Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Mondadori: Oscar classici greci e latini

Aulularia-Miles gloriosus. Testo latino a fronte

di T. Maccio Plauto

editore: Mondadori

pagine: 304

Scritte e rappresentate all'epoca della Seconda guerra punica, queste due commedie costituiscono i vertici della produzione pl
10,00

Annali

di P. Cornelio Tacito

editore: Mondadori

pagine: 620

13,00

Annali. Libro 1º

di P. Cornelio Tacito

editore: Mondadori

pagine: 769

14,00

Aitia-Ecale-Giambi-Inni

di Callimaco

editore: Mondadori

pagine: 550

Questo volume raccoglie alcuni dei capolavori della poesia ellenistica e del suo esponente più celebre e significativo, Callimaco: gli Aitia, ovvero "le cause": il maggiore poema dell'autore, comprendente narrazioni mitiche che spiegano l'origine delle cerimonie e delle feste religiose delle diverse località della Grecia; Ecale, un poemetto di cui ci restano pochi versi, che diede origine al genere dell'epillio ed è incentrato su una vicenda secondaria dell'eroe Teseo; i Giambi, componimenti di antica tradizione lirica, rapidi e pungenti, che Callimaco riveste dei suoi tipici toni lievi e pieni di aggraziata erudizione; infine i sei Inni, scritti sul modello omerico reinterpretato in chiave celebrativa della dinastia tolemaica.
10,00

Menaechmi-Rudens

di T. Maccio Plauto

editore: Mondadori

pagine: 282

Fortunato prototipo di tutte le "commedie degli equivoci", «Menaechmi» mette in scena le esilaranti vicende di due fratelli ge
10,00

Poenulus­Truculentus. Testo latino a fronte

di Plauto T. Maccio

editore: Mondadori

pagine: LII-273

Attraverso le vicende del cartaginese Smerciato, rapito e venduto come schiavo da bambino e al centro di una complicata vicend
15,00

Le storie. Testo latino a fronte

di P. Cornelio Tacito

editore: Mondadori

pagine: 846

Opera fondamentale della latinità e di tutta la storiografia occidentale, "Le storie" di Tacito furono scritte intorno al 110 d.C. e narrano - nella parte a noi pervenuta - i fatti del 69-70 d. C., dal famoso "anno dei quattro imperatori" succeduti a Nerone alla prima guerra giudaica con l'assedio di Gerusalemme. Benché incomplete, "Le storie" costituiscono un prezioso documento per conoscere la storia del I secolo dell'Impero e un raffinato documento letterario, di straordinaria densità e forza espressiva. Severo, solenne, Tacito scava nel profondo degli animi degli uomini per dipingere senza infingimenti la brama di potere di chi regna, l'ipocrisia dei cortigiani, la volubilità degli eserciti, l'insensatezza del volgo. Con un'analisi lucida e un giudizio acuto, innalza il contingente - la vicenda del principatus romano - a categoria storica universale, mostrando come la corruzione dei valori, il benessere e l'avidità abbiano portato alla fine di quella libertas mai sufficientemente rimpianta. Ancora oggi le sue parole permettono di penetrare nei disegni nascosti dei governanti, mostrando "di che lacrime grondi e di che sangue" la facciata del potere.
15,00

Il rapimento di Proserpina

Testo latino a fronte

di Claudiano Claudio

editore: Mondadori

La fine del IV secolo dell'era cristiana vede, nella penisola italica, profonde trasformazioni della sensibilità letteraria e
9,50

Asinaria­Captivi

Testo latino a fronte

di Plauto T. Maccio

editore: Mondadori

I due testi plautini qui raccolti, risalenti al periodo tra la fine del III e l'inizio del II secolo a
10,50

Satire

Testo latino a fronte

di Giovenale D. Giunio

editore: Mondadori

Nella Roma che ha consolidato la propria posizione di potenza egemone un uomo, un poeta, vede il mondo cambiare e, con un'inqu
11,00

La Mosella e altre poesie. Testo originale a fronte

di Decimo Magno Ausonio

editore: Mondadori

pagine: 150

Nato a Burdigala, l'odierna Bordeaux, all'inizio del IV secolo, Ausonio, grammatico e retore di notevole erudizione, formatosi nelle province dell'Impero, cristiano tiepido e forse un po' opportunista, animato però da un fervido amore per la cultura classica, è stato una figura di "transizione" tra epoca antica e Medioevo romano-barbarico. Considerato a lungo un "minore", un prolifico verseggiatore, le sue opere tuttavia costituiscono una preziosa fonte di informazioni su personaggi, usi e costumi del tardo Impero e, a una lettura più approfondita, come quella che in questo volume ne dà Luca Canali, egli appare poeta di sensibilità moderna che trova nei temi del doppio, dell'ambiguità del reale e di una lieve quanto inattesa ironia la sua vocazione più autentica. Lo provano i componimenti qui raccolti, testimonianza di una letteratura intesa come gioco colto e raffinato ma anche vivificata da una profonda esigenza di rinnovamento che passa attraverso la mescolanza dei generi e dei toni: dai delicati quadretti paesaggistici alle invettive oscene, dalla celebrazione erudita delle opere d'arte ai versi d'amore.
12,00

Epigrammi

Testo greco a fronte

di Archia

editore: Mondadori

Vissuto nel I secolo a
10,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.