Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Pietro Trifone

Brutte, sporche e cattive. Le parolacce della lingua italiana

di Pietro Trifone

editore: Carocci

pagine: 132

Le parolacce sono i palliativi verbali delle molteplici miserie e angosce che segnano l'umano arrancare
13,00

Pocoinchiostro. Storia dell'italiano comune

di Pietro Trifone

editore: Il mulino

pagine: 243

Non solo Dante, Leopardi, Manzoni: nella costruzione della lingua italiana un ruolo importante è quello svolto da tanti umili
16,00 12,80

La lingua del teatro

editore: Il mulino

pagine: 273

È l'ottavo volume della serie curata da Rita Librandi e dedicata alla storia della lingua italiana per generi. Stavolta è il turno del teatro, di cui il volume traccia un prezioso profilo linguistico, che muove dall'inizio del Cinquecento e dalle commedie di Ariosto e che, passando per Ruzante, la commedia dell'arte e la riforma goldoniana, giunge infine alle esperienze otto-novecentesche di Verga, Pirandello, Edoardo e Dario Fo.
24,00

Storia linguistica di Roma

di Trifone Pietro

editore: Carocci

pagine: 128

La capitale d'Italia ha una storia linguistica turbinosa: l'originario dialetto di tipo meridionale ha conosciuto un'autentica
12,00

Storia linguistica dell'Italia disunita

di Pietro Trifone

editore: Il mulino

pagine: 205

Un ritratto ironico e leggero della grammatica e del vocabolario della disunione italiana, a cominciare dalle aggressive formule usate da italiani contro altri italiani. Che non risparmiano neppure il nome del paese, apertamente deriso attraverso parole come "Italietta", "italioti", "italico", "italiesco" o locuzioni come "Italia alle vongole" e "all'italiana". Di questi e di tanti altri stereotipi negativi (da "terrone2 a "polentone", da "sudici" a "lumbard", da "beduino" nel senso di 'meridionale' a "baluba" nel senso di 'settentrionale') è ricostruita una storia divertente oltre che istruttiva. Il libro discute anche della faziosità attribuita a Dante; confronta i problemi linguistici della giovane Italia unita del 1861 con quelli di oggi, spiegando perché gli italiani non capiscono le parole dell'inno nazionale; descrive Roma come capitale "alla matriciana", anzi come "capoccia"; tratteggia le diverse immagini del paese che emergono dai neologismi di origine dialettale.
16,00 12,80

L'italiano nel mondo

editore: Carocci

pagine: 128

A che punto è lo studio dell'italiano all'estero? Quali motivi spingono a intraprenderlo? Sulla base di un'indagine planetaria il libro mostra come la nostra lingua mantenga ancora una posizione di rilievo, promossa da una pluralità di fattori, in sintonia con le diverse anime di un paese che coniuga tradizione e modernità. Ma la sua carta migliore rimane ancora la forza di attrazione di una cultura in cui il mondo riconosce uno dei vertici della civiltà occidentale.
12,00

Malalingua. L'italiano scorretto da Dante a oggi

di Pietro Trifone

editore: Il mulino

pagine: 211

Questo libro rovista nella "pattumiera" della lingua italiana: dal Dante più scorretto al Verga più anomalo; dalle storpiature
16,00

Malalingua. L'italiano scorretto da Dante a oggi

di Pietro Trifone

editore: Il mulino

pagine: 211

Questo libro rovista nella pattumiera della lingua italiana: dal Dante più scorretto al Verga più anomalo; dalle storpiature d
12,00 9,60

La nuova grammatica della lingua italiana

editore: Zanichelli

pagine: 768

La descrizione della strutture grammaticali della nostra lingua, riportata in questo volume, è accompagnata da un insieme di p
62,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.