioniera dell'ultima ideologia etno-coloniale, resiste affidandosi alla forza travolgente della vita e a certe piccole cose, come lo za'tar (il timo) nell'olio d'oliva, in cui si intinge il pane casereccio. In tempi nei quali si sta cercando di cancellare l'identità della Palestina dalle cartografie, l'autore registra segni e parole, e documenta sia la sofferenza palestinese che le conseguenze sociali e umane dell'occupazione sugli israeliani. Attraverso associazioni della vivace società civile, incontrando politici, rifugiati e professori, vescovi e patriarchi, resistenti e gente comune, si ricostruisce tassello dopo l'altro il quadro di una terra confusa e spaccata. Nel libro possiamo ascoltare la testimonianza di un intransigente colono di Qiryat Arba che descrive Hebron da entrambi i lati; o farci condurre per mano da un rabbino tra i beduini che vivono nelle baracche alla periferia degli eleganti insediamenti israeliani a Est di Gerusalemme. Tra i Muri ci sono sempre delle fessure, e le persone di buona volontà o quelli che disperatamente cercano di vivere con dignità sanno incontrarle. E passarci attraverso.
18,00

Vino, amore e...

di Guerrino Moretto

editore: nuovadimensione

pagine: 168

12,00

Il profumo del gelsomino. L'Iraq che ho nel cuore

di Anna Mazzolini

editore: nuovadimensione

pagine: 144

Un Iraq diverso, fatto di persone comuni, che vivono la vita di tutti i giorni: Zein, il vivace e brillante libraio di Baghdad; i ragazzini lustrascarpe in attesa fuori dall'albergo; Mohammad, il simpatico venditore di tappeti; il saggio venditore di incenso; Kamal, un cameriere dai lunghi baffi scuri. Una terra palpitante di vita e di colori, affascinante ed esotica, ma anche impoverita e "costretta" sotto il giogo dell'embargo. Dal suk degli animali al mirabolante matrimonio all'irachena; dai taxi arrancanti sulle strade malridotte alla grassa e succulenta carpa del Tigri offerta su piatti d'argento; dai rituali magico-religiosi con le spade ai meravigliosi giardini da mille e una notte profumati al gelsomino. Anna Mazzolini ha passato per oltre 15 anni tutte le sue ferie in Iraq, come volontaria di Un ponte per..., a a stretto contatto con la popolazione irachena. Racconta quella terra con amore e nostalgia, sfatando tanti pregiudizi e luoghi comuni.
12,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.