Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di A. Ferraro

Teorie della narrazione. Dai racconti tradizionali all'odierno «storytelling»

di Guido Ferraro

editore: Carocci

pagine: 284

La teoria della narrazione, fondata da maestri della semiotica quali Propp, Greimas e Lévi-Strauss, è stata poi oggetto di gra
14,00

La memoria dell'amore. Sull'imparare le cose che non si possono insegnare

di Giuseppe Ferraro

editore: Chiarelettere

pagine: 208

La memoria è la stanza dei sentimenti
15,00

Genova di carta. Guida letteraria della città

di Alessandro Ferraro

editore: Il palindromo

pagine: 256

"Genova di carta" è una guida letteraria della città, uno strumento per osservarla attraverso il filtro magico della scrittura
18,00

Nel laboratorio di Alessandro Tassoni: lo studio del «Furioso» e la pratica della postilla

di Luca Ferraro

editore: Cesati

pagine: 264

Alessandro Tassoni è passato alla storia come spirito bizzarro ed imprevedibile quando poeteggia, scrive saggi o postilla
27,00

Rugby. Regolamento allenamento strategie

di Giuseppe Ferraro

editore: De Vecchi

pagine: 128

Un manuale per imparare le regole e comprendere azioni e fasi di gioco di uno sport sempre più popolare, capace di coniugare u
10,00

Teorie della narrazione. Dai racconti tradizionali all'odierno «storytelling»

di Guido Ferraro

editore: Carocci

pagine: 283

La teoria della narrazione, fondata da maestri della semiotica quali Propp, Greimas e Lévi-Strauss, è stata poi oggetto di grande attenzione anche da parte di psicologi, storici, specialisti di letteratura e di cinema, di marketing e di comunicazione politica, sicché oggi il tema dell'espressione narrativa, o dello storytelling, si presenta come centrale. Nel libro, una rilettura in chiave attuale delle teorie classiche offre una visione profondamente nuova dell'universo narrativo: una prospettiva che tiene conto anche degli apporti di altre discipline, dell'odierna attenzione per gli impieghi operativi del narrare, nonché dello stretto legame che le forme narrative intrattengono con i processi emozionali e con i tanti modi in cui cerchiamo di rendere leggibile la realtà che ci circonda e di dare un senso alla nostra esperienza di vita. Il volume vale dunque come introduzione aggiornata alla materia, di cui propone una sistemazione teorica nuova e originale, presentata grazie anche a un ricco apparato di esempi che spaziano dalla letteratura al cinema, dal folclore alla musica, dal melodramma alla pubblicità.
27,00

Bambini in filosofia

di Giuseppe Ferraro

editore: Castelvecchi

pagine: 171

Perché fare filosofia con i bambini? Per sentire risposte che non sappiamo più trovare? Per ridare forza alla professione di insegnante, sommersa e provata da riforme che ne minano il senso e ne cancellano la passione? Per tutte queste cose insieme, risponde Giuseppe Ferrara, filosofo che da anni si impegna a parlare di filosofia con i bambini. In questo libro racconta la sua straordinaria esperienza nelle scuole elementari di Napoli, in cui ha cercato di restituire alla filosofia una funzione, un compito e una posizione sociale da troppo tempo anestetizzata nelle mura accademiche o ridotta a un sapere specialistico di chi parla e discute senza farsi capire e senza capirsi. Con i bambini, la filosofia può tornare a vivere quella meraviglia da cui è nata più di duemila anni fa.
16,00

Rugby. Regolamento allenamento strategie

di Giuseppe Ferraro

editore: De Vecchi

pagine: 128

Il punto di riferimento per chi vuole conoscere, praticare o migliorare uno sport
9,90

Mafia e psicopatologia. Crimini, vittime e storie di straordinaria follia

editore: Franco Angeli

pagine: 188

La mafia è un'organizzazione psicopatologica oppure no? Ancor prima di rispondere a questa domanda, è necessario interrogarsi
25,00
16,00

La pena visibile (o della fine del carcere)

di Salvatore Ferraro

editore: Rubbettino

pagine: 182

"La pena visibile" è una teoria dell'esecuzione penale che mira a dimostrare come l'esperienza dell'utilizzo del carcere, quale luogo ideale e irrinunciabile dell'esecuzione della sanzione penale, deve ritenersi finita: causa fallimento. Questa teoria non si limita a offrire fatti e argomentazioni atti unicamente a descrivere e provare le ragioni di questo fallimento. È una teoria che aspira a molto di più. Essa, infatti, oltre a offrire ragioni nuove e più profonde nello spiegare dove e in che modo il carcere abbia rivelato i suoi lati deboli, paradossali e contraddittori, mira a modellare un nuovo scenario esecutivo della pena: alternativo, utile e produttivo. Questo modello è fondato su una specifica qualità: la visibilità, ossia la possibilità, da parte della società e della vittima del reato, di partecipare il percorso sanzionatorio inflitto al reo; e muove da due presupposti, meglio, due urgenze fondamentali: ricreare intorno al reo un nuovo ambiente "condizionante" e dissolvere "l'ambiente carcerario".
12,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento