Il tuo browser non supporta JavaScript!

Il mulino: Percorsi

Politiche attive del lavoro, servizi per l'impiego e valutazione. Esperienze e percorsi in Italia e in Europa

editore: Il mulino

pagine: 385

Negli ultimi dieci anni il ricorso ai programmi di politica del lavoro è divenuto una delle linee di policy più importanti dei sistemi nazionali di welfare state. Le politiche attive per il lavoro e le modalità di una loro integrazione con quelle passive (di più vecchia data) sono uno strumento chiave della strategia europea per l'occupazione: le politiche attive svolgono infatti un ruolo centrale nell'accrescimento dell'entità e dell'elasticità dell'offerta di lavoro. Questo volume offre una panoramica completa dei percorsi di implementazione nazionali e regionali, esaminando aspetti distintivi quali i contesti di riferimento, le istituzioni coinvolte (in particolare il ruolo dei servizi pubblici per l'impiego), i gruppi target delle politiche, il nesso tra politiche attive e dinamiche macroeconomiche, le strumentazioni e le problematiche di attuazione concreta delle misure adottate, nonché il monitoraggio e la valutazione di efficacia di queste ultime.
28,00

La contabilità economico-patrimoniale nelle università. Aspetti metodologici e principi contabili

editore: Il mulino

pagine: 335

La necessità di introdurre la contabilità economico-patrimoniale nelle università, sempre più sentita tra i manager degli atenei, è sostenuta da una generale tendenza alla trasformazione dei sistemi contabili da parte delle amministrazioni pubbliche produttrici di beni e servizi, oltre che dalle recenti indicazioni delle Linee Guida del Governo per l'Università. Tanto che nel prossimo futuro è ragionevole aspettarsi un progressivo abbandono della contabilità finanziaria, al fine di garantire una maggiore responsabilizzazione e una più efficace capacità di gestione delle risorse. Il presente volume, che scaturisce da un confronto internazionale e dall'analisi delle esperienze degli atenei che hanno già sperimentato tale innovativo processo, affronta il tema sia dal punto di vista teorico, mettendo in luce le ragioni che spingono all'adozione della contabilità economico-patrimoniale, sia dal punto di vista tecnico, formulando proposte sui principi contabili e sugli schemi di bilancio che possono essere utilizzati dalle università che optino per il nuovo sistema.
25,00

Cipolle a colazione. Identità locale e immigrati a Portomaggiore e Argenta

editore: Il mulino

pagine: 180

Perché in un contesto apparentemente fra i più favorevoli non è possibile realizzare un'integrazione senza tensioni? "Cipolle a colazione" riporta i risultati di un'indagine promossa dai comuni di Portomaggiore e Argenta sulle ragioni del senso di insicurezza dei cittadini, cresciuto in seguito all'arrivo di molti immigrati, soprattutto di origine pachistana, che oggi costituiscono il 10% della popolazione dei due comuni. Nessuno di loro porta via il lavoro agli italiani, la criminalità non è aumentata, efficienti amministrazioni comunali hanno attuato tempestive politiche di integrazione, la cittadinanza non ha problemi economici ed è tradizionalmente animata da orientamenti progressisti e da un elevato capitale sociale. Eppure ... Questo, dunque, non è un libro sugli immigrati, ma sugli emiliani di provincia che si sono trovati a convivere con pachistani, marocchini, badanti dell'Europa orientale. Partendo dall'assunto che i loro timori non debbano essere giudicati, bensì presi sul serio, il volume pone in evidenza i limiti di quegli amministratori che hanno sottovalutato l'impatto dell'immigrazione su coloro che ne fanno esperienza, suggerendo piuttosto un equilibrio tra politiche di rassicurazione e politiche di apertura, destinate a creare e rafforzare gli strumenti del dialogo interculturale. Gli spazi pubblici, la scuola e lo sport sono le aree in cui questi due tipi di politiche possono utilmente intrecciarsi, coinvolgendo in particolare i più giovani.
15,00

Economia e management delle aziende di produzione culturale

editore: Il mulino

pagine: 466

La cultura, l'arte, la creatività - elementi essenziali allo sviluppo delle civiltà e dei popoli - non costituiscono, nonostante la loro specificità, una zona franca dalle valutazioni economiche. Nel tempo, esse hanno dimostrato un preciso ruolo oltre che nella crescita sociale e civile di ogni paese, anche nella sua crescita economica. Ne deriva un sempre più intenso interesse per gli aspetti economici e manageriali del mondo della produzione culturale. Patrimonio, processi, organizzazione, prodotti culturali sono sempre più oggetto di indagine da parte di economisti e studiosi di management. Come in questo volume, nel quale ricercatori e docenti del Dipartimento di Economia e Direzione Aziendale dell'Università Ca' Foscari Venezia - ateneo in cui sono già presenti sul tema un corso di laurea interfacoltà e un master internazionale, e, in prospettiva, un centro di studi sul management delle produzioni culturali - offrono le loro ricerche più recenti in materia di management, gestione strategica e operativa delle aziende che producono cultura. Diciassette saggi esplorano quattro temi base: industria culturale e aspetti produttivi e strategici; marketing e consumi culturali; aspetti organizzativi e di governance; misurazione e controllo. Il volume è destinato a un pubblico plurale: studenti, e studiosi; e anche operatori del settore, alle prese con la gestione quotidiana di una realtà tanto affascinante nei suoi risultati quanto complessa nel suo farsi.
35,00

Produttività e cambiamento nell'industria italiana. Indagini Quantitative

editore: Il mulino

pagine: 395

Superata la crisi del 2001/2002 l'industria manifatturiera italiana è entrata in una fase di ristrutturazione la cui natura ed estensione non sono ancora del tutto evidenti. Qualcuno insiste sull'ipotesi di declino, soprattutto alla luce dei dati sulla crescita e sulla produttività, altri invece pongono in rilievo i successi di numerose medie e grandi imprese. Intento di questo volume, che presenta i risultati di una ricerca promossa dalla Società Italiana di Economia e Politica Industriale (Siepi), è contribuire a una migliore comprensione dei limiti e delle potenzialità di tale processo. Ne emerge un quadro certamente non completo e definitivo, pieno di luci e di ombre, che lascia però intravedere un effettivo cambiamento di passo rispetto al decennio precedente. Dopo un lungo periodo di scarse trasformazioni della composizione settoriale e dimensionale e della "governance" delle imprese, negli ultimi anni il sistema produttivo sembra aver reagito con esiti positivi in termini di competitività. Queste novità, peraltro, non hanno ancora trovato piena evidenza nei dati statistici aggregati. Nel 2008/2009, le stesse imprese, ristrutturate e non ristrutturate, sono state colpite da una nuova e ben più grave crisi, che le sta sottoponendo alla durissima prova di una caduta verticale della domanda. Fra non molto sapremo chi ha vinto o perso, anche per effetto delle scelte fatte negli ultimi anni, e capiremo quale prospettiva attende l'economia italiana nel prossimo futuro.
28,00

I Sud. Conoscere, capire, cambiare

editore: Il mulino

pagine: 419

Con la fine della guerra fredda è tramontata anche l'ideale suddivisione del pianeta in tre mondi. Il cosiddetto "secondo mondo" è scomparso, e primo e terzo mondo sono assurti al ruolo di Nord e Sud globali. Se è vero che è proprio nei "Sud" che in questi ultimi anni stanno avendo luogo i cambiamenti più significativi, è possibile cercare di capirli più a fondo? Da questa domanda nasce il presente volume. Frutto della riflessione di un folto gruppo di studiosi di differenti nazionalità e competenze, i saggi qui raccolti non prendono le mosse da modelli aprioristici, ma piuttosto da premesse scaturite dall'analisi delle realtà attuali. Verificata l'inadeguatezza tanto della teoria della modernizzazione quanto di quella della dipendenza, si cerca qui di uscire dalle categorie convenzionali, smontare le geografie simboliche e interrogare le voci subalterne, assumendo il Sud come angolo visuale. Solo così, liberandosi dallo schema che ci ha abituati a relegare i Sud al rango di periferie del mondo, si può cogliere appieno il valore di una realtà diversa, capace di elaborare un'idea autonoma di modernità, nella quale le ricchezze immateriali tornano ad assumere un ruolo centrale.
29,00

Il bisogno di decidere. Termovalorizzatori: dalla politica dei rifiuti al rifiuto della politica

editore: Il mulino

pagine: 302

Parlare di trattamento dei rifiuti urbani significa affrontare un nodo cruciale del governo del territorio oltre che delle politiche ambientali. Nei diversi contesti nazionali, la partecipazione è proposta quale ingrediente spesso opportuno, talvolta indispensabile, per dare efficacia alle politiche pubbliche, specie in materia territoriale: dalla mobilitazione dei cittadini nell'Agenda 21 locale e dalle retoriche che ne sono derivate in ogni parte del mondo; ai meccanismi di consultazione del pubblico nell'ambito delle procedure di valutazione degli impatti ambientali e/o strategici delle modificazioni territoriali; al sempre più frequente utilizzo di procedure formalizzate di coinvolgimento delle comunità locali nei processi decisionali che riguardano la realizzazione di grandi infrastrutture; insomma, dovunque si ritiene che la definizione e la messa in opera di una qualche modalità di "partecipazione" sia una condizione di efficacia delle politiche più problematiche e conflittuali. Il volume si propone di sciogliere le virgolette attorno al lemma partecipazione, e a tale scopo presenta una serie di studi di caso italiani ed europei - sul trattamento dei rifiuti mediante impianti e tecniche di termovalorizzazione. Così facendo si pone l'obiettivo di verificare se e a quali condizioni il coinvolgimento attivo delle popolazioni possa rivelarsi utile alle esigenze e alle responsabilità decisionali della rappresentanza politica.
24,00

Valutare per migliorare. Una nuova prassi valutativa nella formazione

editore: Il mulino

pagine: 160

Il volume illustra l'esperienza del Nucleo di Valutazione per la selezione delle offerte formative relative al Fondo Sociale Europeo della Provincia Autonoma di Trento, presentandone i fondamenti culturali e le prassi operative messe in atto. Terzietà dell'azione valutativa nei confronti del decisore politico e degli altri componenti della comunità coinvolta, trasparenza, dialogo con l'amministrazione e con i soggetti formativi sono i tre aspetti che caratterizzano questo modello di valutazione ex ante, originale ed esemplare nel contesto italiano. L'esempio trentino vuole contribuire al miglioramento nella definizione dei progetti formativi che aspirano al finanziamento del Fondo Sociale Europeo, ma anche alla diffusione di una cultura della valutazione che miri a consolidare un'etica della responsabilità. Non bisogna infine trascurare l'impatto economico di questo procedimento: l'esperienza compiuta dimostra come gli oneri impiegati nella valutazione ex ante si siano rivelati un investimento di elevato e rapido ritorno.
14,00

Gli archivi e la storia del pensiero economico

editore: Il mulino

pagine: 344

Frutto di un lavoro di ricerca nato nell'ambito dell'Archivio Storico degli Economisti, questo volume offre una riflessione in prospettiva metodologica sul problema delle fonti nella storia del pensiero economico, presenta al lettore una selezione di studi specifici, che utilizzano in larga misura fonti archivistiche accanto alle fonti edite, dedicati a protagonisti della teoria e della politica economica, illustra infine la struttura e i contenuti di una serie di archivi in cui sono confluite le carte degli economisti. La documentazione archivistica, nell'ambito di una strategia integrata di ricerca, chiarisce problemi, questioni, snodi irrisolti nella storia della teoria e della politica economica.
25,50

Lo Stato negli anni Trenta

Istituzioni e regimi fascisti in Europa

 

editore: Il mulino

pagine: 297

Il terzo decennio del Novecento ha costituito per le istituzioni dell'Europa continentale una cesura storica di grande rilievo
22,40

La contraddizione virtuosa

Il problema educativo, don Milani e il Forteto

 

editore: Il mulino

pagine: 181

L'educazione è diventata una delle questioni più urgenti del nostro tempo
16,00

Donne di medicina. Il percorso professionale delle donne medico in Italia

di Giovanna Vicarelli

editore: Il mulino

pagine: 240

Il volume narra i molti e difficili percorsi delle donne medico in Italia: dalle "pioniere" che tra la fine dell'Ottocento e l'inizio Novecento decisero di scegliere la medicina come professione, a coloro che subirono la politica restrittiva del regime fascista verso il lavoro femminile, fino alla lenta e definitiva emancipazione di fine Novecento, quando le donne riuscirono tra l'altro ad affrancarsi da una specializzazione considerata tipicamente femminile quale la pediatria. Il percorso di "femminilizzazione" della medicina italiana viene infine posto a confronto con le modalità di crescita del professionalismo medico in altri paesi europei, così da rintracciare le specificità e in certa misura il ritardo che anche su questo versante sembra caratterizzare l'Italia.
19,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookies policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookies.

Acconsento